Weekend a Monteriggioni

Uno splendido weekend nel castello di Monteriggioni, alla scoperta del suo castello e del fantasma del traditore

Chiesa di Santa Maria Assunta

Nella splendida Monteriggioni, spesso teatro di sanguinose guerre tra Firenze e Siena per attestare la supremazia di una delle due città toscane, vi è una leggenda legata ad uno spettro. Questa volta il fantasma in questione non vaga per un amore maledetto ma per un tradimento compiuto quand’era in vita. In uno dei crocevia importanti della Via Francigena, i combattimenti che avvennero tra il XII e il XIII secolo vide il predominio della più forte Firenze, che avvenne nel XIV secolo dopo anni di duri e sanguinosi assedi contro di una rocca fino allora inespugnabile.

La solidità della rocca era soprattutto dettata in quanto lungo il fossato che la cingeva, gli armigeri avevano creato delle carbonaie che erano pronti ad incendiare durante gli attacchi dei gigliati e che proibivano ai soldati fiorentini qualsiasi tentativo di conquista. Per questa ragione Monteriggioni fu sempre considerata un solido centro di difesa per Siena che spesso approfittavano delle mura della città per salvarsi nel corso di molte battaglie. 

Monteriggioni fu sempre considerata un importante centro di difesa essendo circondata da solide mura

Veduta aerea di minteriggioni e del suo castello

La rocca però venne espugnata durante la fine di aprile del 1526 e solo a causa del tradimento di un suo capitano, tal Zeti, che creò una via di entrata all’interno della difesa della rocca che, senza quello stratagemma, avrebbe potuto resistere fino ai nostri giorni. L’esercito fiorentino entrò in città facendo schiavi i suoi abitanti ed uccidendo i soldati, portando a Firenze i prigionieri e facendo capitolare definitivamente Siena.

Ma il tradimento del capitano si venne a sapere e si dice che il suo fantasma, preso dai rimorsi vaghi ancor oggi. Una storia narra che esista un cunicolo segreto che parte da un pozzo di Piazza Roma e che termini proprio a Siena, e in questa lunga galleria lo spirito del capitano sia costretto a girare all’infinito, non perdonandosi di quel suo clamoroso gesto di viltà. La leggenda racconta che gli stessi abitanti di Monteriggioni nelle notti di plenilunio odano un trottare di cavalli seguiti da grida di lamento del capitano.

Articoli correlati

Un'indimenticabile weekend a Cavernago per vedere il suo castello ricco di fascino e mistero
 Chiesa Matrice
Francavilla Fontana
Se volete scoprire il fantasma dei principi Imperiali, dovete recarvi in Puglia, e trascorrere un weekend nel Castello Imperiali di Franca..
castello di Malgrà
Rivarolo
Rivarolo Canavese con il Castello di Malgrà ed il suo fantasma offre per gli appassionati dei misteri un weekend ricco di leggende da cui..
Alla scoperta dei misteri del Castello di Valsinni e dei suoi terribili misteri
Offagna
Offagna
Foto di Offagna
Un borgo tranquillo in collina, dominato da una splendida rocca: scoprite Offagna ed i suoi misteri
Ad Anghiari, territorio a cavallo tra Umbria e Toscana di una bellezza folgorante, venite a trascorrere un'insolito weekend nel misterioso..

Cosa visitare nei dintorni di Monteriggioni Per chi ama viaggiare

Clicca qui per attivare la mappa

Cosa mangiare a Siena Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Brigidini
Cialde color giallo-arancio molto friabili e abbastanza grandi. Composte da zucchero, farina, uova ed essenza liquida di anice (nelle ricette tradizionali si utilizzano i semi). (Pistoia)
guarda
Tortelli di patate
Grandi e di forma quadrata hanno un ripieno molto semplice e gustoso, composto da un impasto di patate lesse passate, parmigiano, noce moscata e sale. (Massa e Carrara)
guarda
Buccellato
Dolce nato sulla nobilitazione del pane. Esternamente mostra un colore marrone scuro e lucido. All'interno presenta una pasta dolce e morbida ricca di uva passa e anici. (Lucca)
guarda
Bistecca
Taglio alto di carne di vitellone o di scottona, comprensivo dell'osso, da cuocersi al sangue sulla brace o sulla griglia. (Firenze)
guarda
Schiaccia alla pala
Grande schiacciata realizzata con la pasta del pane. Di colore giallo intenso e brunito, dopo la cottura viene cosparsa di sale e di olio extravergine di oliva. (Grosseto)
guarda
Ribollita
Piatto che deriva dalla tipica zuppa di pane raffermo e verdure della Toscana, specialmente cavolo nero e fagioli. (Arezzo)
guarda
Cecina
Torta salata molto bassa, preparata con farina di ceci, acqua, sale e olio extravergine di oliva. Si cuoce in forno a legna, in teglia, e assume con la cottura un vivace colore dorato. (Pi..
guarda
Biscotti di Prato
Sono biscotti secchi alle mandorle, ottenuti tagliando a fette il filoncino di pasta ancora caldo.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK