Weekend a Milano

“Milan l’è on grand Milan”. La capitale della moda e dell’industria italiana.

Il Duomo di Milano
Foto di Paulo Ghizzi

Cosa scegliere di vedere, avendo a disposizione solo un paio di giorni, in una città che è capitale della moda e dell’industria italiana? Sicuramente i suoi luoghi d’arte.  Non poche sono le perle di Milano ma, fortunatamente, molte di loro si trovano in luoghi facilmente raggiungibili con una passeggiata in centro o con l’ausilio della metropolitana meneghina (che ti porta praticamente ovunque).
Persino Milano può diventare low cost se si copiano le abitudini di chi ci vive. Infatti, immersi nelle vie dello shopping per tutti e quelle dello shopping per pochi, si trovano opere di inestimabile valore e mostre di ogni tipo (ma con biglietti d’ingresso decisamente abbordabili).

Doveroso è cominciare la propria visita dal simbolo di Milano: il Duomo.
La costruzione, iniziata nel 1387 per volere di Gian Galeazzo Visconti, si conclude solo nel 1813. Il Duomo è senz’altro espressione di 500 anni di vita meneghina, simbolo e spettatore della nobiltà che negli anni si è contesa la guida del capoluogo lombardo. Impossibile definire precisamente quale sia lo stile di quest’opera mastodontica, sicuramente possiamo identificare uno stile gotico marcato, affiancato con alcuni dettagli rinascimentali e neogotici. Ciò che è certo è la maestosità che si percepisce stando all’ombra del Duomo di Milano. La visita è completamente gratuita se si sceglie di vedere solo l’interno della cattedrale ma con soli 11 euro è possibile visitare le terrazze, il Museo, il Tesoro e il Battistero di San Giovanni alle Fonti ( se si preferisce salire in ascensore alle terrazze il prezzo sale a 15 euro).

A pochi passi, o per meglio dire esattamente sulla destra della cattedrale, troviamo Palazzo Reale, location prediletta di tutte le mostre meneghine. Le opere di tutti i grandi artisti son passate dalle sale di Palazzo Reale: in queste settimane per esempio è possibile godere dei dipinti del maestro Kandinsky (il biglietto è di 11 euro con audioguida inclusa).

Per la pausa pranzo ogni buon milanese che si rispetti ti consiglierà un panzerotto di Luini (il forno storico si trova in via santa Radegonda, 16).. richiede un po’ di pazienza per la lunga coda ma ne vale di certo la pena!

Per smaltire il pasto potete fare una bella camminata in direzione Castello Sforzesco

Castello Sforzesco, Milano

Per smaltire il pasto – di certo gustoso ma non proprio leggero – potete fare una bella camminata in direzione Castello Sforzesco, raggiunto il quale potete decidere se fare un bel giro nel parco e rilassare un po’ la mente o visitare le sale dell’imponente dimora trecentesca. Interessante informarsi, prima della partenza, se per il week end che avete scelto è prevista una delle tante manifestazioni culturali ospitate dal Castello in ogni periodo dell’anno.

Per concludere un itinerario dell’arte meneghina che si rispetti di certo non possono mancare due passi in direzione della Pinacoteca di Brera che ospita, citando solo la collezione fissa, opere di Mantegna, Rubens, Rembrandt, Bramante, Caravaggio e Boccioni (e troppi altri per poterli citare tutti). Il prezzo del biglietto d’ingresso è di soli 6 euro.

Per concludere la visita in bellezza mi sento di consigliare una delle abitudini milanesi per eccellenza: l’aperitivo nelle viette che compongono il quartiere di Brera. Con soli 10 euro infatti il “milanese tipo” cena tranquillamente riempiendo il piatto ai fornitissimi buffet dei locali (che di solito iniziano a riempire il bancone di pietanze alle 18.00 e ritirano intorno alle 21.00). Come in nessun altra città italiana infatti i buffet meneghini sono ricchi e gustosi (di solito si possono trovare almeno 3 tipi di pasta, orzo freddo, formaggi e salumi, cruditè e qualche dolce).

L’ultimo importante consiglio per chi decide di passare un week end a Milano riguarda la scelta di dove dormire. Difficile infatti trovare qualcosa di abbordabile guardando agli hotel in centro, meglio cercare qualcosa in una zona più periferica, stando attenti a scegliere una location che sia vicina ad una fermata della metropolitana. La comodità della città meneghina è infatti questa, la metro ti porta ovunque, è economica ed effettua corse fino a mezzanotte (anche mezzanotte e mezza nel week end.. ma è sempre meglio prendere quella prima per non rischiare di dover ripiegare su un taxi, decisamente non il servizio più economico del capoluogo lombardo).

Simona Turelli

I castelli più belli d'Italia
I nostri lettori hanno eletto il Castello Sforzesco di Milano come uno dei castelli più belli d'Italia. Fanno parte di questa speciale classifica anche il Castello Miramare di Trieste, Castel del Monte di Andria, il Castello di Fènis ad Aosta, Castel Coira di Sluderno a Bolzano, il Castello Estense di Ferrara, Castel Dell'Ovo di Napoli, il Castello di Monteriggioni a Siena, Castel Sant'Angelo di Roma, il Castello Aragonese di Taranto, il Castello di Gradara a Pesaro-Urbino, il Castello Scaligero di Sirmione a Brescia, la Rocca Borromeo di Angera a Varese, il Castello Normanno-Svevo di Bari, il Castello di San Giorgio a Mantova, il Castello di Venere di Erice a Trapani, la Rocca Maggiore ad Assisi e il Castello del Buonconsiglio di Trento.

Le dimore del FAI
La Villa Necchi Campiglio a Milano è una delle antiche dimore, castelli, ville, parchi storici, giardini ed aree naturali che, in oltre trent’anni di attività, il FAI ha salvato e restituito alla collettività. Le altre dimore presenti in Lombardia sono: la Villa del Balbianello a Lenno, la Villa Della Porta Bozzolo di Casalzuigno, la Villa e Collezione Panza e Il Monastero di Torba a Varese e la Villa Fogazzaro Roi di Valsolda a Como.

Le 10 opere più famose di Piero della Francesca
La Sacra conversazione, conservata nella Pinacoteca di Brera a Milano, è, a nostro parere, una delle 10 opere più famose di Piero della Francesca. Completano questa speciale classifica i Ritratti di Federico da Montefeltro e Battista Sforza, agli Uffizi di Firenze, il Polittico di Sant’Antonio, nella Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia, Sigismondo Malatesta e San Sigismondo, nel Tempio Malatestiano di Rimini, la Resurrezione di Cristo, al Museo Civico di Sansepolcro, la Flagellazione, nella Galleria Nazionale delle Marche ad Urbino, il Ritratto di Sigismondo Pandolfo Malatesta, al Louvre di Parigi, il Battesimo di Cristo e la Natività, al National Gallery di Londra, le Storie della vera Croce, nella Chiesa di San Francesco, ad Arezzo e la Madonna del Parto nella Cappella del Cimitero di Monterchi.

Articoli correlati

Piccolo Sogno
Milano
Milano è la pragmatica e laboriosa capitale del nord, ma contiene anche tantissimi ristoranti romantici dove poter cenare a lume di cande..
guarda
Segrate Outlet Village
Milano
Recensioni ed indirizzi dei migliori outlet di Milano, per tutti coloro che amano fare shopping nel weekend.
guarda
Pizza Napuletana
Milano
Foto di Tripadvisor
Dopo ore di shopping sfrenato in una delle capitali della moda più prestigiose cosa c'è di meglio di un'ottima pizza?
guarda
Spiagge per cani
Milano
Foto di Victor
Per le vostre vacanze abbiamo selezionato i migliori hotel di Milano in cui sono ammessi i cani e le spiagge più belle della provincia a ..
guarda
Recensione dei bed and breakfast di Milano più romantici e ricchi di fascino, ideali per una fuga d'amore del week end.
guarda
Tra le soluzione di soggiorno più intelligenti ed economiche, per entrare nel cuore di Milano in maniera diretta, ci sono quelle relative..
guarda
Scopri i migliori ristoranti di Milano per una cena favolosa nell'atmosfera di un elegante bistrot
guarda
Scopri i migliori ristoranti hawaiani di Milano per una cena esotica
guarda

I migliori hotel per un weekend low cost a Milano Le nostre proposte

Abbiamo selezionato per voi i migliori hotel di Milano in base ai voti che hanno espresso i turisti che vi hanno soggiornato. Sono presenti solo hotel economici a 2 o 3 stelle in grado però di offrire i servizi più moderni e una confortevole ospitalità. Per consentirvi di organizzare un week end low cost a Milano vi direzioniamo nel portale turistico con la migliore offerta: in questo modo potrete valutarne i prezzi.

Hotel Ideale
L'hotel propone sistemazioni semplici e curate, oltre ad un servizio davvero cordiale. Non lontano dal Duomo di Milano e dal Teatro alla Scala.
Hotel 22 Marzo
Le camere che sono tutte dotate di aria condizionata, Wi-Fi gratuito e TV a schermo piatto. Si trova a pochi passi da Duomo di Milano.
Hotel Acca Palace
Dotato di un giardino, di un ristorante e di ampie camere. Non lontano dalla stazione centrale della metropolitana.
Antica Locanda Leona..
Elegante hotel nel centro di Milano. Propone camere personalizzate nelle decorazioni. A pochi passi dal Castello Sforzesco, dai Navigli e dal Duomo di Milano.

Cosa visitare nei dintorni di Milano Per chi ama viaggiare

Clicca qui per attivare la mappa

Cosa mangiare a Milano Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Spongarda
Specialità cremasca variante del "pane dolce". Nell'impasto troviamo miele, nocciole, cedro candito, uva sultanina e spezie.
guarda
Cassoeula
È un piatto invernale tipico composto da uno stufato di verze e carni di maiale (salsiccia, puntine, piedini e cotica).
guarda
Costoletta alla miil..
Secondo tipico che è realizzato dalla costoletta che viene passata nell'uovo e poi nel pangrattato quindi fritta nel burro.
guarda
Valigini
Fagottini di foglie di verza appena sbollettate con un ripieno di trito di pollo e patate e cotti su un fondo di olio, burro e cipolla con salsa di pomodoro.
guarda
Panettone
Dolce tipico natalizio con un impasto soffice e ricco dalla forma a cupola che lo rende inconfondibile.
guarda
Pizzoccheri della Va..
I pizzoccheri alla Valtellinese sono il piatto simbolo della cucina tradizionale Valtellinese e sono realizzati con farina di grano saraceno.
guarda
Gorgonzola
Formaggio fresco erborinato prodotto con latte di vacca la cui particolarità risiede nelle muffe che ne determinano il sapore che può essere dolce o piccante.
guarda
Polenta taragna
Polenta fatta con farina di grano saraceno e di farina di mais che una volta cotta va aggiunto burro e formaggio.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK