Weekend ad Angera

Weekend alla scoperta della Rocca Borromeo, il simbolo di Angera, cittadina sulle sponde meridionali del Lago Maggiore.

Rocca di Angera e lago Maggiore al tramonto

E’ la Rocca Borromeo il simbolo di Angera, cittadina sulle sponde meridionali del Lago Maggiore. Era, insieme alla Rocca di Arona, uno dei principali capisaldi strategici sul lago in epoche passate e, oggi, uno dei castelli meglio conservati in tutta la Lombardia. La Rocca domina Angera dall’alto del promontorio a strapiombo ove fu edificata intorno al XII secolo anche se già esisteva una struttura difensiva all’epoca dei romani e dei longobardi.

Intorno alla metà del XV secolo passa nella mani dei Borromeo che sono ancor oggi, i legittimi proprietari.
Dalla cima della Torre castellana, nella parte più arcaica della Rocca, è possibile ammirare uno straordinario panorama al quale fa da contrappunto la Torre di Giovanni Visconti, costruita solo nel XIV secolo. Fra le due torri, sul lato occidentale, si trova l’Ala Viscontea al cui interno è particolarmente significativa la ‘Sala di giustizia’  con il ciclo di affreschi  che sono un elemento rilevante della pittura lombarda del periodo.

Dal 1988 la Rocca ospita un museo unico nel suo genere, che è conosciuto come Museo della Bambola.

Museo delle Bambole
Foto di Daniel70mi

Dal 1988 la Rocca ospita un museo unico nel suo genere,  tra i più importanti d'Europa che è conosciuto come Museo della Bambola. Ingrandito nel corso degli anni, oggi  propone anche sezioni dedicate all’abbigliamento infantile ed ai giocattoli.

La Rocca Borromeo di Angera propone al turista, un interessante percorso all’aria aperta alla scoperta di un Giardino medievale che vuole essere uno stimolo per effettuare un più ampio itinerario sul Lago Maggiore collegato agli altri giardini dei Borromeo come quello barocco all’Italiana dell’Isola Bella e quello botanico dell’Isola Madre.

Come per gli altri siti turistici legati ai Borromeo, la stagione d’apertura va dalla metà di marzo alla seconda metà di ottobre, anche se le date precise variano di anno in anno, dalle nove di mattina fino alle diciassette e trenta, tutti i giorni.

Aldo Galvagno

I castelli più belli d'Italia
I nostri lettori hanno eletto la Rocca Borromeo di Angera come uno dei castelli più belli d'Italia. Fanno parte di questa speciale classifica anche Castel Dell'Ovo di Napoli, il Castello Estense di Ferrara, Castel Coira di Sluderno a Bolzano, il Castello Miramare di Trieste, il Castello di Venere di Erice, il Castello Sforzesco di Milano, Castel del Monte di Andria, il Castello di Fènis ad Aosta, il Castello di Monteriggioni a Siena, Castel Sant'Angelo di Roma, il Castello Aragonese di Taranto, il Castello di Gradara a Pesaro-Urbino, il Castello Scaligero di Sirmione a Brescia, il Castello Normanno-Svevo di Bari, il Castello di San Giorgio a Mantova, la Rocca Maggiore ad Assisi e il Castello del Buonconsiglio di Trento.

Articoli correlati

Castello di Fenis
Aosta
Weekend alla scoperta del più famoso maniero medioevale della Valle d'Aosta
Castello Normanno-Svevo
Castello Normanno-Svevo
Il Castello Normanno-Svevo che si trova quasi ai margini della Bari vecchia e dai reperti archeologici ritrovati, fa risalire la sua origi..
Andria - Castel del Monte
Andria
A meno di una ventina di chilometri da Andria sorge il caratteristico Castel del Monte, fatto costruire da Federico II
Un weekend nella splendida Torriana dove potrete visitare il suo castello ricco di miti e strane leggende
Castello di Bardi
Bardi
Appassionati e studiosi di fenomeni paranormali non possono non venire a visitare lo splendido e poderoso castello di Bardi
 Castello di Poppi
Poppi
Venite a visitare il meraviglioso Parco Zoo della Fauna Europea che si trova a Poppi e non perdete l’occasione di recarvi al meraviglios..

Cosa visitare nei dintorni di Angera Per chi ama viaggiare

Clicca qui per attivare la mappa

Cosa mangiare a Varese Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Risotto alla milanese
Classico primo della cucina milanese, il famoso risotto è preparato con l’aggiunta di midollo di bue e zafferano che lo differenziano da tutti gli altri.
guarda
Costoletta alla miil..
Secondo tipico che è realizzato dalla costoletta che viene passata nell'uovo e poi nel pangrattato quindi fritta nel burro.
guarda
Panettone
Dolce tipico natalizio con un impasto soffice e ricco dalla forma a cupola che lo rende inconfondibile.
guarda
Ossobuco alla milanese
Ossibuchi della zampa di vitello infarinati e passati in padella con olio e burro e poi cotti con salsa di pomodoro.
guarda
Pizzoccheri della Va..
I pizzoccheri alla Valtellinese sono il piatto simbolo della cucina tradizionale Valtellinese e sono realizzati con farina di grano saraceno.
guarda
Gorgonzola
Formaggio fresco erborinato prodotto con latte di vacca la cui particolarità risiede nelle muffe che ne determinano il sapore che può essere dolce o piccante.
guarda
Cassoeula
È un piatto invernale tipico composto da uno stufato di verze e carni di maiale (salsiccia, puntine, piedini e cotica).
guarda
Spongarda
Specialità cremasca variante del "pane dolce". Nell'impasto troviamo miele, nocciole, cedro candito, uva sultanina e spezie.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK