Weekend ad Arco

Nella Valle del Sarca, vicino a Trento, si trova il castello di Arco, luogo dove sono fiorite leggende che si ammantano di mistero tutte da scoprire

castello di Arco

Che l’Italia sia terra di fantasmi ciò è risaputo da tantissime storie e leggende che ogni luogo conserva tramandandosele di generazione in generazione. Ma ciò è ancor più evidente laddove, vecchi manieri magari diroccati, dominano qualche collina, silenti testimoni di storie antiche dipanatesi quando la sola legge era dettata dalla violenza e dal potere. Nella Valle del Sarca, vicino a Trento, si trova il castello di Arco, antico luogo di potere ancor oggi in parte visitabile nella sua parte ristrutturata. Come ogni luogo che fu dimora di signori che un tempo dominavano le terre circostanti, anche il Castello di Arco è luogo dove sono fiorite leggende che si ammantano di mistero.

Una peculiarità dello stesso è data dall’originale struttura che lo compone e che annovera bel 365 finestre, ossia una per ogni giorno dell’anno che illuminano oltre cento stanze. Gli appassionati di numerologia possono trovare anche altri elementi sul numero di campanili, ponti e bastioni che secondo le leggende, si dice che siano stati costruiti in una sola notte ad opera del diavolo.

Molte le apparizioni anche recenti del fantasma di Antonio d’Arco che, in certe particolari sere, passeggia lungo i torrioni

castello di Arco

Quanto sia vero questo, proprio non si può dire a livello scientifico mentre, storicamente sono noti fatti realmente accaduti e che sono legati a lotte di potere. Ad esempio, nel 1266 fu avvelenato un certo Ripando certamente per eliminare un pericoloso concorrente, mentre oltre un secolo più tardi, fu assassinato nel 1389 Antonio d’Arco, signore del castello a causa dei tanti crimini da lui commessi.

Alla fine del XV secolo il maniero venne trasformato in un deposito di oro, e fu conquistato quasi un secolo dopo da un brigante veneziano, Ottavio Avogadro, che continuò a nascondere ricchezze guadagnate con violenza e ruberie fino a quando, la popolazione stanca dei soprusi, si ribellò giustiziandolo. Molte le apparizioni anche recenti di quello che pare essere il fantasma di Antonio d’Arco che, in certe particolari sere, passeggia lungo i torrioni di quella che fu la sua dimora.

Articoli correlati

Nel cuore della Basilicata venite a scoprire il castello di Lagopesole ed i suoi misteri
castello Aragonese di Pizzo Calabro
Pizzo Calabro
Gli appassionati di misteri potranno soddisfare la propria curiosità andando a visitare il castello Aragonese di Pizzo Calabro, teatro di..
Castello di Monselice
Monselice
Alla scoperta del fascino del Castello di Monselice e delle sue leggende
Galliate è un piccolo centro piemontese, delizioso da visitare ed il suo cuore è racchiuso nella Piazza Vittorio Veneto sulla quale si a..
Castello di Belgioioso
Belgioioso
Un'indimenticabile weekend a Belgioioso per vedere il suo castello delle meraviglie
La storia che avvenne dentro il Castello di Fosdinovo, nelle prossimità della bella Sarzana, ricca di fascino e mistero vi appassionerà

Cosa visitare nei dintorni di Arco Per chi ama viaggiare

Clicca qui per attivare la mappa

Cosa mangiare a Trento Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Carne salada
Carne di fesa di manzo fatta macerare in appositi contenitori con un composto di aromi che la rendono saporita e morbida da assaporare cruda condita solo con olio e limone.
guarda
Wurstel
Salsicciotti di carne di suino che possono essere degustati lessi con senape e crauti oppure grigliati insaporendoli con qualche salsa speziata.
guarda
Puzzone di Moena
Formaggio dal sapore avvolgente e consistenza fondente ha un profumo complesso e persistente il cui sapore tende al dolce tranne nelle forme a lungo stagionate che diventa piccante.
guarda
Speck
Specialità della salumeria sud-tirolese è un prosciutto crudo disossato e affumicato con particolari tecniche che lo insaporiscono con sfumature di vari aromi.
guarda
Casolet
Divenuto presidio slow food questo formaggio dalla sottile crosta è prodotto soprattutto nelle Val di Non ed esprime aromi di erbe. Va mangiato entro 30 giorni dalla sua produzione.
guarda
Canederli
I canederli (Knödel ) sono degli gnocchi piuttosto grossi composti di un impasto a composizione variabile di pane raffermo che possono essere cucinati con brodo o semplicemente con burro..
guarda
Mela DOP della Val d..
Divisa per generi (delicius, golden, renetta) è coltivata soprattutto nella Val di Non che le conferisce un sapore unico.
guarda
Crauti
Ottenuti dalla fermentazione del cavolo cappuccio tagliato in strisce sottili, vengono ancora prodotti secondo modalità che non hanno avuto cambiamenti nel tempo.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK