Weekend a Cascia

Cascia è un luogo di pellegrinaggio noto per Santa Rita, che ha fedeli sparsi in tutto il mondo

Cascia
Foto di Wikipedia

Cascia è un luogo di pellegrinaggio noto per Santa Rita, che ha fedeli sparsi in tutto il mondo. Rita da Cascia si chiamava Margherita Lotti e nacque nella vicina Roccaporena nel 1381. La prima parte della sua vita è oscura ma studi incrociati asseriscono che era figlia unica di una famiglia molto religiosa e che nacque da genitori anziani che la educarono ai valori cristiani.
C’è un primo evento che è leggenda e che viene considerato miracoloso quando delle api avrebbero deposto sulle sue labbra di neonata, del miele senza pungerla. Crescendo la ragazza espresse il desiderio di farsi suora ma i suoi genitori la diedero in sposa ad un ufficiale della guarnigione di Collegiacone dalla quale ebbe due figli. Il matrimonio durò diciotto anni prima che lo sposo fosse ucciso. La donna perdonò gli assassini ma restò angosciata dal desiderio di vendetta espresso dai figli. Margherita pregò perché la vendetta non accadesse e pregando la morte dei propri figli piuttosto che saperli assassini. I due ragazzi si ammalarono e morirono senza aver compiuto la loro vendetta. Rimasta sola Margherita prese i voti diventando Rita e si rifugiò nel monastero di Santa Maria Maddalena a Cascia.
Sempre la tradizione narra che in piena notte fu portata in volo fin dentro le mura del monastero dai tre Santi protettori dello scoglio di Roccaporena dove la donna andava a pregare.

I resti della Santa sono conservati all’interno della Basilica.

Basilica di Santa Rita da Cascia

Molti sono gli episodi soprannaturali attribuiti a lei durante la sua lunga esistenza.

I resti della Santa sono conservati all’interno della Basilica a lei dedicata a Cascia e che fa parte dell’omonimo Santuario e che posto in una teca di vetro e argento depositata nella cappella. 

Santa Rita è una delle Sante più amate ed oggetto di una significativa devozione popolare che la sente molto vicina alla normalità per via della sua trascorsa esistenza quotidiana che la vide prima donna e madre e poi vedova e monaca agostiniana ed è considerata l’avvocato dei casi impossibili.

Aldo Galvagno

Articoli correlati

Assisi, Umbria
Assisi
Assisi è il luogo simbolo di ogni pellegrinaggio.
Santuario della Beata Vergine di Castelmonte
Castelmonte
Foto di Roger Jolly
Sulla cima di Castelmonte sorge il Santuario della Beata Vergine
Abbazia di Montecassino
Abbazia di Montecassino
L’Abbazia di Montecassino, attraverso l’instancabile lavoro dei suoi abati, fu per tutto il medioevo un centro culturale di estrema im..
Loreto, Piazza della Basilica
Loreto
Weekend nel vero cuore mariano della cristianità
Abbazia di Casamari
Abbazia di Casamari
Situata nel territorio di Veroli a metà strada tra Frosinone e Sora, su di un collina rocciosa sorge l’Abbazia Circestense di Casamari.
Sotto il Monte, casa natale di Papa Giovanni XXIII
Sotto il Monte Giovanni ..
Angelo Roncalli rese famoso in tutto il mondo Sotto il Monte il 28 ottobre 1958 quando fu eletto Papa con il nome di Giovanni XXIII.

Cosa mangiare a Cascia Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Galantina
Gallina disossata ed eviscerata, la cui pelle viene riempita con macinato di pollo e manzo, uova lessate, pepe, formaggio, noce moscata e pistacchi sgusciati e poi cotto in brodo.
guarda
Salsicce di cinghial..
Tipico prodotto norcino dove l’impasto è a base di maiale con l’aggiunta di una buona parte di macinato di cinghiale selvatico.
guarda
Prosciutto di Norcia
Tipico della tradizione norcina questo prosciutto, ricavato dalla coscia posteriore del maiale, è caratterizzato dal suo sapore particolarmente sapido.
guarda
Ciaramicola
Dolce di pasta a forma ciambella rotonda a base di farina, zucchero, latte al quale si aggiunge alchermes.
guarda
Parmigiana di gobbi
Cardo lessato e fritto con farina e uova sbattute e poi a striscioline, disposto a strati in una teglia con besciamella e sugo di pomodoro e cotto al forno.
guarda
Cicerchiata
Dolce di pasta di farina, uova, burro e zucchero dal quale si ricavano piccole palline da friggere nell'olio d'oliva. Scolate, vengono disposte a mucchio e ricoperte di miele.
guarda
Cojoni di mulo
Insaccato dalla tipica forma a sacchetta che caratterizza la norcineria proveniente appunto da Norcia.
guarda
Lenticchie di Castel..
Consumate in umido con pomodoro, sono coltivate nella zona di Castelluccio e si caratterizzano per la loro piccola dimensione.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK