Weekend a Casale Monferrato

Casale Monferrato un paese tra colline dolci come i suoi Krumiri, ricca di splendidi edifici neoclassici

Duomo di Sant'Evasio

Casale Monferrato fu un importante centro urbano già nel periodo della colonizzazione romana, ed acquisì ancora più importanza dopo la caduta dell’impero romana quando divenne dominio dei Gonzaga che ne fecero una delle più grandi e prestigiose cittadelle dell’Europa. Questa cittadina venne contesa tra francesi e spagnoli e divenne, durante il Risorgimento, uno dei punti difensivi contro gli Austriaci più importanti. Oggi Casale Monferrato è proprio al centro del triangolo industriale Torino, Genova, Milano ed è molto rinomata e conosciuta per la produzione di cemento ma non solo, a livello internazionale è conosciuta anche come la Capitale del Freddo grazie alla davvero sviluppata industria del comprato del freddo, come le vetrine refrigerate o i camion refrigerati.

Visitare Casale Monferrato è davvero bello, in questa cittadina si riconosce ancora oggi la dominazione dei Gonzaga, pensate che fin dopo la metà del Diciannovesimo secolo la città era rimasta circondata dalle mura difensiva senza nessun collegamento possibile con l’altra sponda del Po se non per un ponte di barche. Solo nel 1840 venne inaugurato un solido ponte in ferro intitolato a Carlo Alberto Re di Sardegna che dopo 40 anni venne sostituito da un nuovo ponte in ferro più resistente. L’aspetto neoclassico degli edifici che potete notare durante la vostra visita è stato dato in epoca recente, quando dopo la soppressione dei conventi voluta da Napoleone durante l’Ottocento si avviarono i lavori che ammodernarono i palazzi anche sacri.

Da visitare assolutamente comunque è il Duomo di Sant’Evasio che rappresenta il più antico monumento della città e si annovera anche come una delle più importanti cattedrali in stile romanico lombardo del Piemonte. Se questo Duomo potesse parlare vi racconterebbe un bel pezzo della storia della città è stata ricostruita e restaurata un infinità di volte ma ha mantenuto solidamente le sue caratteristiche medievali.

Particolare in una cittadina così piena di storia religiosa è la presenza della Sinagoga, un'incantevole opera d'arte barocca

Sinagoga
Foto di Eli Shany

La facciata è a capanna e ha due campanili che la incorniciano, ai lati del portone fanno la guardia alla struttura le statue di Liutprando e Teodoinda il re e la regina longobardi. L’interno del Duomo è imponente grazie alle sue cinque navate che sono suddivise dai grandi pilatri , sulla volta potrete ammirare gli affreschi in stile neobizantino di Costantino Sereno. Da visitare anche la chiesa di San Paolo, quella di Santa Caterina e quella di San Domenico.
Particolare in una cittadina così piena di storia religiosa è la presenza della Sinagoga e vi stupirà sapere che non è stata costruita in epoca moderna, ma anzi è stato proprio sotto il dominio di Guglielmo Gonzaga che agli ebrei venne data la possibilità di professare liberamente la loro religione. La Sinagoga è stata continuamente abbellita e sebbene la facciata sia ben mimetizzata con quello che la circonda all’interno gli stucchi d’oro che la decorano massicciamente vi lasceranno a bocca aperta.

Il centro storico di Casale Monferrato è tutto un insieme di bei palazzi medievali ed in stile neoclassico , il castello poi è davvero suggestivo e racchiude l’enoteca regionale dove potrete fare una bella degustazione dei vini prodotti in questa zona e i saloni dove, a seconda del periodo che sceglierete per la vostra visita, troverete sicuramente qualche mostra ad aspettarvi. Sempre in pieno centro storico si trova il famoso Biscottificio Rossi che produce i Krumiri, uno dei prodotti tipici della zona, ottimi biscotti dalla tipica forma a V, sono ottimi mangiati da soli o per accompagnare the e caffe. Li potete trovare racchiusi nella loro famosa scatola di latta rossa e bianca, che rievoca epoche lontane. Dovete assolutamente provare questi biscotti, che vogliate concedervi una bella merenda a base di the o caffè e biscotti o come dolce, magari a cena con un bel vino passito o moscato, i Krumiri vi innamoreranno e ne comprerete sicuramente una scatola da portare a casa!

Il Lungofiume poi offre la possibilità di fare una bella e anche romantica passeggiata, se capitate a settembre probabilmente godrete della festa dell’uva e dei meravigliosi fuochi d’artificio che si riflettono nel fiume, uno spettacolo davvero impagabile.

 

                                                                                                                                                             Sara Manelli

Articoli correlati

Se non siete stai mai ad Asti il momento giusto per vederla “vestita” del suo abito migliore è sicuramente per il suo favoloso palio
Ivrea non è solo una cittadina davvero bella da visitare, ma nei tre giorni di durata del carnevale lungo le sue vie piene di vita potre..
Mondovì fa parte delle “sette sorelle” ovvero le sette città più importanti della provincia di Cuneo e si fece conoscere soprattutt..
Duomo di Cremona
Cremona
Fine settimana nella meravigliosa Cremona, la "città delle tre T".
Piazza Armerina
Piazza Armerina
Piazza Armerina: un piccolo gioiello dell’Unesco nel centro della Sicilia.
Trulli di Alberobello
Alberobello
Foto di Marcok
Un tuffo nella storia, passeggiando tra caratteristici ed originali edifici: i trulli

Cosa mangiare a Alessandria Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Nocciole di Alba
Nocciola IGP nocciolo coltivata in Piemonte la cui produzione è concentrata nelle province di Cuneo, Asti e Alessandria è particolarmente indicata per preparazioni dolciarie.
guarda
Tartufo bianco di Alba
Il Tartufo bianco di Alba è il tubero più prezioso in assoluto sia dal punto di vista gastronomico che da quello prettamente economico, dati gli elevatissimi costi che può raggiungere.
guarda
Vermut
Il vermut o in francese, vermouth, è un vino liquoroso aromatizzato ideato nel 1786 a Torino e cnosciuto in tutto il mondo.
guarda
Grissini
I grissini sono i celeberrimi filoncini di pasta di pane croccanti e allungati di origine torinese.
guarda
Brasato al Barolo
Il brasato al Barolo è un piatto della tradizione gastronomica Piemontese molto gustoso ma altrettanto laborioso nella preparazione.
guarda
Fricandò
Noce di vitello speziata con i chiodi di garofano, salata e pepata a piacere e poi lasciata macerare in vino bianco e brodo.
guarda
Bagna cauda
La bagna cauda è una preparazione a base di aglio, olio ed acciughe dissalate, il tutto ridotto a salsa mediante una paziente cottura che si mangia intingendovi vari tipi di verdure di ..
guarda
Balote di Seirass
Polpettine dolci fatte con il Seirass una ricotta stagionata saporita che viene conservata nel fieno che le dona un sapore del tutto particolare
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK