Weekend a Caravaggio

Week end a Caravaggio per un piacere per l’anima e gli occhi.

Tramonto a Caravaggio
Foto di renagrisa

Sia che siate delle persone con una grande spiritualità religiosa che semplici amanti delle belle arti una visita al Santuario di Santa Maria del Fonte di Caravaggio è un’esperienza da fare.

Rimarrete senza fiato già dall’imponenza di questa struttura monumentale che raccoglie in sé la solennità del culto cattolico che rappresenta.

Il Santuario è dedicato a Santa Maria del Fonte, la leggenda narra infatti che apparve qui a Caravaggio nel 1432 agli occhi di una giovane contadinella, tale Giannetta de’ Vacchi.

Inizialmente al posto del Santuario c’era una piccola cappella che accoglieva i fedeli che desideravano raccogliersi in preghiera nel luogo dell’apparizione, essendo però un posto molto frequentato e volendogli dare un significato di profonda religiosità venne deciso dall’Arcivescovo di Milano Carlo Borromeo che nel 1575 iniziassero i lavori che portarono ad avere l’attuale Santuario.

Ad oggi il Santuario di Santa Maria del Fonte di Caravaggio non è solo un importante e suggestivo luogo di preghiera, ma è anche un luogo di fattiva attività religiosa a beneficio di pellegrini ed ammalati che trovano posto all’interno del centro di accoglienza, tra gli edifici inoltre è ospitato un centro di consulenza matrimoniale e famigliare e un centro di spiritualità.

Già all’interno degli edifici “funzionali” che ospitano le strutture di aiuto e consulenza ci sono cose da vedere, potrete infatti soffermarvi nell’ammirazione delle vetrate dell’auditorium, inoltre all’interno della cappella del Centro di Spiritualità troverete le sculture di Mario Toffetti.

Una volta arrivati al Santuario ve ne innamorerete, si trova al centro di una piazza interamente circondata da portici, in totale ci sono 200 arcate e misurano in totale circa 800 metri, mentre un obelisco di marmo rivolto verso il centro cittadino è stato posto  sul vialone che esce dalla piazza.

Proseguendo nella vostra visita, poco dopo l’obelisco, incontrerete una grande fontana la cui particolarità è che le sue acque passano sotto la chiesa e raccoglie anche quelle del Sacro Fonte che successivamente confluiscono nella piscina posta nel piazzale posteriore dove gli infermi possono immergersi per chiedere la guarigione.

All'ingresso del Santuario di Santa Maria del Fonte rimarrete senza fiato.

Santuario Madonna di Caravaggio

Il Santuario ha una sola navata interna in stile classico con colonne dallo stile ionico, una volta entrati in realtà vi sembrerà che la divisione della chiesa sia in due parti, questo perché la parte occidentale ospita quattro cappelle per lato, le cantorie così come l’ingresso principale è più ampia, la parte orientale invece è di dimensioni più ridotte ma dovete assolutamente visitarla perché da qui potrete scendere nella cripta.

Di fronte a voi appena entrati sarete accolti dall’Altare Maggiore che è stato posto proprio sotto la cupola centrale del Santuario di Santa Maria del Fonte di Caravaggio e vi lascerà senza fiato, è maestoso, e ricco ma al tempo stesso vi ispira un senso di pace interiore che non ha eguali.

Osservate con cura le colonne e le statue che si alternano sorreggendo il trono che si eleva verso la cupola e su di esso gli angeli che portano la corona di stelle.

Prestate attenzione al grande organo a canne, l’Organo Maggiore, una vera opera d’arte costituita da 5600 canne e con quattro tastiere.

Sicuramente però per gli amanti dell’arte, oltre ovviamente allo stupendo altare, di grande interessa è la sagrestia, che in origine era una cappella, un grande affresco fa da soffitto a questa parte del santuario ed è stato realizzato da Camillo Procaccini, inoltre  gli armadi sono decorati con putti alati.

Sotto l’altare si trova il Sacro Speco dove vedrete la riproduzione statuaria dell’apparizione, al di sotto di esso troviamo il Sacro Fonte al quale accederete dall’esterno e dove potrete prelevare l’acqua benedetta dalla fontana che si trova, si dice, proprio nel luogo esatto dell’apparizione.

Il Santuario di Santa Maria del Fonte di Caravaggio è una vera opera d’arte, che infonde pace e vi stupirà per la sua bellezza e imponenza, non vi pentirete di avergli dedicato del tempo.

Sara Manelli

Articoli correlati

Santuario Madonna della Guardia, Tortona
Tortona
Foto di Lynne Hand
Fine settimana a Tortona alla scoperta della città e del Santuario di Nostra Signora della Guardia
Tempesta notturna ad Arzignano
Arzignano
Riscopri la spiritualità con un week end religioso ad Arzignano
Cupola del Duomo vista dal Castello scaligero. Villafranca di Verona
Villafranca di Verona
Fine settimana di raccoglimento e spiritualità alle porte di Verona.
Mare, natura e cultura per un connubio unico di grandi eccellenze: questo è il panorama turistico di Camaiore
Isola di Capo Rizzuto
Isola di Capo Rizzuto
Un tuffo nel blu dello Jonio in una splendida isola avvolta da un mix di storia, leggenda e meraviglie architettoniche.
Varese è il luogo perfetto per poter organizzare un perfetto weekend religioso avendo numerose chiese e basiliche da poter visitare

Cosa mangiare a Bergamo Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Pizzoccheri della Va..
I pizzoccheri alla Valtellinese sono il piatto simbolo della cucina tradizionale Valtellinese e sono realizzati con farina di grano saraceno.
guarda
Ossobuco alla milanese
Ossibuchi della zampa di vitello infarinati e passati in padella con olio e burro e poi cotti con salsa di pomodoro.
guarda
Polenta taragna
Polenta fatta con farina di grano saraceno e di farina di mais che una volta cotta va aggiunto burro e formaggio.
guarda
Costoletta alla miil..
Secondo tipico che è realizzato dalla costoletta che viene passata nell'uovo e poi nel pangrattato quindi fritta nel burro.
guarda
Spongarda
Specialità cremasca variante del "pane dolce". Nell'impasto troviamo miele, nocciole, cedro candito, uva sultanina e spezie.
guarda
Cassoeula
È un piatto invernale tipico composto da uno stufato di verze e carni di maiale (salsiccia, puntine, piedini e cotica).
guarda
Gorgonzola
Formaggio fresco erborinato prodotto con latte di vacca la cui particolarità risiede nelle muffe che ne determinano il sapore che può essere dolce o piccante.
guarda
Panettone
Dolce tipico natalizio con un impasto soffice e ricco dalla forma a cupola che lo rende inconfondibile.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK