Weekend a Santo Stefano Belbo

Weekend da sogno al Relais San Maurizio a Cuneo

Relais San Maurizio

Santo Stefano Belbo  è il paese dove Cesare Pavese nacque e vi trascorse molto tempo nel periodo della sua giovinezza, della spensieratezza, dei sogni, delle nuotate nel  Belbo. Il periodo in cui tutto sembra ancora possibili e  in cui i problemi che si affacceranno negli anni futuri sono inesistenti.

Santo Stefano Belbo è ubicato ai margini delle Langhe, ed il suo abitato è databile probabilmente dopo l’anno mille  anche se già anteriormente era presente  un insediamento posto come controllo strategico  del territorio.  Notizie sicure si hanno di un insediamento romano  quando fu costruito un posto militare fortificato lungo la strada che collegava Asti ed Alba  con i centri della Riviera di Ponente.

In  epoca medioevale  con la costruzione di un castello sulla collina di S. Libera  e del  convento benedettino  di S. Gaudenzio Santo Stefano Belbo inizia a lasciare inequivocabili tracce di se. Qui la presenza religiosa  era molto forte e a S.Stefano operarono sia i frati Francescani scalzi che i Cistercensi. Le rovine del castello  ricordano la sua distruzione ad opera degli Spagnoli e degli Austriaci, che se ne contendevano il possesso e il dominio nel XVII secolo. La principale risorsa del paese e dei dintorni è la coltivazione della vite, in particolare del pregiatissimo Moscato d’Asti. L'uva cresce in collina su un terreno la cui conformazione geologica e l'esposizione favoriscono la maturazione dei grappoli e l'acquisizione delle tipiche proprietà organolettiche.

Un weekend da sogno nelle Langhe

Relais San Maurizio

Il paese di Cesare Pavese è la meta ideale per gli amanti del trekking  e per coloro che desiderano  dedicarsi ad una passeggiata nel verde dei vigneti e dei boschi.  Dal centro storico si dipartono infatti tre sentieri pavesiani segnalati che sono ‘la collina della Gaminella’ (si snoda da strada Robini fino al casotto posto sulla collina di Seirole); ‘la collina del Salto’(parte dalla casa di Nuto fino alla Palazzina del Nido) e ‘la collina dei mari del Sud’ (dal ponte sul fiume conduce fino alla sommità della collina del Moncucco al Santuario della Madonna della Neve).

Una visita della località parte dal suo centro storico ed esattamente dalla Via Comunis, principale strada del 1300 che presenta una pavimentazione ben lastricata. E’ la parte  situata alle spalle dell’edificio Comunale, collegata a Piazza Umberto I da un’ampia scalinata, ed è un dedalo di romantiche viuzze ciottolate. La scoperta di questo paesino continua con l’Antica Chiesa parrocchiale dei Santi Giacomo e Cristoforo, risalente ai XIV secolo e storicamente la prima chiesa del paese e descritta nei verbali delle Visite Pastorali a cominciare dal 1573. Più volte rimaneggiata, distrutta, spogliata e restaurata, è oggi sede del Centro Studi Cesare Pavese, che la utilizza  come spazio di conferenze, mostre e convegni.

Dopo aver sostato per Piazza Umberto I dove si affaccia sia il palazzo comunale che il mercato coperto e che è il fulcro del ritrovo domenicale degli abitanti del paese, suggeriamo di visitare il Centro Studi Cesare Pavese che si trova in un edificio a forma piramidale a fianco della Chiesa parrocchiale. Qui, al piano terra si trova la biblioteca per ragazzi mentre quella per gli adulti è sistemata al primo piano. Sono presenti alcune sale lettura ed audiovisivi per consultare l’opera del celebre scrittore mentre al terzo piano è visibile una mostra permanente di oggetti, documenti e manoscritti appartenuti a Pavese.
 

Articoli correlati

Cervinia di notte
Breuil-Cervinia
Weekend da sogno all'Hotel Hermitage a Cervinia
L'Albareta
Erbusco
Foto di L'Albareta
Weekend da sogno all'Albereta Relais & Chateaux ad Erbusco
Hotel Villa Abbazia
Follina
Weekend da sogno all'Hotel Villa Abbazia a Follina
Il Bottaccio
Montignoso
Foto di Il Bottaccio
Weekend da sogno a Il Bottaccio, l'hotel 5 stelle di lusso vicino Forte dei Marmi
Il Borro
San Giustino Valdarno
Foto di ilborro.it
Un weekend da sogno vi aspetta a Il Borro Relais and Chateaux a San Giustino Valdarno
Il Relais - Il Falconiere
Cortona
Weekend da sogno al Relais Il Falconiere ad Arezzo

Cosa mangiare a Cuneo Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Bagna cauda
La bagna cauda è una preparazione a base di aglio, olio ed acciughe dissalate, il tutto ridotto a salsa mediante una paziente cottura che si mangia intingendovi vari tipi di verdure di ..
guarda
Fricandò
Noce di vitello speziata con i chiodi di garofano, salata e pepata a piacere e poi lasciata macerare in vino bianco e brodo.
guarda
Balote di Seirass
Polpettine dolci fatte con il Seirass una ricotta stagionata saporita che viene conservata nel fieno che le dona un sapore del tutto particolare
guarda
Castelmagno
Formaggio a pasta semidura ed erborinata, è utilizzato nella gastronomia piemontese per la preparazione di diversi piatti, primi fra tutti gli gnocchi.
guarda
Barolo
Vino rosso granato con riflessi aranciati intenso e persistente con un patrimonio olfattivo eccezionalmente complesso. Uno dei più famosi vini italiani.
guarda
Nocciole di Alba
Nocciola IGP nocciolo coltivata in Piemonte la cui produzione è concentrata nelle province di Cuneo, Asti e Alessandria è particolarmente indicata per preparazioni dolciarie.
guarda
Tartufo bianco di Alba
Il Tartufo bianco di Alba è il tubero più prezioso in assoluto sia dal punto di vista gastronomico che da quello prettamente economico, dati gli elevatissimi costi che può raggiungere.
guarda
Grissini
I grissini sono i celeberrimi filoncini di pasta di pane croccanti e allungati di origine torinese.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK