Weekend alla Grotta del Vento

Un insolito weekend al centro del Parco delle Apuane nel nord della Toscana

Grotta del Vento

Al centro del Parco delle Apuane nel nord della Toscana in piena Garfagnana troviamo, tra le cascate di pietra e i crepacci dell’Altopiano della Vetricia, la Grotta del Vento che presenta una eccezionale varietà di aspetti carsici sotterranei. In questo ambiente cosparso di stalattiti, stalagmiti, laghetti, corsi d’acqua, formazioni di fango, pozzi verticali e fenomeni erosivi, possiamo decidere quale itinerario di visita scegliere per rendere ideale la nostra escursione in questo fantastico mondo.

Il percorso di visita è diviso in tre possibili opzioni. La prima parte è la più pianeggiante (circa un’ora di durata) nel quale si possono ammirare una grande abbondanza di secrezioni calcaree, stalattiti e stalagmiti in fase di accrescimento.  La seconda parte (che include anche la prima) ha una durata di due ore ed implementa il circuito con la visita della grotta ancora in fase di ampliamento e di un piccolo corso d’acqua sul fondo e delle curiose formazioni di fango nella galleria di ritorno.

Coloro che sceglieranno il terzo itinerario (durata di tre ore) oltre ad includere i primi due, proseguirà con la visita di un pozzo a 90 metri di profondità e perfettamente verticale che viene risalito dal basso verso l’alto per terminare fino ad un salone cui segue un canyon sotterraneo. Ognuno dei tre itinerari seguono un percorso in fondo cementato, ringhiere metalliche ed illuminati artificialmente ed accessibili alla maggior parte dei visitatori che possono scegliere quale effettuare compatibilmente il dislivello che ognuno dei tre itinerari raggiunge ed il numero di scalini da affrontare e la propria condizione fisica.

Per i più temerari esiste l'itinerario 'i corridoi delle tenebre' della durata di 5 ore.

Grotta del Vento

Oltre i normali percorsi turistici è possibile, su prenotazione e a numero chiuso, effettuare visite in percorsi privi di sentiero che si dipanano su scalette o arrampicandosi sulle pareti legati a corde di sicurezza ovviamente accompagnati da esperti speleologi.

Due le proposte esistenti. La prima si chiama ‘gli abissi della luce’ e percorre i primi pozzi interamente illuminati e prevede una discesa di dieci metri nel vuoto su corda. La durata è di tre ore. Il secondo itinerario ‘i corridoi delle tenebre’ oltre ad includere il primo prevede il proseguimento in zone non illuminate e quindi visibili solo attraverso la luce del proprio casco. Due sono le discese nel vuoto su corda, una di dieci metri e l’altra di dodici. La durata è di cinque ore.

Per effettuare questi percorsi che si svolgono quasi esclusivamente in zone verticali non bisogna soffrire di vertigini e avere paura del vuoto, oltre che avere un minimo di preparazione atletica che consenti di effettuare arrampicate e salite su lunghe scale a pioli. L’organizzazione fornirà casco, sottocasco, luce, imbracatura da speleologia, corde di sicurezza, fettucce tessili e moschettoni mentre si suggerisce l’uso di scarpe comode e robuste come gli scarponcini per il trekking, vestiti comodi e resistenti nonché guanti.

Articoli correlati

Grotta Gigante
Grotta Gigante
Foto di Guy Freeman
Affascinante weekend nella grotta turistica contenente la sala naturale più grande al mondo
Grotte di Pastena
Grotte di Pastena
Foto di dress1960
Un incredibile weekend tra paesaggi sotterranei pittoreschi all'interno della catena dei Monti Ausoni
Grotte di Toirano
Grotte di Toirano
Foto di elora.daphne
Weekend sulle tracce dell’homo sapiens risalenti oltre 12.000 anni fa
Chiesa di Sesto, vista da Casella di Sesto.
Sesto
Vivere in una casa sugli alberi è un’esperienza unica.
Collina di Manta
Manta
Foto di M.Albi
Vi invitiamo a vivere un weekend eccitante in mezzo alla natura, sulle collina ai piedi del Monviso.
Claut - Valcellina
Claut
Foto di newwing
Un weekend innovativo e immerso nel verde al Tree Village di Claut.

Cosa mangiare a Lucca Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Brigidini
Cialde color giallo-arancio molto friabili e abbastanza grandi. Composte da zucchero, farina, uova ed essenza liquida di anice (nelle ricette tradizionali si utilizzano i semi). (Pistoia)
guarda
Panforte
Dolce realizzato con mandorle e un composto di miele e spezie. Lo stampo è rivestito di ostia e, una volta freddo, viene sommerso da una coltre di candido zucchero a velo. (Siena)
guarda
Ribollita
Piatto che deriva dalla tipica zuppa di pane raffermo e verdure della Toscana, specialmente cavolo nero e fagioli. (Arezzo)
guarda
Tortelli di patate
Grandi e di forma quadrata hanno un ripieno molto semplice e gustoso, composto da un impasto di patate lesse passate, parmigiano, noce moscata e sale. (Massa e Carrara)
guarda
Cacciucco
Piatto a base di pesce, composto da diverse qualità di pesce “povero”, in salsa di pomodoro e poi adagiato su fette di pane abbrustolito e agliato poste sul fondo del piatto. (Livorno)
guarda
Cecina
Torta salata molto bassa, preparata con farina di ceci, acqua, sale e olio extravergine di oliva. Si cuoce in forno a legna, in teglia, e assume con la cottura un vivace colore dorato. (Pi..
guarda
Schiaccia alla pala
Grande schiacciata realizzata con la pasta del pane. Di colore giallo intenso e brunito, dopo la cottura viene cosparsa di sale e di olio extravergine di oliva. (Grosseto)
guarda
Biscotti di Prato
Sono biscotti secchi alle mandorle, ottenuti tagliando a fette il filoncino di pasta ancora caldo.
guarda