Weekend a Gornate Olona

Un weekend a Gornate Olona nel monastero di Torba alla scoperta del mistero delle monache senza volto

monastero di Torba

A Gornate, sul fiume Olona si trova il Monastero di Torba: una interessante struttura che si compone di diverse costruzioni tra cui una torre, una cinta muraria, la cascina del monastero ed una chiesa dedicata a S.Maria di Torba. Le origini risalgono al III secolo d.C. ad opera dei romani e si trattava di un Castrum edificato a difesa contro le inversioni barbariche in quanto il luogo presentava interessanti elementi strategici ad iniziare dal vicino fiume che assicurava l’acqua e dalla posizione elevata. 

A seconda delle epoche il Castrum passò di mano e venne occupato dal vincitore di turno (dai goti ai longobardi) fin quando venne definitivamente abbandonato. Fu allora che le monache benedettine ne presero possesso e fecero costruire l’annessa chiesa ed il monastero nell’anno Mille. Le parti fino a quel punto militari come ad esempio la torre, vennero rivalorizzate e cambiarono d’uso e furono abbellite da dipinti di immagini religiose in parte andate irrimediabilmente perdute. La particolarità di alcuni affreschi, colpisce la fantasia dei ricercatori ed anche degli appassionati di misteri. 

Su di una parete è dipinto l’affresco più bello che rappresenta un gruppo di otto monache in processione e sopra le loro teste, sono raffigurate otto sante

Affreschi interni al Monastero di Torba

Ad esempio, su di una parete è dipinto l’affresco più bello che rappresenta un gruppo di otto monache in processione e sopra le loro teste, sono raffigurate otto sante che si suppone siano state le loro protettrici. Quello che maggiormente colpisce a parte il valore simbolico del numero otto è il fatto che tre monache siano senza volto e a quegli studiosi che hanno affermato che probabilmente è derivato dal fatto che i lineamenti dipinti successivamente all’ovale, si siano deteriorati con il tempo essendo una pittura che si mette in seguito alla realizzazione del viso, pare strano che le altre cinque religiose non presentano questi problemi. Ciò fa pensare che realmente quelle tre suore siano state dipinte volutamente senza alcun lineamento del viso. A questo si lega una leggenda che vuole che effettivamente tre religiose si allontanarono dal monastero volutamente e per questo i loro volti non furono completati in attesa o del loro ritorno oppure di altre suore che non arrivarono mai anche perché, il monastero fu presto abbandonato.

Si dice che le tre suore senza identità vaghino ancora per i dintorni di Torba con l’intento di rientrare nel dipinto per trovare la pace eterna e raggiungere così il Paradiso e se questo avverrà, avremo modo di vedere finalmente il dipinto completo. Nella chiesa di S.Maria di Torba si trova una pietra sacrificale quadrata che contiene un inserto tondo la cui utilità è ignota e si suppone che si trattasse di un luogo di antichi riti pagani dove avvenivano sacrifici, prima di essere inglobato in una chiesa ad una sola navata molto semplice e piuttosto rovinata.

Articoli correlati

Rocca di Soragna
Soragna
Un weekend a Soragna, meta ideale per un soggiorno all’insegna del mistero nel castello della famiglia Meli Lupi
Offagna
Offagna
Foto di Offagna
Un borgo tranquillo in collina, dominato da una splendida rocca: scoprite Offagna ed i suoi misteri
castello di Agazzano
Agazzano
Uno splendido weekend nel castello di Agazzano, alla scoperta delle sue meraviglie e dei suoi misteri
 Chiesa Matrice
Francavilla Fontana
Se volete scoprire il fantasma dei principi Imperiali, dovete recarvi in Puglia, e trascorrere un weekend nel Castello Imperiali di Franca..
Uno splendido weekend nel castello di Monteriggioni, alla scoperta del suo castello e del fantasma del traditore
Un'indimenticabile weekend a Cavernago per vedere il suo castello ricco di fascino e mistero

Cosa visitare nei dintorni di Gornate Olona Per chi ama viaggiare

Clicca qui per attivare la mappa

Cosa mangiare a Varese Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Spongarda
Specialità cremasca variante del "pane dolce". Nell'impasto troviamo miele, nocciole, cedro candito, uva sultanina e spezie.
guarda
Gorgonzola
Formaggio fresco erborinato prodotto con latte di vacca la cui particolarità risiede nelle muffe che ne determinano il sapore che può essere dolce o piccante.
guarda
Ossobuco alla milanese
Ossibuchi della zampa di vitello infarinati e passati in padella con olio e burro e poi cotti con salsa di pomodoro.
guarda
Pizzoccheri della Va..
I pizzoccheri alla Valtellinese sono il piatto simbolo della cucina tradizionale Valtellinese e sono realizzati con farina di grano saraceno.
guarda
Cassoeula
È un piatto invernale tipico composto da uno stufato di verze e carni di maiale (salsiccia, puntine, piedini e cotica).
guarda
Risotto alla milanese
Classico primo della cucina milanese, il famoso risotto è preparato con l’aggiunta di midollo di bue e zafferano che lo differenziano da tutti gli altri.
guarda
Valigini
Fagottini di foglie di verza appena sbollettate con un ripieno di trito di pollo e patate e cotti su un fondo di olio, burro e cipolla con salsa di pomodoro.
guarda
Panettone
Dolce tipico natalizio con un impasto soffice e ricco dalla forma a cupola che lo rende inconfondibile.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK