I mosaici più belli di Ravenna

Percorso tra i celebri mosaici di Ravenna riconosciuti dall'Unesco come Patrimonio Mondiale dell'Umanità

Mausoleo di Galla Placidia, Ravenna

Ravenna, già Capitale italiana della cultura nel 2015, capitale imperiale lo fu davvero agli albori del quinto secolo e, questo fattore, le permise di essere un centro di potere e religioso di primo piano. Le testimonianze di quell’epoca e di quelle successive sono rappresentate da monumenti e chiese che la rendono tutt’oggi una città preziosa dove si sviluppò in modo magistrale, l’arte del mosaico. Per fortuna e nonostante il periodo di decadenza vissuto quando Ravenna cessò di essere capitale imperiale, sono giunti fino a noi dei mirabili mosaici in perfetto stato di conservazione che hanno permesso alla città di essere riconosciuta dall’UNESCO come Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Chi desidera organizzare un percorso alla scoperta di queste testimonianze che hanno reso Ravenna di essere considerata ‘la città del mosaico’, non deve far altro che seguire questi nostri suggerimenti considerando che tutti i più importanti monumenti sono ubicati nel piccolo centro storico, tranne la Basilica di Santa Apollinare in Classe e il Mausoleo di Teodorico.

Non lasciatevi ingannare dall'aspetto esterno della Basilica di San Vitale: è sufficiente entrare al suo interno per ammirare tutto il suo splendore.

Mosaico presente nella Basilica di San Vitale che raffigura l'Imperatore Bizantino Giustiniano
Foto di mountainpix

Non si può assolutamente perdere la visita della Basilica di San Vitale che si trova vicinissima al Mausoleo di Galla Placidia. Non lasciatevi ingannare dall’aspetto esterno dell’edificio che, al pari di altre costruzioni risalenti all’epoca bizantina, sono costruiti con semplici mattoni e non in modo appariscente ma è sufficiente entrare al suo interno per ammirare tutto il suo splendore. Gli splendidi mosaici si trovano solo nell’abside ed è possibile notare la differenza che intercorre nello stile che, in questi, richiama più all’arte orientale. Nel Mausoleo di Galla Placidia i mosaici coprono tutta la superficie interna che si trova interrata di circa un metro e mezzo a causa dell’abbassamento del suolo. E’ necessario attendere che gli occhi si abituino alla penombra per poter ammirare la bellezza delle decorazioni anche se, il vero capolavoro è il mosaico che raffigura Cristo come Buon Pastore e si trova nella lunetta che domina la porta di ingresso.

Anche nel Battistero degli Ortodossi (anche detto Neoniano) conserva dei mosaici che coprono cupola e parte delle pareti e che grazie ad un rialzamento di ben tre metri del pavimento rispetto a quello originale, permette una migliore visione di queste opere d’arte.
C’è solo un mosaico che orna la cupola del Battistero degli Ariani ma merita una visita, così come il bel pavimento dell’abside originale risalente al quinto secolo che si trova nella Basilica di San Francesco.

Ultime due tappe sono quelle dedicate alla visita della Basilica di S.Giovanni Evangelista dove si possono ammirare i mosaici originali del pavimento che ora sono disposti lungo tutto il perimetro e la Domus dei Tappeti di Pietra, trovata casualmente nel 1993 a seguito di lavori per la realizzazione di un garage. Oggi è possibile visitare diversi ambienti decorati a mosaico che sono giunti fino a noi.

Le tradizioni e le tecniche di un tempo sono tuttora realizzabili da mastri artigiani come la Edilpietra Srl che opera nella costruzione di mosaici, muri in pietra e pavimentazioni, ideali per il vostro giardino e il vostro terrazzo.

Articoli correlati

Presbiterio di San Vitale, Ravenna
Ravenna
Foto di Lawrence OP
Capitale di ben tre imperi Ravenna rifulge ancora del suo immutato splendore
guarda
Cala Celeste
Ravenna
Foto di Cala Celeste
Sia in inverno avvolta dalla nebbia che durante la bella stagione quando il sole risplende alto, Ravenna è una cittadina dalle emozioni i..
guarda
Al Teatro
Ravenna
Foto di Al Teatro
Recensione dei bed and breakfast di Ravenna più romantici e ricchi di fascino, ideali per una fuga d'amore del week end.
guarda
Tanta storia, arte e buona cucina: ecco Ravenna e le sue migliori pizzerie
guarda
Scegliendo una sistemazione economica centrale si avrà la possibilità di vivere al meglio le tradizioni e la storia di Ravenna
guarda
Forlì
Forlì
Weekend di cultura nei musei di San Domenico
Bed and Breakfast Le Stanze di Torcicoda a Ferrara
Ferrara
La posizione centrale del bed and breakfast Le Stanze di Torcicoda lo rende l'ideale punto di partenza per un tour romantico alla scoperta..
Venere di Urbino
Tiziano
Foto di Wikipedia
Recensioni, storia, curiosità e in quali città si trovano le dieci opere più belle di Tiziano.

Cosa visitare nei dintorni di Ravenna Per chi ama viaggiare

Clicca qui per attivare la mappa

Cosa mangiare a Ravenna Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Prosciutto
Insaccato prodotto dalla coscia del maiale che viene conciata e stagionata in appositi depositi. Il più famoso per la sua dolcezza è quello di Parma.
guarda
Tagliatelle al ragù
Si deve fare rosolare nel burro la carne di vitello tritata, prosciutto, carota, sedano, cipolla, pomodori e facendo cuocere il sugo che condirà le tagliatelle preparate in casa.
guarda
Lasagne alla bolognese
Famoso in tutto il mondo. Preparato con sfoglia all’uovo rettangolari poste in una pirofila alternando strati di ragù, besciamella e Parmigiano Reggiano grattugiato e cotte al forno.
guarda
Anolini
Gli anolini parmensi sono un composto di mollica, parmigiano, uova e spezie. Generalmente si servono in brodo.
guarda
Squacquerone
E’ un formaggio fresco e cremoso di colore bianco caratteristico Romagnolo, oggi diffuso non solo in Emilia Romagna . Si usa metterlo sulle piadine.
guarda
Piadina
Semplice impasto di farina, strutto e sale trasformato in un disco cotto su un piano di pietra e servito guarnito di prosciutto e squaquarone
guarda
Zampone
Prodotto con un impasto di carni suine, avvolto dall'involucro formato dalla zampa di un maiale e dopo averlo lessato si gusta da solo o con lenticchie.
guarda
Tortellini in brodo
Piatto tipico emiliano e composti da sfoglia ripiena di carne, prosciutto, mortadella, uova, parmigiano e aromi e poi cotti nel brodo.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK