Weekend ad Erice

Weekend fuori porta sul tetto di Trapani

Erice
Foto di Mo

Erice si trova sull’omonimo Monte Erice e il suo nome deriva da Erix il personaggio mitologico figlio di Afrodite e Boote che fu ucciso da Eracle.

Si dice che Erice venne fondata dai troiani che una volta esiliati trovarono rifugio qui e unendosi alla popolazione autoctona diedero vita al popolo degli Elimi.

Erice è davvero un bel posto da visitare, potete arrivare in cima al Monte Erice anche in macchina, ma io vi consiglio di fare la salita tramite la cabinovia e godervi il paesaggio, perché in lontananza vedrete le saline di trapani e il meraviglioso mare siciliano che brilla sotto il sole.

Una volta sulla vetta vi consiglio la visita al Castello di Venere, domina tutto il paese ed è stato costruito sui resti di un tempio che fu dedicato inizialmente alla Dea madre della fecondità naturale, che per i romani era appunto Venere.

I Normanni costruirono questo castello nel Dodicesimo secolo e una volta entrate vi aggirerete , sono certa con stupore e davvero affascinati, osservando i particolari dell’architettura che l’hanno reso davvero importante e molti frammenti dell’originario santuario.

Una grande lapide di roccia calcarea riporta l’Aquila asburgica e si mescola con i resti del carcere originariamente qua situato, con ciò che rimane dell’abitazione del castellano e di una vasca che fa pensare ad un ambiente termale di forgia romana.

Dal Castello di Venere godrete di una impareggiabile e romantica vista sulla costa occidentale siciliana.

Il centro di Erice è davvero magico, le sue stradine vi portano a scoprire sempre qualche nuovo scorcio sulla vallata che si tuffa nel mare, il borgo è un gomitolo di viottoli tutti con la pavimentazione a riquadri, inoltre incontrerete continuamente chiese e monasteri, Erice è famosa perché qua ne trovate più di 60!

Dal Castello di Venere godrete di una impareggiabile e romantica vista sulla costa occidentale siciliana

Castello di Venere, Erice
Foto di neekoh.fi

Erice  è un irresistibile mix tra stile medievale e particolari normanni che legano insieme dando un fascino più unico che raro a questo paese.

Se accedete al paese tramite la Porta di Trapani, troverete sul vostro cammino la Chiesa Matrice del Quattordicesimo secolo, visitabile e particolare perché interamente costruita con il materiale che proviene dal Tempio di Venere.

La chiesa è fortificata coronata da smerli e con un grande porticato in stile gotico, la facciata è decorata da un grande rosone che la rende più aggraziata ed all’interno è tutta in stile gotico, il rosone poi proietta all’interno una luce speciale che illumina tutta la chiesa dando risalto alle sue navate.

La torre del campanile è distaccata dalla chiesa e ricorda un po’ la torre di un castello se non fosse per la piccola campana che sovrasta le due finestre in coma alla torre.

Sul tratto di Via Dell’Addolorata che porta da Porca Carmine a Porta Spada potrete vedere uno dei tratti di mura che è meglio conservato, dovete sapere che le mura originariamente proteggevano solo la parte nord est della città perché essa era in pericolo solo da quel lato.

Erice ha un suo museo, se non vi bastasse la gran quantità di reperti che incontrerete sul vostro cammino, si chiama Museo Cordici ed è all’interno del Municipio, oltre ad una grande biblioteca storica potrete vedere una gran quantità di tesori archeologici al suo interno.

Quando lo stomaco comincerà a richiedere attenzione io vi consiglio di affidarvi al vostro olfatto e recarvi  al Caffè Maria Erice per gustare specialità siciliane dolci e salate, magari seduti sulla terrazza panoramica, questo renderà la vostra visita ancora più speciale.

Sara Manelli

I castelli più belli d'Italia
I nostri lettori hanno eletto il Castello di Venere di Erice come uno dei castelli più belli d'Italia. Fanno parte di questa speciale classifica anche il Castello Sforzesco di Milano, il Castello Miramare di Trieste, Castel del Monte di Andria, il Castello di Fènis ad Aosta, Castel Coira di Sluderno a Bolzano, il Castello Estense di Ferrara, Castel Dell'Ovo di Napoli, il Castello di Monteriggioni a Siena, Castel Sant'Angelo di Roma, il Castello Aragonese di Taranto, il Castello di Gradara a Pesaro-Urbino, il Castello Scaligero di Sirmione a Brescia, la Rocca Borromeo di Angera a Varese, il Castello Normanno-Svevo di Bari, il Castello di San Giorgio a Mantova, la Rocca Maggiore ad Assisi e il Castello del Buonconsiglio di Trento.

Articoli correlati

Fine settimana ad Este, una chicca Veneta ricca di storia.
La piazza del Municipio di Castell'Arquato
Castell'Arquato
Foto di Giovanni
Un giorno a Castell'Arquato, uno dei borghi più belli d'Italia a due passi da Piacenza
Villa La Zambonina
Vigasio
Foto di TuscanyNow
Un week end a Vigasio tra la spiritualità delle chiese del XV secolo e lo charme della Villa La Zambonina.
Asiago, Laghetto di Lumera
Asiago
Foto di douneika
Un fine settimana fuori porta ad Asiago all'insegna dello sport.
Santuario Madonna della Guardia, Tortona
Tortona
Foto di Lynne Hand
Fine settimana a Tortona alla scoperta della città e del Santuario di Nostra Signora della Guardia
Vista panoramica della città di Bobbio con al centro il Duomo
Bobbio
Una gita in Val Trebbia, a Bobbio, e una buona merenda tra le dolci colline della provincia di Piacenza.

Cosa visitare nei dintorni di Erice Per chi ama viaggiare

Clicca qui per attivare la mappa

Cosa mangiare a Trapani Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Pasta alla Norma
Gustosa ricetta per condire maccheroni con melanzane fritte, alloro e pomodoro su cui si grattugia pecorino stagionato.
guarda
Granita e brioche
E’ la colazione tipica dei siciliani, specie nelle zone costiere in estate. Oltre alla frutta c'è la granita di pistacchio, di cacao, di caffè e di mandorla.
guarda
Cassata alla Siciliana
La cassata siciliana è il must dei dolci siciliani conosciuto in tutto il mondo. Un vero tripudio per tutti i golosi.
guarda
Frutta candita
La storia narra che questo tipico dolce nasce nel convento della Martorana per sostituire i frutti colti dagli alberi con un impasto di farina di mandorle e zucchero .
guarda
Sarde a beccafico
Sarde arrotolate intorno ad un composto di pane grattuggiato, uva sultanina, zucchero, sale, pepe ed olio d'oliva, poi cotte al forno.
guarda
Panelle
Le panelle sono uno dei cibi cult dello street food a Palermo. Fritte in mezzo al pane per saziare l’appetito.
guarda
Cannolo Siciliano
I cannoli sono una delle specialità più conosciute della pasticceria dell’isola ed è preparato con una cialda di pasta precedentemente fritta e un ripieno a base di ricotta di pecora..
guarda
Caponata
Melanzane ed altre verdure cucinate in padella e ripassate con pinoli, sedano, cipolle, olive e capperi con l’aggiunta di una salsa agrodolce.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK