Weekend ad Agazzano

Uno splendido weekend nel castello di Agazzano, alla scoperta delle sue meraviglie e dei suoi misteri

castello di Agazzano

In provincia di Piacenza, nella deliziosa Agazzano si trova l’omonimo castello composta da una medioevale rocca e da un edificio residenziale. Purtroppo, verso la fine del Settecento parte della originaria costruzione venne abbattuta dagli allora proprietari per modificare lo scenario a loro avviso, troppo tetro. Il castello fu abitato dalla nobile famiglia Scotti che si dicevano essere discendenti di Guglielmo di Scozia che servì Carlo Magno, solo per via di un cognome che presentava delle assonanze ma, in realtà, erano originari di Vigoleno e Scotto era il podestà di Piacenza.
La visita permette di conoscere una costruzione del Duecento con due scalinate loggiate una dirimpetto all’altra e, al centro, un bel pozzo esagonale che però si innestava in un cortile concavo così costruito per dirottare l’acqua piovana direttamente nel pozzo.

Una strana caratteristica della rocca è quella che all’interno delle torri di guardia, esistevano appartamenti destinati ai soldati che avevano anche la comodità di usufruire di un camino, un forno e di una vasca per l’acqua e che tutti questi elementi, miglioravano di molto lo standard di vita della truppa che poteva anche sfruttare, nella stanza del camino, anche di nicchie scaldavivande e di sedili di pietra all’interno del camino per poter essere seduti per scaldarsi. Altra singolarità che presenta il castello è quella che non esistono prigioni e se in passato ve n’erano, furono tuttavia interrate senza nessuna ragione apparente.

All’interno si potranno osservare la meravigliosa Sala all’Aperto, affrescata dal Villoresi e la Sala della Musica con soffitto a stucchi

Castello di Agazzano

Nel giardino che fa da cornice al maniero, anticamente c’erano delle poderose torri medioevali che, appunto alla fine del XVIII secolo, furono brutalmente abbattute per lasciare lo spazio verde, più poetico.

All’interno si potranno osservare la meravigliosa Sala all’Aperto, affrescata dal Villoresi e la Sala della Musica con soffitto a stucchi arricchito di maschere napoletane.Come tradizione vuole, anche nel Castello di Agazzano dimora uno spettro. Nella fattispecie è quello di Pier Maria Scotti, detto anche ‘il Buso’ (il buco) in omaggio del fatto che lasciava sempre un buco nel petto di tutte le sue vittime. Si sa che fu ucciso in una locanda vicino al suo castello da Astorre Visconti ma non fu mai trovato il suo corpo.

Il fantasma de ‘il Buso’ invece, pare divertirsi un mondo a farsi notare attraverso luci che misteriosamente si accendono da sole, insoliti rumori e porte spalancate, proprio come un fantasma modello, usa fare per spaventare la gente.
 

Articoli correlati

Rocca di Soragna
Soragna
Un weekend a Soragna, meta ideale per un soggiorno all’insegna del mistero nel castello della famiglia Meli Lupi
monastero di Torba
Gornate Olona
Un weekend a Gornate Olona nel monastero di Torba alla scoperta del mistero delle monache senza volto
Offagna
Offagna
Foto di Offagna
Un borgo tranquillo in collina, dominato da una splendida rocca: scoprite Offagna ed i suoi misteri
 Chiesa Matrice
Francavilla Fontana
Se volete scoprire il fantasma dei principi Imperiali, dovete recarvi in Puglia, e trascorrere un weekend nel Castello Imperiali di Franca..
Uno splendido weekend nel castello di Monteriggioni, alla scoperta del suo castello e del fantasma del traditore
Un'indimenticabile weekend a Cavernago per vedere il suo castello ricco di fascino e mistero

Cosa visitare nei dintorni di Agazzano Per chi ama viaggiare

Clicca qui per attivare la mappa

Cosa mangiare a piacenza Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Cappellacci
Piatto ferrarese a di base è la zucca. La loro forma ricorda, cappelletti e tortellini e vanno serviti o in brodo o burro e salvia.
guarda
Tagliatelle al ragù
Si deve fare rosolare nel burro la carne di vitello tritata, prosciutto, carota, sedano, cipolla, pomodori e facendo cuocere il sugo che condirà le tagliatelle preparate in casa.
guarda
Zampone
Prodotto con un impasto di carni suine, avvolto dall'involucro formato dalla zampa di un maiale e dopo averlo lessato si gusta da solo o con lenticchie.
guarda
Lasagne alla bolognese
Famoso in tutto il mondo. Preparato con sfoglia all’uovo rettangolari poste in una pirofila alternando strati di ragù, besciamella e Parmigiano Reggiano grattugiato e cotte al forno.
guarda
Prosciutto
Insaccato prodotto dalla coscia del maiale che viene conciata e stagionata in appositi depositi. Il più famoso per la sua dolcezza è quello di Parma.
guarda
Zuppa di anguille
Tipico piatto di Comacchio dove le anguille si preparano con cipolla, odori, pomodori, scorza di limone e aceto.
guarda
Tortellini in brodo
Piatto tipico emiliano e composti da sfoglia ripiena di carne, prosciutto, mortadella, uova, parmigiano e aromi e poi cotti nel brodo.
guarda
Squacquerone
E’ un formaggio fresco e cremoso di colore bianco caratteristico Romagnolo, oggi diffuso non solo in Emilia Romagna . Si usa metterlo sulle piadine.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK