Weekend a San Giovanni Rotondo

A San Giovanni Rotondo Padre Pio volle creare un luogo per curare i tanti ammalati che non avevano mezzi per poterlo fare

Chiesa di San Pio da Pietrelcina a San Giovanni Rotondo

San Giovanni Rotondo è indissolubilmente legato a Padre Pio da Pietrelcina che qui arrivo nel lontano 1916 e rimase fino alla sua morte avvenuta il 23 settembre 1968. La città fu fondata verso la fine dell’anno mille sopra le rovine di un insediamento del IV secolo a.C. in una bella vallata a quasi 600 metri d’altezza. Padre Pio, ora Santo, era un religioso dell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini e viene ricordato come persona umile e ricco di umanità. Qui Padre Pio volle creare un luogo per curare i tanti ammalati che non avevano mezzi per poterlo fare e con l’aiuto di tanti volontari che contribuirono con il loro lavoro, creò la Casa Sollievo della Sofferenza che è un ospedale religioso inaugurato nel 1956. La Casa Sollievo della Sofferenza permette il ricovero di 900 ammalati suddivisi in trenta reparti di degenza dove ogni anno si registrano oltre 57mile ricoveri ed oltre un milione e trecentomila prestazioni ambulatoriali.

Pio da Pietrelcina, nacque nel povero paese di Pietrelcina nel 1887 e, ancora in vita, fu destinatario di una venerazione popolare di incredibili proporzioni che maturò in seguito alla sua fama di taumaturgo da lui acquisita e che i devoti hanno creduto che fosse di origine soprannaturale anche in virtù delle Stimmate che lo contrassegnarono fino dal 1910.
 

A San Giovanni Rotondo il pellegrinaggio di fedeli provenienti da ogni luogo del mondo è ininterrotto.

Chiesa di San Pio da Pietrelcina

A San Giovanni Rotondo il pellegrinaggio di fedeli provenienti da ogni luogo del mondo è ininterrotto. Le visite iniziano nella cripta del convento di Santa Maria delle Grazie dove si può vedere il corpo del santo con il volto (solo conservato nella parte inferiore) ricoperto con una maschera che ne riproduce fedelmente le sembianze. La salma riposa su di una base di plexiglass rivestita di tessuto dove sono collocati dei contenitori pieni di gel di silice che regolamentano l’umidità e che, insieme all’azoto immesso nella teca, serve per evitare ulteriori decomposizioni.

Sul viale dei Cappuccini veniva in passato realizzata la Via Crucis ma l’incredibile afflusso di pellegrini ha reso opportuno la costruzione di un’altra Via Crucis che percorre un tratto che sale le pendici del monte Castellano dove sono state allestite le 14 stazioni.

Ultima tappa della visita è alla chiesa di Santa Marie delle Grazie consacrata solo nel 1959 e oggi connessa con un’altra chiesa  più grande edificata nel 2004 in onore di Padre Pio.

Aldo Galvagno

Articoli correlati

Scavi archeologici di Pompei
Pompei
Foto di samandel.com
Weekend alla scoperta della città patrimonio dell’Umanità UNESCO
Santuario di Oropa, Biella
Oropa
ll Santuario di Oropa è il più importante Santuario mariano delle Alpi.
Sotto il Monte, casa natale di Papa Giovanni XXIII
Sotto il Monte Giovanni ..
Angelo Roncalli rese famoso in tutto il mondo Sotto il Monte il 28 ottobre 1958 quando fu eletto Papa con il nome di Giovanni XXIII.
Loreto, Piazza della Basilica
Loreto
Weekend nel vero cuore mariano della cristianità
Santuario della Beata Vergine di Castelmonte
Castelmonte
Foto di Roger Jolly
Sulla cima di Castelmonte sorge il Santuario della Beata Vergine
Cascia
Cascia
Foto di Wikipedia
Cascia è un luogo di pellegrinaggio noto per Santa Rita, che ha fedeli sparsi in tutto il mondo

Cosa mangiare a San Giovanni Rotondo Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Orecchiette con cime..
Tipica pasta preparata con semola di grano duro e poi cotta in acqua bollente insieme alle cime di rapa e mantecata con soffritto a base di acciughe sott’olio.
guarda
Cozze tarantine
Allevate nel mar Piccolo di Taranto non molto grandi ma "piene". Deliziose se gustate "raganate", lessate, pepate, nella zuppa, con gli spaghetti o con il riso.
guarda
Pane di Altamura
Preparato con impiego di semole rimacinate di varietà di grano duro coltivato nei territori dei comuni della Murgia, è un pane casareccio DOP cotto esclusivamente nei forni a legna.
guarda
Casseruola di polipe..
Trattasi di un ragù a base di olio, cipolla, vino bianco, salsa, prezzemolo e pepe.
guarda
Cartellate
Strisce di pasta sfoglia, fritte e ricoperte di miele, zucchero e cannella: una vera golosità.
guarda
Scapece
Antico piatto di tradizione marinara a base di pupiddi, piccolissimi pesciolini marinati in aceto, mollica di pane e zafferano.
guarda
Frisedda
Ciambella di farina bianca o integrale, cotta al forno e poi tagliata in due e di nuovo cotta nel forno, quindi inzuppata nell'acqua e condita con sale, olio, pepe, pomodoro e cipolla.
guarda
Puccia
Vero e proprio panino fatto al forno a legna, ma più saporito e morbido, arricchito da molte olive nere all’interno.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK