Weekend a Castel Gandolfo

Uno tra i più bei borghi italiani che si affaccia sulle sponde del lago di Albano.

Veduta del Lago di Albano da Castel Gandolfo
Foto di Nextors

E’ uno tra i più bei borghi italiani quel Castel Gandolfo che si affaccia sulle sponde del lago di Albano. Il suo nome deriva da una famiglia romana, i Gandolfi che nel millecento fecero costruire l’omonimo castello ma la sua storia è molto più antica e, secondo gli studi effettuati nel Cinquecento da Philipp Winge, questo luogo venne riconosciuto come l’antica Albalonga, fondata nel XIII secolo da Ascanio, figlio di Enea e distrutta nel VII secolo a.C. ad opera dei romani.

Bisognerà attendere l’anno mille per vedere la formazione di un agglomerato di contadini che si va ad assembrare intorno al castello dei Gandolfi fino a diventare una vera e propria comunità che rileva il nome della stessa dalla nobile famiglia di origine genovese che in seguito cedette la proprietà ai Savelli e che agli inizi del XVII secolo passò nella mani della Chiesa fino a diventare nel Settecento, sede estiva di molte nobili famiglie romane. Il paesino è noto per essere la residenza estiva dei Papi che risiedono nel Palazzo Pontificio, una delle bellezze di Castel Gandolfo. Il suo bel centro storico può essere facilmente visitato e di particolar pregio  la fontana, attribuita a Gianlorenzo Bernini che domina la centralissima Piazza della Libertà ove si affacciano i più importanti edifici del paese.

Lo stesso artista progettò anche la Chiesa di San Tommaso da Villanova la cui costruzione risale al XVII secolo. Purtroppo il Palazzo Pontificio, eretto nel Seicento su progetto del Maderno non è visitabile ma si sa che ha avuto diversi rifacimenti nel corso dei secoli ed è facente parte delle Ville Pontificie di Castel Gandolfo, insieme a Palazzo Barberini e Villa Cybo e che le tre costruzioni sono inserite nel contesto di grandi giardini privati che si estendono per circa 55 ettari che ospitano anche l’osservatorio astronomico della Specola Vaticana.

Il Palazzo Pontificio si affaccia su Piazza della Libertà da dove si può assistere alla benedizione del Papa.

Palazzo Pontificio Piazza della Libertà - Castel Gandolfo
Foto di Racchio

Il Palazzo Pontificio si affaccia su Piazza della Libertà da dove si può assistere, durante le domeniche di estate quando è presente, alla benedizione del Papa. Sul portone reca lo stemma papale di Alessandro VII e al suo interno sono presenti diverse sale storiche come il Salone degli Svizzeri, le Sale dei Palafrenieri, la Sala del Trono e alcune cappelle tra cui la Cappella Privata del Papa e la Cappella di Urbano VIII.

Da visitare è anche Villa Barberini che fu commissionata dal nipote di Papa Urbano VIII, Maffeo Barberini e che è diventata parte integrante delle Ville Pontificie. Si compone di due parti, una di tre piani che guarda il lago e la seconda di quattro piani che si affaccia dalla parte del mare. Da visitare anche Villa Torlonia che ospita delle preziose sculture neoclassiche e che fu abitata da Goethe durante il suo viaggio in Italia.

A Castel Gandolfo la tradizione enogastronomica assicura oltre che il vino DOC dei Colli Albani, anche delle famose pesche chiamate ‘guance di canonico’ e i lattarini, del pesce di lago che vengono cucinati in molti modi e che a giugno danno origine ad una celebre sagra in loro onore. Ogni ultima domenica del mese si svolge per le vie del borgo un mercatino dell’antiquariato che si chiama ‘Profumo di antico’ e che è meta fissa di molti curiosi romani e non solo.

Aldo Galvagno

Articoli correlati

Ristorante La Gardenia
Castel Gandolfo
I ristoranti romantici di Castel Gandolfo dove cenare in dolce compagnia gustando il meglio della cucina locale
guarda
Sera di primavera al Lago Albano
Albano Laziale
Weekend romantico in uno dei luoghi più noti dei Castelli Romani
Il lago di Nemi
Nemi
Foto di Bl3w
Un weekend nel romantico lago di Nemi, tra natura e cultura
Lago di Vico - Viterbo, Lazio
Ronciglione
Weekend romantico sul piccolo ma pittoresco lago di Vico di origine vulcanica tra ampie distese di noccioleti
Torgiano
Torgiano
Weekend di puro benessere nella SPA più grande del'Umbria.
Lago di Bolsena al tramonto
Bolsena
Foto di Kim dela Pix
Weekend romantico a Bolsena, antico centro Etrusco ricco di storia e leggende
Riva del Garda
Riva del Garda
Weekend romantico nella piccola perla Trentina adagiata sul lago di Garda
Bardolino dopo il tramonto
Bardolino
Weekend romantico nella deliziosa località in riva al lago di Garda

Cosa visitare nei dintorni di Castel Gandolfo Per chi ama viaggiare

Clicca qui per attivare la mappa

Cosa mangiare a Roma Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Spaghetti alla carbo..
Piatto tanto semplice quanto saporito a base di guanciale a cubetti fritto in olio, con spaghetti al dente nei quali si metterà rosso d’uovo mischiato con pecorino grattugiato e pepe
guarda
Carciofi alla Giudia
Piatto della tradizione giudaica, realizzati con i carciofi romaneschi che dopo essere stati puliti delle foglie esterne, vengono cotti immersi a testa in giù nell’olio extravergine.
guarda
Coda alla vaccinara
Piatto popolano che si prepara con la coda di vaccina che viene cotta in un sugo di pomodoro, carota, cipolla, sedano, pinoli, uva sultanina e con una spolverata di cacao amaro.
guarda
Gnocchi alla romana
Si preparano con il semolino anziché con le patate e vengono cotti nel latte dopo averli spolverati con formaggio e tuorli d’uovo prima di essere gratinati al forno con burro e parmigiano
guarda
Pizza di Civitavecchia
Tipico dolce dell’Alto Lazio, si prepara tutto l’anno anche se durante il periodo Pasquale è tradizione mangiarlo. Ingredienti: farina, ricotta, zucchero, pasta di pane, burro e uova.
guarda
Bignè fritti di San..
Queste paste sono i classici bignè che anziché essere cotti al forno vengono fritti in abbondante olio, riempiti di deliziosa crema pasticcera e imbiancati con zucchero a velo.
guarda
Bucatini all’Amatr..
Nata ad Amatrice era un piatto povero preparato dai pastori che utilizzavano solo quello che avevano: la pasta, il guanciale, il pecorino, il pepe nero, lo strutto e qualche pomodoro maturo.
guarda
Porchetta di Ariccia
La porchetta viene cotta alla brace dopo che sia stata aromatizzata con sale, pepe e tantissime erbe. Dopo una lunga cottura viene servita fredda.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK