Weekend a Rho

Ritrova la fede che è in te in un week end religioso alla scoperta della storia dei santi a Rho

Duomo di San Vittore
Foto di Boban475

Rho è un paese situato nella provincia di Milano e precisamente in Lombardia. Il suo clima è caratterizzato dalla presenza di inverni abbastanza rigidi, talvolta accompagnati da rovesci a carattere nevoso. Le estati sono sempre calde e talvolta caratterizzate anche da rovesci a carattere temporalesco.

Questo paese permette di poter effettuare un week end religioso in quanto sono presenti numerose strutture che danno modo ai credenti di poter scoprire la storia dei santi ed anche del patrono vigente.

La prima meta è sicuramente quella della Basilica di San Vittore che fu dedicata a San Vittore il Moro che nel VIII decise di sacrificare la sua vita. Questa basilica sorge sulla vecchia chiesa che era stata creata per lo stesso martire ma a causa delle sue pessime condizioni venne abbattuta. Al suo interno è possibile ammirare i numerosi dipinti realizzati dal noto pittore Giulio Cesare Giuliani e non mancano anche quelli di Tevarotto di Milano. Alcuni dipinti sono stati realizzati dal professore Bosoni ed anche dai membri della scuola Luini. Nella stessa piazza ove è presente la Basilica è possibile vedere l'edificio di culto che viene chiamato la Croce della Peste che si tratta di una croce dove vennero ritrovate dinnanzi ad essa delle reliquie affiancate ad un foglietto.

Vieni a scoprire uno dei più bei luoghi di culto mariani della lombardia: il santuario dell'Addolorata

il santuario dell'Addolorata

Il secondo edificio da vedere è il noto santuario dell'Addolorata che viene considerato uno dei più importanti luoghi di culto per tutti i mariani che provengono dalla Lombardia. Nel 1522, nello stesso luogo dove ora è presente il santuario, era presente una cappella molto piccola che era stata dedicata alla Madonna della Neve, la decisione di costruire questa cappella fu per una grazia ricevuta direttamente da un aristocratico che voleva darle omaggio. All'epoca, sull'altare, venne posto un quadro di un autore sconosciuto che raffigura una Pietà, è noto a tutti che nel 24 aprile del 1583, quello stesso quadro pianse lacrime di sangue. Il santuario dell'Addolorata è bellissimo per la presenza di numerosi dipinti che furono realizzati da dei noti pittori del rinascimento lombardo e Camillo Procaccini, nel 1603 decise di decorare la cappella di San Giuseppe.

Per chi desidera visitare la cappella di San Giorgio, al suo interno è possibile ammirare dei bellissimi affreschi del Morazzone che furono creati nel 1615 oltre ad una pala d'altare che raffigura tutt'ora San Giorgio e il drago.

Non manca inoltre la cappella di San Carlo che fu interamente abbellita da Andrea Lanzani mantenendo il suo inconfondibile stile barocco oppure vi è anche la cappella dedicata a San Giovanni Battista che conserva la pala dell'altare decorata da Fiammenghino. La navata è interamente ricoperta dagli affreschi di Giuseppe Carsana e da Luigi Morgari che decisero anche di collaborare con Angelo Secchi e con Achille che contribuirono ad elevarla nel suo attuale splendore. Vi è inoltre da ammirare anche la collezione di dipinti che furono realizzati da Procaccini e tra di questi vi è anche il noto Martirio di Santa Caterina.

Si possono anche ammirare le cappelle che sono state finemente decorate con dei rilievi in stucco da Grazioso Rusca e sono ancora presenti le due sculture realizzate interamente in gesso da Pompeo Marchesi.

Giulia Teotto

Articoli correlati

Varese è il luogo perfetto per poter organizzare un perfetto weekend religioso avendo numerose chiese e basiliche da poter visitare
Isola di Capo Rizzuto
Isola di Capo Rizzuto
Un tuffo nel blu dello Jonio in una splendida isola avvolta da un mix di storia, leggenda e meraviglie architettoniche.
Santuario della Madonna di Santa Valeria
Seregno
Un vero weekend religioso a Seregno tra chiese ed abbazie realizzate negli anni per pregare i santi
Cupola del Duomo vista dal Castello scaligero. Villafranca di Verona
Villafranca di Verona
Fine settimana di raccoglimento e spiritualità alle porte di Verona.
Cesena
Cesena
Foto di ZioWoody
Cesena, la città dei tre Papi e delle mille meraviglie
Fidenza
Fidenza
Foto di Holly Hayes
Fidenza, dimensioni ridotte ma bellezze ed emozioni a misura delle grandi città d’arte

Cosa mangiare a Milano Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Costoletta alla miil..
Secondo tipico che è realizzato dalla costoletta che viene passata nell'uovo e poi nel pangrattato quindi fritta nel burro.
guarda
Spongarda
Specialità cremasca variante del "pane dolce". Nell'impasto troviamo miele, nocciole, cedro candito, uva sultanina e spezie.
guarda
Ossobuco alla milanese
Ossibuchi della zampa di vitello infarinati e passati in padella con olio e burro e poi cotti con salsa di pomodoro.
guarda
Cassoeula
È un piatto invernale tipico composto da uno stufato di verze e carni di maiale (salsiccia, puntine, piedini e cotica).
guarda
Valigini
Fagottini di foglie di verza appena sbollettate con un ripieno di trito di pollo e patate e cotti su un fondo di olio, burro e cipolla con salsa di pomodoro.
guarda
Polenta taragna
Polenta fatta con farina di grano saraceno e di farina di mais che una volta cotta va aggiunto burro e formaggio.
guarda
Pizzoccheri della Va..
I pizzoccheri alla Valtellinese sono il piatto simbolo della cucina tradizionale Valtellinese e sono realizzati con farina di grano saraceno.
guarda
Risotto alla milanese
Classico primo della cucina milanese, il famoso risotto è preparato con l’aggiunta di midollo di bue e zafferano che lo differenziano da tutti gli altri.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK