Weekend ad Anghiari

Ad Anghiari, territorio a cavallo tra Umbria e Toscana di una bellezza folgorante, venite a trascorrere un'insolito weekend nel misterioso castello di Sorci

Anghiari

Non fatevi ingannare dall’aspetto della celebre locanda internazionalmente conosciuta per le sue prelibatezze che ora è ubicata all’interno del castello di Sorci ad Anghiari. In questo territorio a cavallo tra Umbria e Toscana di una bellezza folgorante, non è raro udire verso la mezzanotte, degli strani rumori di ferraglia che annunciano l’arrivo del signore del castello di Sorci: il fantasma di Baldaccio d’Anghiari. E quanto affermato è frutto non di locali fantasie e racconti per bambini quanto di fatti oggettivi che, spesso, hanno fatto letteralmente scappare dalla paura noti personaggi che si trovavano ospiti nell’ottimo ristorante.

Lo spettro è quello di un capitano di ventura che in questo castello abitava all’epoca del pieno medioevo, tal Baldaccio che ora è solito comparire durante l’anniversario della sua morte, decisa dal Gonfaloniere di Giustizia di Firenze, Bartolomeo Orlandini nell’anno del Signore 1441. La ragione sta nell’accusa che il valoroso Baldaccio si era permesso di accusare proprio l’Orlandini di codardia  per dei fatti occorsi in una battaglia precedente. 

Il castello di Sorci è un luogo talmente intriso di storia e di bellezza che non può non essere visitato almeno una volta

castello di Sorci

Orlandini, come se nulla fosse, invitò Baldaccio a Palazzo Vecchio  come per voler risolvere l’accusa ma in realtà aveva predisposto una imboscata contro il suo denigratore che, afferrato da sicari precedentemente istruiti, fu ucciso a tradimento e poi gettato dalla finestra sulla sottostante piazza della Signoria dove poi fu anche decapitato per spregio. Chi ha avuto modo di vedere lo spettro al Castello di Sorci, parla di una figura che vaga senza testa e vestito con la classica armatura da soldato, come se fosse in cerca di giustizia. Il fantasma appare accompagnato dal rumore tintinnante dell’armatura ma senza alcun altro suono.

Il castello di Sorci è un luogo talmente intriso di storia e di bellezza che non può non essere visitato almeno una volta, magari approfittando dell’ottima cucina che la locanda de Sorci, propone. Una ultima curiosità per gli appassionati di cinema: il castello fu una location utilizzata per girare gli interni del film ‘Non ci resta che piangere’ di Troisi e Benigni.

Articoli correlati

Alla scoperta dei misteri del Castello di Valsinni e dei suoi terribili misteri
castello di Malgrà
Rivarolo
Rivarolo Canavese con il Castello di Malgrà ed il suo fantasma offre per gli appassionati dei misteri un weekend ricco di leggende da cui..
Un'indimenticabile weekend a Cavernago per vedere il suo castello ricco di fascino e mistero
Meldola
Meldola
Foto di Agu V.
A metà strada tra gli Appennini e la costa c’è Meldola luogo strategico in epoca romana
Uno splendido weekend nel castello di Monteriggioni, alla scoperta del suo castello e del fantasma del traditore
 Chiesa Matrice
Francavilla Fontana
Se volete scoprire il fantasma dei principi Imperiali, dovete recarvi in Puglia, e trascorrere un weekend nel Castello Imperiali di Franca..

Cosa visitare nei dintorni di Anghiari Per chi ama viaggiare

Clicca qui per attivare la mappa

Cosa mangiare a Arezzo Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Cacciucco
Piatto a base di pesce, composto da diverse qualità di pesce “povero”, in salsa di pomodoro e poi adagiato su fette di pane abbrustolito e agliato poste sul fondo del piatto. (Livorno)
guarda
Cecina
Torta salata molto bassa, preparata con farina di ceci, acqua, sale e olio extravergine di oliva. Si cuoce in forno a legna, in teglia, e assume con la cottura un vivace colore dorato. (Pi..
guarda
Panforte
Dolce realizzato con mandorle e un composto di miele e spezie. Lo stampo è rivestito di ostia e, una volta freddo, viene sommerso da una coltre di candido zucchero a velo. (Siena)
guarda
Buccellato
Dolce nato sulla nobilitazione del pane. Esternamente mostra un colore marrone scuro e lucido. All'interno presenta una pasta dolce e morbida ricca di uva passa e anici. (Lucca)
guarda
Schiaccia alla pala
Grande schiacciata realizzata con la pasta del pane. Di colore giallo intenso e brunito, dopo la cottura viene cosparsa di sale e di olio extravergine di oliva. (Grosseto)
guarda
Tortelli di patate
Grandi e di forma quadrata hanno un ripieno molto semplice e gustoso, composto da un impasto di patate lesse passate, parmigiano, noce moscata e sale. (Massa e Carrara)
guarda
Bistecca
Taglio alto di carne di vitellone o di scottona, comprensivo dell'osso, da cuocersi al sangue sulla brace o sulla griglia. (Firenze)
guarda
Biscotti di Prato
Sono biscotti secchi alle mandorle, ottenuti tagliando a fette il filoncino di pasta ancora caldo.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK