Weekend a Gradara

Il castello di Gradara, con Paolo e Francesca. Rivivete l'incredibile storia d'amore che ha ispirato i versi della Divina Commedia.

Il Castello di Gradara di notte
Foto di Niki Giada

Amor, ch'a nullo amato amar perdona,
mi prese del costui piacer sì forte,
che, come vedi, ancor non m'abbandona.

Sarete in molti a riconoscere questi versi scritti da Dante Alighieri nella sua Divina Commedia. Qualcuno di voi sarà al corrente anche che la vicenda non è frutto della fantasia tanto geniale e romantica come quella di William Shakespeare per i suoi Giulietta e Romeo, ma è una storia realmente accaduta nel 1289 a Francesca da Polenta e Paolo Malatesta; i due, amanti segreti, furono sorpresi dal marito di lei e fratello di lui, il rozzo Gianciotto Malatesta, che uccise entrambi brandendo la sua spada.

In pochi sapranno, però, che il luogo in cui essa accadde fu il Castello di Gradara, una fortezza medioevale nei pressi di Pesaro, nelle Marche.

Il castello, il cui anno di costruzione risale al 1150, è ancora oggi ben conservato: sorge su una collina a 142 metri sul livello del mare e il suo torrione principale, da cui si arriva a vedere il mare Adriatico, domina la vallata. Si impone nella sua maestosità  anche grazie alle cinta murarie che lo proteggono completamente, ed è oggi sede di importanti eventi musicali ed artistici.

Per chi vuole fermarsi a pranzo o a cena è doveroso segnalare il Mastin Vecchio, un ristorante e osteria in cui gustare le specialità locali a lume di candela

Ristorante Mastin Vecchio

La parte più suggestiva è sicuramente quella relativa alla Rocca, teatro della vicenda dei due amanti Paolo e Francesca; ogni giorno è possibile sfruttare le visite guidate per conoscerne i più romantici quanto drammatici dettagli, che fanno da sfondo ai numerosi affreschi e agli arredi interni.

E' anche possibile percorrere un tratto delle mura che circondano il borgo, da cui si gode di una bellissima vista panoramica, prima di visitare il Museo Storico e la chiesa di San Giovanni che custodisce un crocifisso del XV secolo.

Fra le varie manifestazioni che vengono organizzate nel comune una menzione speciale va data a Assedio al Castello; si tratta di un autentico viaggio nel medioevo grazie alla rievocazione storica che si svolge tutti gli anni nel mese di luglio, in cui per tre giorni le vie del borgo diventano un grande accampamento militare e un grande teatro per le esibizioni di artisti e giullari.

Per chi vuole fermarsi a pranzo o a cena è doveroso segnalare il Mastin Vecchio, un ristorante e osteria in cui gustare le specialità  locali a lume di candela, rievocando ancora di più il tormentato e tragico amore fra i due personaggi di dantesca memoria.

«Amor, ch'al cor gentil ratto s'apprende,
prese costui de la bella persona
che mi fu tolta; e 'l modo ancor m'offende.
Amor, ch'a nullo amato amar perdona,
mi prese del costui piacer sì forte,
che, come vedi, ancor non m'abbandona.
Amor condusse noi ad una morte.
Caina attende chi a vita ci spense.»
Queste parole da lor ci fuor porte.

Simone Lodovichetti

I Borghi più belli d'Italia
Gradara è uno dei Borghi più belli d'Italia delle Marche. Di questa particolare classifica fanno parte anche Cingoli, Corinaldo, Frontino, Grottammare, Matelica, Mondavio, Mondolfo, Montecassiano, Montecosaro, Montefabbri, Montefiore dell´Aso, Montelupone, Moresco, Offagna, Offida, San Ginesio, Sarnano, Treia e Visso.

I castelli più belli d'Italia
I nostri lettori hanno eletto il Castello di Gradara come uno dei castelli più belli d'Italia. Fanno parte di questa speciale classifica anche il Castello Aragonese di Taranto, Castel Sant'Angelo di Roma, il Castello di Monteriggioni a Siena, Castel Dell'Ovo di Napoli, il Castello Estense di Ferrara, Castel Coira di Sluderno a Bolzano, il Castello Miramare di Trieste, il Castello di Venere di Erice, il Castello Sforzesco di Milano, Castel del Monte di Andria, il Castello di Fènis ad Aosta, il Castello Scaligero di Sirmione a Brescia, la Rocca Borromeo di Angera a Varese, il Castello Normanno-Svevo di Bari, il Castello di San Giorgio a Mantova, la Rocca Maggiore ad Assisi e il Castello del Buonconsiglio di Trento.

Articoli correlati

Castello di Gradara
Gradara
Foto di #
Panorami e attrattive a 360 gradi
guarda
Sirolo, la spiaggia incontaminata
Sirolo
Foto di Fotoperhobby
Un weekend nel gioiello della Riviera del Conero
La Casa sull'Albero - Suite Bleue
Arlena di Castro
Dedicato a chi vuole vivere una esperienza indimenticabile senza rinunciare né al glamour né al comfort.
Primavera al castello di Fenis / Château de Fénis
Castelli valdostani
Foto di claudius1954
E' possibile rivivere l'epoca dei signori durante un romantico week end in Valle d’Aosta.
Paesaggio toscano
Sansepolcro
A Sansepolcro esiste una magia che rende unico un week end romantico per due
Porto Ercole
Porto Ercole
Un romantico week end lo possiamo trascorrere in piena maremma, nello splendido Porto Ercole sull’Argentario.
Tempio di Ercole (Sicilia)
Agrigento
Agrigento è nota soprattutto per la sua splendida Valle dei Templi, grandiosa testimonianza dell’antica Magna Grecia
Vulcano
Isola di Vulcano
L’isola più prossima alla Sicilia è la selvaggia Vulcano che trae il suo nome dal dio romano e che al suo interno ospita ben quattro v..

Cosa mangiare a Pesaro Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Rana pescatrice e po..
La rana pescatrice o coda di rospo ha un aspetto poco attraente ma le sue carni sono saporite e magre.
guarda
Tartufo di Acqualagna
Prezioso per profumare uova al burro, tagliatelle, risotti e insalate. Richiede vini preferibilmente aromatici.
guarda
Stoccafisso in potac..
Stoccafisso preparato con una sorta di brasatura cottura della vivanda in un intingolo a base di vino, olio, aglio, odori e pomodoro.
guarda
Vincisgrassi
Variante regionale delle lasagne al forno condite con ragù e besciamella dove sono presenti anche rigaglie di pollo,midollo e cervella bovine.
guarda
Brodetto di pesce
Tipica zuppa di pesce che annovera almeno nove/dieci specie che vengono cotte in brodo di pesce e aromi.
guarda
Olive ascolane
Tradizionale piatto marchigiano fatto da olive ripiene di tre tipi di carne differenti unite a Parmigiano Reggiano verdure e aromi e successivamente fritte nell’olio.
guarda
Casciotta di Urbino
Formaggio prodotto con latte di pecora intero, al quale si unisce latte vaccino le cui forme sono salate a secco oppure con un metodo che alterna immersione in salamoia e salatura.
guarda
Beccute
Tipiche pagnottine di pane dolce a base di farina e decorate con pinoli ed uva sultanina.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK