Weekend a Predappio tra agriturismi e birre artigianali

Costruita fra gli anni venti e gli anni quaranta del Novecento, Predappio si presenta come una originale testimonianza degli stili urbanistici e architettonici del periodo

Borgo Condé
Foto di Borgo Condé

L’inconfondibile struttura urbanistica e architettonica di Predappio fu fortemente voluta da Mussolini e realizzata dai più noti architetti dell’epoca. Tra i loghi più suggestivi da visitare vi consigliamo: il Museo Urbano che ha le caratteristiche di un «museo all’aperto» e si propone di essere una guida alla visita delle testimonianze più significative dell’architettura del periodo fascista, giunte a noi pressoché inalterate, attraverso un itinerario segnalato da pannelli esplicativi elaborati con testi ed immagini. Diventa possibile in questo modo «leggere» il paese recuperando la memoria storica ed il valore simbolico che questo assunse all’epoca, con l’obiettivo di contribuire a valorizzare e conservare un patrimonio storico-artistico e culturale comune.

L’iniziativa di costituire il museo urbano di Predappio, un primo importante passo per la valorizzazione e il recupero di questo patrimonio urbanistico e architettonico, si inserisce all’interno di un progetto più ampio, sviluppato dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con le istituzioni e con il mondo universitario, che si pone come obiettivo primario quello di creare a Predappio uno spazio di riflessione e di confronto sulla storia contemporanea e sulla memoria del Novecento.

Palazzo Varano, attuale sede comunale, si trova in posizione dominante rispetto alla piazza Sant'Antonio. Di origini antiche, fu per circa vent'anni, alla fine dell'800, dimora dei Mussolini. L'edificio fu ampliamente trasformato tra il 1926 e il 1927 dall'architetto Florestano Di Fausto che intervenne modificando l'aspetto rurale con l'aggiunta della torre dell'orologio.

La casa natale di Mussolini, un edificio di modesta fattura, una tipica casa rurale romagnola, costruita con sassi e pietra "spungone" senza intonaco esterno. Qui, il 29 luglio 1883, nacque Benito Mussolini. Attualmente l'edificio, ristrutturato e riaperto al pubblico nel 1999 (dopo la chiusura avvenuta nel 1944), è sede di mostre di interesse storico-artistico. Negli ultimi anni sono state allestite importanti esposizioni: cartoline d'epoca, architettura razionalista, artisti futuristi (Sironi, Depero, Balla), manifesti d'epoca, l'invenzione del volo e il Cinema del primo Novecento. All'interno della casa è collocata la storica bandiera della sezione socialista di Dovìa, realizzata nel 1911 con la scritta (dettata da Mussolini all'epoca direttore del giornale socialista L'Avanti!) "Fate largo che passa il lavoro".

 

Predappio è anche notissima per i suoi vini eccelsi e le birre artigianali cui dedica numerose sagre

A Killer Beer

Predappio è la città del Sangiovese, che in questa zona, grazie alla particolare composizione del terreno, dà origine ad un vino robusto e strutturato. Consigliamo di assaggiarlo nelle più famose ed antiche Cantine di Predappio Alta: le Cantine Zoli, che accolgono oggi il ristorante-enoteca “Vècia Cantena d’la Pré”, ove si scende nel sottosuolo fino a diversi metri di profondità. Nei locali medievali dell’edificio è pure allestito un Museo del Vino.

La Tenuta Condé sorge sulle colline di Predappio, luogo da sempre considerato culla del Sangiovese. Ad un'altitudine che va da 150 a 350 mt s.l.m., la proprietà si estende per 110 ettari di cui 77 a vigneto. Il rispetto del territorio e l'esaltazione delle tradizioni enologiche ed agronomiche della romagna sono alla base della loro attività quotidiana.

In merito alle birre artigianali vi consigliamo di assaggiare A Killer Beer di Malti e Bassi Brew Family premiata al concorso nazionale "Birra dell'Anno 2018" promosso da Unionbirrai per la categoria birre chiare, alta fermentazione, basso gradazione alcolica e di ispirazione belga.

Se poi desiderate assaggiare qualcosa di solido, Predappio è famosa in tutta Italia per lo Squacquerone Romagnolo, prodotto riconosciuto DOP e ottimo da gustare ad esempio con la piadina. Tra i formaggi tipici ci sono sicuramente anche il Raviggiolo, formaggio fresco di latte vaccino o caprino tipico dell'Appennino Tosco - Romagnolo. Ma la vera specialità che si può gustare a Predappio oltre ai tipici formaggi della Romagna è la Solfara, pecorino di Pienza lasciato stagionare nelle tipiche grotte di Predappio Alta a fine luglio. La Solfara viene lasciata fino a novembre, quando ha assorbito il sapore e l'aroma inconfondibile. Ottimo da gustare con miele e accompagnato dalla tipica piadina.

 

Articoli correlati

Predappio
Predappio
Foto di Andrea
Predappio, in quest'angolo di Romagna sono state scritte alcune delle pagine più importanti della storia italiana
guarda
Piacenza e lo gnocco fritto, un connubio assolutamente perfetto
Imperia
Imperia
Una angolo abruzzese in Liguria di fronte al porto di Imperia Oneglia
Vernasca
Vernasca
Vernasca, un gioiello tutto piacentino
Faedo
Faedo
Il fine settimana a Faedo, un pittoresco paese che si sviluppa sulle colline della Piana nelle vicinanze di Trento, dedicato alla scoperta..
Faenza
Faenza
Sei buoni motivi per trascorrere un piacevole weekend a Faenza

Cosa visitare nei dintorni di Predappio Per chi ama viaggiare

Clicca qui per attivare la mappa

Cosa mangiare a Forlì-Cesena Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Zampone
Prodotto con un impasto di carni suine, avvolto dall'involucro formato dalla zampa di un maiale e dopo averlo lessato si gusta da solo o con lenticchie.
guarda
Anolini
Gli anolini parmensi sono un composto di mollica, parmigiano, uova e spezie. Generalmente si servono in brodo.
guarda
Squacquerone
E’ un formaggio fresco e cremoso di colore bianco caratteristico Romagnolo, oggi diffuso non solo in Emilia Romagna . Si usa metterlo sulle piadine.
guarda
Prosciutto
Insaccato prodotto dalla coscia del maiale che viene conciata e stagionata in appositi depositi. Il più famoso per la sua dolcezza è quello di Parma.
guarda
Tortellini in brodo
Piatto tipico emiliano e composti da sfoglia ripiena di carne, prosciutto, mortadella, uova, parmigiano e aromi e poi cotti nel brodo.
guarda
Cappellacci
Piatto ferrarese a di base è la zucca. La loro forma ricorda, cappelletti e tortellini e vanno serviti o in brodo o burro e salvia.
guarda
Lasagne alla bolognese
Famoso in tutto il mondo. Preparato con sfoglia all’uovo rettangolari poste in una pirofila alternando strati di ragù, besciamella e Parmigiano Reggiano grattugiato e cotte al forno.
guarda
Tagliatelle al ragù
Si deve fare rosolare nel burro la carne di vitello tritata, prosciutto, carota, sedano, cipolla, pomodori e facendo cuocere il sugo che condirà le tagliatelle preparate in casa.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK