Weekend a Francavilla Fontana

Se volete scoprire il fantasma dei principi Imperiali, dovete recarvi in Puglia, e trascorrere un weekend nel Castello Imperiali di Francavilla Fontana

 Chiesa Matrice

Se volete scoprire il fantasma dei principi Imperiali, dovete recarvi in Puglia, proprio presso  il Castello Imperiali di Francavilla Fontana. Quello che vedrete è molto differente dall’originale maniero che risaliva alla metà del XV secolo ed era caratterizzato –come si usava a quei tempi- di una poderosa torre fortificata protetta da un alto fossato e da ciclopiche mura di cinta, fatte costruire dal principe di Taranto.

Acquistato verso la fine del XVI secolo dalla famiglia Imperiali, feudatario dell’intera zona di Francavilla, il castello fu modificato pur conservando la base rettangolare ed il fossato che cinge l’intero edificio che è un misto tra un signorile palazzo ed una fortezza. Questo lo rende di difficile catalogazione essendo un misto di stili ed architetture che si sono modificate ed ampliate nel tempo, soprattutto verso il XVIII secolo quando Michele Imperiali decise di trasformare il maniero in residenza. A quel tempo la sua famiglia aveva subito il fascino di cultura che spirava in tutta Europa e l’edificio assunse caratteristiche che ben si coniugavano con lo spirito del momento. Ma tutto questo cosa c’entra con il fantasma? E chi lo ha scoperto?
 

Oltrepassato il portale settecentesco, si accede al cortile, abbellito da un doppio colonnato, e da un ampio scalone a doppia rampa dà accesso al piano superiore

Castello Imperiali

L’edificio oggi è sede di alcuni uffici comunali e fu ristrutturato agli inizi degli anni duemila ed è proprio grazie ad alcune immagini riprese da alcune telecamere di videosorveglianza installate dopo la sua ristrutturazione, hanno sviluppata quella che era una popolare credenza che si rifaceva ad una leggenda la quale narrava che nel castello Imperiali, dimorasse un fantasma.

Le immagini che non fanno chiarezza ma alimentano solo i sospetti, addirittura ne mostrerebbero diversi e non solo uno come si credeva. Possibile che si trattasse dell’anima di qualche prigioniero che qui terminò tragicamente i suoi giorni? Segni inequivocabili appaiono vergati nel piccolo cortile interno, dove sono incise disegni e scritture che testimoniano la disperazione dei detenuti di allora e che potrebbero ancora vagare in questo luogo.

Articoli correlati

Offagna
Offagna
Foto di Offagna
Un borgo tranquillo in collina, dominato da una splendida rocca: scoprite Offagna ed i suoi misteri
Uno splendido weekend nel castello di Monteriggioni, alla scoperta del suo castello e del fantasma del traditore
monastero di Torba
Gornate Olona
Un weekend a Gornate Olona nel monastero di Torba alla scoperta del mistero delle monache senza volto
Un'indimenticabile weekend a Cavernago per vedere il suo castello ricco di fascino e mistero
Rocca di Soragna
Soragna
Un weekend a Soragna, meta ideale per un soggiorno all’insegna del mistero nel castello della famiglia Meli Lupi
castello di Malgrà
Rivarolo
Rivarolo Canavese con il Castello di Malgrà ed il suo fantasma offre per gli appassionati dei misteri un weekend ricco di leggende da cui..

Cosa visitare nei dintorni di Francavilla Fontana Per chi ama viaggiare

Clicca qui per attivare la mappa

Cosa mangiare a Brindisi Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Ricci di Savelletri
Ricci di mare da mangiare crudi con succo di limone oppure con pasta saltata aglio olio e peperoncino.
guarda
Puccia
Vero e proprio panino fatto al forno a legna, ma più saporito e morbido, arricchito da molte olive nere all’interno.
guarda
Scapece
Antico piatto di tradizione marinara a base di pupiddi, piccolissimi pesciolini marinati in aceto, mollica di pane e zafferano.
guarda
Pane di Altamura
Preparato con impiego di semole rimacinate di varietà di grano duro coltivato nei territori dei comuni della Murgia, è un pane casareccio DOP cotto esclusivamente nei forni a legna.
guarda
Cozze tarantine
Allevate nel mar Piccolo di Taranto non molto grandi ma "piene". Deliziose se gustate "raganate", lessate, pepate, nella zuppa, con gli spaghetti o con il riso.
guarda
Casseruola di polipe..
Trattasi di un ragù a base di olio, cipolla, vino bianco, salsa, prezzemolo e pepe.
guarda
Orecchiette con cime..
Tipica pasta preparata con semola di grano duro e poi cotta in acqua bollente insieme alle cime di rapa e mantecata con soffritto a base di acciughe sott’olio.
guarda
Schiuma di mare
Semplice antipasto composto da alici piccole e tenere, sono da gustare crude, con un po’ di limone.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK