Piazza di Spagna e Trinità dei Monti

Weekend in Lazio

Lo storico latino Varone, fissa al 21 aprile 753 a.C. l’anno della fondazione di Roma. Quella data incerta non precisa come nacque la città ma a noi piace lasciare l’incerta oggettività archeologica per abbracciare il mito che narra la storia dei gemelli Romolo e Remo allattati dalla Lupa che era stata attratta nella palude del Velabro, dal pianto dei due neonati abbandonati dallo schiavo del re Amulio che ne aveva ordinato  a lui l’uccisione. Sappiamo però la storia di Roma, dai suoi sette re, alle conquiste dell’Impero Romano, al Cristianesimo che qui è nato e ha trovato la sua sede universale.
Roma è tutto per i turisti che la visitano estasiati restando sorpresi dalla ricchezza dei suoi monumenti, dalle Chiese che sono distribuite in tutta la città e che collezionano straordinarie opere d’arte, dai suoi Musei che raccolgono testimonianze di ogni tipo, dallo scorrere placido del Tevere che i romani chiamano ‘biondo’ un po’ per ironia un po’ per rispetto. Roma è quel traffico che ti paralizza ma anche tramonti color confetto che ammiri dal Pincio tirando un sospiro per tanta bellezza.
Roma è di più…

ALLEGRIA E BUONA CUCINA

Se parli del Lazio non puoi non citare i Castelli Romani che cingono la Capitale con un territorio di dolci colline rotto da laghi di origine vulcanica che ne impreziosiscono la morfologia. Qui trovi il regno di quella cucina tipica e casareccia che puoi assaporare in locande e hostarie dove il tempo passato non è passato del tutto e ancora rimane legato a tradizioni per le quali, bere una fojetta mangiandoci sopra un pezzo di deliziosa porchetta di Ariccia o un paio di piccantissime coppiette, è la regola. Qui sono nati gli stornelli, frutto dell’ironia tipica di una romanità che esportava la propria allegria in queste zone di campagna dove si veniva a festeggiare qualche evento oppure a consumare la gita ‘fori porta’ del primo maggio o della Pasquetta, portandosi da casa qualcosa da mangiare prima di fermarsi in una osteria per comprare un paio di fiaschi di quello ‘bbono’, il vinello dei Castelli che accompagnava la scampagnata rigorosamente fatta andando  per campi e cercando l’albero più grande per godere della sua rinfrescante ombra.

Mari e monti

Ostia, Lazio
Foto di LaGemella

Il Lazio non può essere solo Roma benché questa sia l’elemento aggregante e portante di questa regione. Il Lazio offre una varietà di situazioni che i visitatori ed i turisti possono  scegliere di sfruttare a seconda delle loro esigenze e desideri.

Qui troviamo il Tirreno che lambisce le coste di sabbia nera e ferrosa non solo del litorale della Capitale, Ostia. Ma anche di tutti quei piccoli paesi che a nord e a sud della foce del Tevere si distribuiscono fino a giungere ai confini con la Toscana da una parte e con la Campania dall’altra. Ma qui puoi trovare le mosse dune di Sabaudia, centro divenuto il buen retiro di molti personaggi famosi; oppure il blu cobalto del mare del Circeo, famoso per la leggendaria maga Circe e l’isola di Ponza dove il pesce è di paranza.

E se lasci il mare perché preferisci la terraferma, il Terminillo ti aspetta in tutta la sua imponenza quasi a guardia di quel territorio che, continuando sulla strada Salaria, ti porta fino ad Amatrice dove è nata un’altra leggenda ma questa volta culinaria.

Necropoli ed abbazie

Viterbo, Lazio
Foto di Valentina_A

Il Lazio è terra che prima del dominio dei latini e dei romani ha visto la presenza di altre civiltà. La misteriosa etnia etrusca ad esempio, che ha lasciato tracce evidenti della sua permanenza con le città stato di Vejo, Cere, Tarquinia dove le necropoli sono ben presenti. Qui, tra alti pini, si possono visitare i tumuli che ospitano le antiche tombe che, per gli etruschi, null’altro erano che una speciale porta che dava accesso al defunto di oltrepassare la dimensione terrena per addentrarsi nell’Ade pieno di divinità che per tutta la vita avevano onorato ed omaggiato.

Ma la religiosità di questo popolo è miscelata con le testimonianze di un passato cattolico che ha visto monaci e frati, rinchiudersi in abbazie dove hanno vissuto quella cristianità alla quale appartenevano. Eremi e abbazie abbarbicate su ruvide colline dove la terra da coltivare era la sola compagna ad una vita fatta di preghiere e privazioni.

Questa atmosfera la si può ritrovare a Montecassino dove San Benedetto da Norcia eresse un luogo di culto nel 529  ma anche nel Convento di Gallese oppure a Farfa Sabina o a Casamari: tutti luoghi questi dove il motto ‘Ora et Labora’ è stato rispettato per secoli.

Province che passione

Lago di Vico - Viterbo, Lazio

L’esplorazione del territorio non può esimere dal considerare Viterbo, la città dei Papi; Latina, dal mussoliniano ricordo di una monumentale bonifica; Rieti dalle alte montagne e ripide colline coltivate a uliveti; Frosinone, terra agricola dalle ciociare caratteristiche.

Ognuna di queste province ha le sue caratteristiche che la differenziano dalle altre anche se tutte sono unite dal denominatore comune di un popolo che si rifà integralmente a quell’origine laziale che per certi versi è unica e che è una propaggine dell’antico popolo latino seppur miscelato con etnie di minore importanza. 

Per un turista che visita il Lazio, ogni punto ha la sua attrattiva che può essere rappresentata da un piatto del folklore oppure da un prodotto tipico o da una leggenda oppure da un personaggio illustre: segno inequivocabile che il Lazio ha sempre qualcosa da offrire per rendere un soggiorno nella sua terra, qualcosa che meriti di guadagnare ricordi indelebili e sensazioni davvero uniche da vivere.

Articoli correlati


Roma, non solo antiche rovine e capolavori artistici di valore inestimabile, ma anche ristoranti gourmet
B&b Borgo Antico di Rocca Massima
Rocca Massima
Un piccolo gioiello in stile shabby provenzale vi accoglierà con calore
La Scorpacciata
Fiumicino
Godetevi il mare e la possibilità di mangiare in riva al mare in uno dei migliori ristoranti di pesce di Fiumicino
Gaeta
Gaeta
Gaeta è bella da levare il fiato da qualunque parte la si guardi: la maestosità dei suoi castelli e la spiaggia di sabbia bianca e fine ..
Il B&B C'era una volta
Terracina
Un confortevole ed economico Bed & Breakfast a Terracina vi farà risparmiare senza rinunciare alla qualità ed al comfort
Un soggiorno in un Bed & Breakfast economico ed ubicato al centro di Viterbo sarà la base per tutte le vostre visite alla città
Le Tre Caravelle
Sperlonga
Se amate la tranquillità e la riservatezza, vi suggeriamo di riservare un'economico Bed & Breakfast vicino al centro dell'incantevole Spe..
Il Quartuccio
Gaeta
Per vivere in modo informale la propria vacanza a Gaeta una sistemazione economica è decisamente la scelta migliore
Axia B&B
Viterbo
Foto di Axia B&B
Recensione dei bed and breakfast di Viterbo più romantici e ricchi di fascino, ideali per una fuga d'amore del week end
Demare'
Terracina
Recensione dei bed and breakfast di Terracina più romantici e ricchi di fascino, ideali per una fuga d'amore del week end

Cosa visitare in Lazio Per chi ama viaggiare

Clicca qui per attivare la mappa

Cosa mangiare in Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Spaghetti alla carbo..
Piatto tanto semplice quanto saporito a base di guanciale a cubetti fritto in olio, con spaghetti al dente nei quali si metterà rosso d’uovo mischiato con pecorino grattugiato e pepe
guarda
Coda alla vaccinara
Piatto popolano che si prepara con la coda di vaccina che viene cotta in un sugo di pomodoro, carota, cipolla, sedano, pinoli, uva sultanina e con una spolverata di cacao amaro.
guarda
Gnocchi alla romana
Si preparano con il semolino anziché con le patate e vengono cotti nel latte dopo averli spolverati con formaggio e tuorli d’uovo prima di essere gratinati al forno con burro e parmigiano
guarda
Carciofi alla Giudia
Piatto della tradizione giudaica, realizzati con i carciofi romaneschi che dopo essere stati puliti delle foglie esterne, vengono cotti immersi a testa in giù nell’olio extravergine.
guarda
Saltimbocca alla rom..
Fettine di vitello sopra le quali va posizionata una fetta di prosciutto e una foglia di salvia, poi arrotolate e sigillate con un stuzzicadenti. Cotte con burro e irrorate di vino bianco.
guarda
Abbacchio alla scott..
Piatto della tradizione romana è fatto al forno con le patate. E' un agnellino da latte e può essere cucinato alla cacciatora con aglio, rosmarino, acciuga, peperoncino e vino bianco.
guarda
Porchetta di Ariccia
La porchetta viene cotta alla brace dopo che sia stata aromatizzata con sale, pepe e tantissime erbe. Dopo una lunga cottura viene servita fredda.
guarda
Bignè fritti di San..
Queste paste sono i classici bignè che anziché essere cotti al forno vengono fritti in abbondante olio, riempiti di deliziosa crema pasticcera e imbiancati con zucchero a velo.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK