Weekend a Torriana

Un weekend nella splendida Torriana dove potrete visitare il suo castello ricco di miti e strane leggende

 Castello di Montebello

Se ci allontaniamo qualche chilometro da Rimini andando verso l’entroterra possiamo trovare a Torriana il Castello di Montebello che conserva una strana leggenda. Che i manieri italiani siano ricettacoli di storie di spettri più o meno cruenti, è cosa nota. La particolarità del castello di Montebello è quella che questa volta, il fantasma in questione è quello di una bambina, Guendalina Malatesta, sparita senza lasciare traccia all’età di otto anni.

La storia narra il fatto che Guendalina, era una bimba albina e di quei tempi, tale caratteristica voleva significare che fosse figlia del demonio. Per questo, sua madre, aveva l’abitudine di colorare i suoi capelli di azzurro come il colore dei suoi occhi, e per questo motivo era chiamata ‘Azzurrina’. Benvoluta da tutta la servitù, il 21 di giugno del 1375 mentre imperversava un forte temporale, la bambina giocava come sempre con la palla che però le sfuggì di mano. 

La particolarità del castello di Montebello è la presenza al suo interno del fantasma di una bimba che ha lasciato tracce della sua presenza registrate da studiosi dell'occulto

Ingresso del Castello di Montebello

Azzurrina corse a cercarla ma di lei si perdettero le tracce. Venne cercata perfino dentro al nevaio supponendo ad una disgrazia ma il corpo di Guendalina pareva sparito nel nulla e non fu mai più ritrovato. Pare che il suo spirito aleggi ancora all’interno del castello dove, tramite ricerche effettuate nel corso degli ultimi anni (1990,2000,2005) da varie equipe di ricercatori dell’occulto con l’ausilio di apposite strumentazioni, abbia lasciato inciso tracce della sua presenza che sono state registrate.

Suoni di voci, pianti e lamento di una bambina, sono state incise senza ombra di dubbio e in modo inspiegabile. I turisti che vengono accompagnati durante visite guidate hanno modo di ascoltare sia la storia nei dettagli che le registrazioni che alcune troupe di televisioni alla ricerca della verità, hanno messo a disposizione. Così come i visitatori possono vedere le impronte distinte che uno spettro di bambina lasciò su di un soffitto quando venne vista camminare a testa in già.

Articoli correlati

Castello di Bardi
Bardi
Appassionati e studiosi di fenomeni paranormali non possono non venire a visitare lo splendido e poderoso castello di Bardi
 Castello di Poppi
Poppi
Venite a visitare il meraviglioso Parco Zoo della Fauna Europea che si trova a Poppi e non perdete l’occasione di recarvi al meraviglios..
Castello Normanno-Svevo
Castello Normanno-Svevo
Il Castello Normanno-Svevo che si trova quasi ai margini della Bari vecchia e dai reperti archeologici ritrovati, fa risalire la sua origi..
La storia che avvenne dentro il Castello di Fosdinovo, nelle prossimità della bella Sarzana, ricca di fascino e mistero vi appassionerà
Rocca di Angera e lago Maggiore al tramonto
Angera
Weekend alla scoperta della Rocca Borromeo, il simbolo di Angera, cittadina sulle sponde meridionali del Lago Maggiore.
Castello di Monselice
Monselice
Alla scoperta del fascino del Castello di Monselice e delle sue leggende

Cosa visitare nei dintorni di Torriana Per chi ama viaggiare

Clicca qui per attivare la mappa

Cosa mangiare a Rimini Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Lasagne alla bolognese
Famoso in tutto il mondo. Preparato con sfoglia all’uovo rettangolari poste in una pirofila alternando strati di ragù, besciamella e Parmigiano Reggiano grattugiato e cotte al forno.
guarda
Cappellacci
Piatto ferrarese a di base è la zucca. La loro forma ricorda, cappelletti e tortellini e vanno serviti o in brodo o burro e salvia.
guarda
Prosciutto
Insaccato prodotto dalla coscia del maiale che viene conciata e stagionata in appositi depositi. Il più famoso per la sua dolcezza è quello di Parma.
guarda
Anolini
Gli anolini parmensi sono un composto di mollica, parmigiano, uova e spezie. Generalmente si servono in brodo.
guarda
Tortellini in brodo
Piatto tipico emiliano e composti da sfoglia ripiena di carne, prosciutto, mortadella, uova, parmigiano e aromi e poi cotti nel brodo.
guarda
Squacquerone
E’ un formaggio fresco e cremoso di colore bianco caratteristico Romagnolo, oggi diffuso non solo in Emilia Romagna . Si usa metterlo sulle piadine.
guarda
Tagliatelle al ragù
Si deve fare rosolare nel burro la carne di vitello tritata, prosciutto, carota, sedano, cipolla, pomodori e facendo cuocere il sugo che condirà le tagliatelle preparate in casa.
guarda
Piadina
Semplice impasto di farina, strutto e sale trasformato in un disco cotto su un piano di pietra e servito guarnito di prosciutto e squaquarone
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK