Weekend ad Andalo

Immerso nell’oasi naturalistica del Trentino a poca distanza dalla Valle dell’Adige e dal Parco Adamello-Brenta, sorge Andalo.

Panorama delle Dolomiti del Brenta da Andalo-Fai della Paganella.
Foto di Luca Marini

Immerso nell’oasi naturalistica del Trentino a poca distanza dalla Valle dell’Adige e dal Parco Adamello-Brenta, sorge Andalo località sciistica che presenta una importante offerta alberghiera.

Noto centro estivo, Andalo ha saputo implementare nel tempo l’interesse turistico anche come località invernale tanto che è base di allenamento della nazionale dell’US Ski team e delle nazionale norvegese di sci alpino a testimonianza della validità del comprensorio Paganella Ski che ogni anno si rinnova con nuove piste e nuovi percorsi come quello inaugurato quest’anno –Lo Scoiattolo- che completa il circuito piste facili dell’area di sci (Salare, Sant’Antonio 1, Sant’Antonio 2) dove i neofiti potranno godere di piste facili e del panorama unico delle Dolomiti di Brenta.

L’Altopiano della Paganella offre anche due anelli presso il centro sportivo di Andalo facenti parte del Supernordikskipass. Il primo anello copre l’intera area del laghetto carsico di Andalo con 2,5 chilometri de una pendenza compresa tra lo zero ed il 4% che è possibile sciare anche di sera fino alle 21.

Una rete di moderni impianti di risalita coprono Andalo e la vicina Fai della Paganella (17 strutture) con telecabine, seggiovie e tapis roulant.

Andalo piste da sci
Foto di Riccardo

Oltre ad avere possibilità di noleggiare tutta l’attrezzatura, c’è una scuola sci a 730 metri dove si possono prendere lezioni individuali o di gruppo.

Il comprensorio, ai piedi delle Dolomiti di Brenta, include 50 chilometri di piste larghissime con un dislivello di 1100 metri e con un sistema di innevamento programmato che le comprende tutte. La varietà dei tracciati consente di soddisfare ogni tipo di sciatore attraverso una molteplicità di pendii di ogni difficoltà. Sono 12 le piste rosse, 10 quelle blu e 1 pista nera dedicata ai più esperti. Inoltre, per gli appassionati dello snowboard, c’è un ampio snowpark pieno di strutture in grado di soddisfare il più esigente freestyler.

Una rete di moderni impianti di risalita coprono Andalo e la vicina Fai della Paganella (17 strutture) con telecabine, seggiovie e tapis roulant che hanno una portata oraria di 27mila persone e che sono tutti inclusi in un unico skipass. Oltre cento sono i maestri FISI che offrono lezioni per tutte le discipline e che sono in grado di seguire anche i portatori di handicap e i non vedenti grazie a degli specifici programmi.

Aldo Galvagno

Articoli correlati

Madonna di Campiglio Piazza centrale
Madonna di Campiglio
Pensi alla neve e ti viene in mente Madonna di Campiglio, la numero uno tra le località sciistiche italiane.
Folgarida, Trento
Marilleva
Marilleva nasce negli anni sessanta a seguito dello sviluppo turistico della Val di Sole.
Canazei, Italy
Canazei
Foto di filip.farag
Posta ai piedi delle Dolomiti è una apprezzata località sciistica grazie ai moderni impianti di risalita e alla varietà delle sue piste.
Passo Rolle, Dolomiti
San Martino di Castrozza
Ai piedi delle famose Pale di San Martino sulle Dolomiti e ad un’altezza di 1450 metri sorge San Martino di Castrozza
Moena e dintorni
Moena
La bellezza di questo caratteristico paese lo rende meta ideale per la famiglia ma anche per gli sciatori.
Livigno, Teola
Livigno
Foto di lukw
Livigno vive in un ambiente incontaminato composto da boschi centenari, torrenti purissimi, ampie vallate e pascoli fioriti.

Cosa mangiare a Trento Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Speck
Specialità della salumeria sud-tirolese è un prosciutto crudo disossato e affumicato con particolari tecniche che lo insaporiscono con sfumature di vari aromi.
guarda
Wurstel
Salsicciotti di carne di suino che possono essere degustati lessi con senape e crauti oppure grigliati insaporendoli con qualche salsa speziata.
guarda
Canederli
I canederli (Knödel ) sono degli gnocchi piuttosto grossi composti di un impasto a composizione variabile di pane raffermo che possono essere cucinati con brodo o semplicemente con burro..
guarda
Zelten
Dolce tipico del Natale trentino preparato con noci, nocciole, i fichi secchi, arancia candita e uvetta passa.
guarda
Puzzone di Moena
Formaggio dal sapore avvolgente e consistenza fondente ha un profumo complesso e persistente il cui sapore tende al dolce tranne nelle forme a lungo stagionate che diventa piccante.
guarda
Crauti
Ottenuti dalla fermentazione del cavolo cappuccio tagliato in strisce sottili, vengono ancora prodotti secondo modalità che non hanno avuto cambiamenti nel tempo.
guarda
Casolet
Divenuto presidio slow food questo formaggio dalla sottile crosta è prodotto soprattutto nelle Val di Non ed esprime aromi di erbe. Va mangiato entro 30 giorni dalla sua produzione.
guarda
Strudel
Dolce a pasta arrotolata o ripiena sua versione più conosciuta è dolce a base di mele, pinoli, uvetta e cannella.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK