Weekend a Grazzano Visconti

Tra parate medievali e gnocco fritto stiamo parlando del Borgo Medievale di Grazzano Visconti che ci accoglierà in un salto nel passato.

Grazzano Visconti - Borgo medievale

C’è un luogo in Provincia di Piacenza che ci fa tornare un po’ bambini perché fa diventare realtà il sogno di ogni piccolo di essere un principe, o una principessa, sto parlando del Borgo Medievale di Grazzano Visconti che ci accoglierà in un salto nel passato.

Il Borgo è immerso tra i colli piacentini in Val Nure affonda le sue origini già nel lontano 1141 per arrivare poi alla costruzione definitiva nei primi del 1900 quando era ancora Grazzano, non ancora Visconti.

A quei tempi infatti la località era conosciuta solo come una frazione del Comune di Vigolzone all’interno della quale faceva “bella mostra di sé” ciò che rimaneva del castello che serviva da rifugio solo ai piccoli animali dei dintorni.

Il conte Giuseppe Visconti decise di trasformare le case coloniche rimaste nel borgo, dotate di ben poco fascino, in dimore medievali, fu così che grazie alla disponibilità dei nuovi alloggi, all’apertura della scuola di arti e mestieri e all’apertura dei laboratori e delle botteghe artigiane il piccolo borgo divenne un luogo turistico.

Visconti voleva che Grazzano fosse un borgo che  non solo facesse da cornice al bellissimo Castello decorato con motivi gotici, ma che avesse anche strutture utili per assicurare il lavoro ai giovani che finivano i corsi di artigianato creativo del legno e del ferro battuto della scuola.

Il Conte Visconti ha studiato personalmente sia la realizzazione dei disegni delle case, le planimetrie, così come la realizzazione degli affreschi delle pitture e delle sculture.

Uno dei primi edifici nati è stato l’Albergo del Biscione e la sua insegna, riportante appunto il Biscione, è stata forgiata a fuoco da una delle prime officine, successivamente sono nati la palazzina dell’Istituzione, le botteghe artigiane, l’Edificio delle “Regie poste e telegrafi” e la chiesetta gotica.

A Bicchignano, possiamo trovare l’agriturismo La Favorita, che ci accoglierà per dare sollievo ai palati golosi ed alle stanche membra.

Agriturismo la Favorita

E’ un vero piacere aggirarsi tra le botteghe artigiane, deliziarsi tra manufatti in ferro battuto e legno, possiamo scegliere se portare a casa un simpatico gallo “da guardia” da mettere davanti al portone o una lampada che abbellisca il balcone, ce n’è per tutti i gusti.

C’è un rione, nella vecchia corte, dove possiamo comprare miele e biscotti artigianali, oltre a numerosi baretti dislocati un po’ dappertutto dove deliziarci con un bel panino ai salumi locali.

Il Borgo di Grazzano Visconti organizza più volte l’anno rievocazioni storiche e parate, tutte da vedere, per poter vivere anche solo per un giorno le atmosfere dei tempi antichi.

Non mancano gli spazi verdi attrezzati con i giochi per i bimbi, ma Grazzano Visconti è tutto un mondo a parte dove ogni piccolo ospite può scorrazzare liberamente al riparo dal pericolo delle macchine perché non possono ovviamente circolare all’interno del borgo.

Poco distante dal Borgo di Grazzano Visconti, più precisamente a Bicchignano, possiamo trovare l’agriturismo La Favorita, che ci accoglierà per dare sollievo ai palati golosi ed alle stanche membra.

La posizione dell’agriturismo è adorabile, appena al di sopra della vallata e se avete la fortuna di capitare in una giornata di sole potete ammirare la dolcezza delle colline circostanti.

L’agriturismo è dotato di una dependance con alcune graziosissime stanze, tutte arredate con uno stile che mixa il rustico e il moderno, l’affluenza è davvero  notevole e vi consiglio di prenotare per tempo, le mini suites sono davvero belle e le colazioni abbondanti.

La Favorita ci accoglie in un ambiente fantastico, famigliare e piacevole, il menù è composto dalle specialità della cucina locale, qua gusterete il vero Gnocco Fritto e potrete consumarne in quantità accompagnato da taglieri di deliziosi salumi appena tagliati.

Menzione d’onore tra i primi sicuramente le “caramelle” con il ripieno di ricotta e spinaci che si sciolgono letteralmente in bocca e i famosi “Pisarei cui Fasoi” i piccoli gnocchetti di pane con il sugo ai fagioli, una vera delizia, non mancano ovviamente ottimi vini autoprodotti dall’azienda.

Dalla Favorita non si può uscire affamati, non è possibile, Stefano uno dei proprietari tiene ad ognuno dei suoi clienti come fosse una persona di famiglia e si premura di dedicare ad ognuno il tempo e l’attenzione che merita.

Un’ultima chicca di cui non si può fare a meno di assaggiare tra i dolci (numerosissimi e che vi vengono portati tutti!)  è il Semifreddo al Torroncino con la colata di cioccolato caldo fondente,  ne rimarrete estasiati!

Sara Manelli

Articoli correlati

Veduta di Sondrio in Valtellina
Sondrio
Vuoi organizzare un week end al castello? Opta per Sondrio
Il Castello di Gradara di notte
Gradara
Foto di Niki Giada
Il castello di Gradara, con Paolo e Francesca. Rivivete l'incredibile storia d'amore che ha ispirato i versi della Divina Commedia.
Primavera al castello di Fenis / Château de Fénis
Castelli valdostani
Foto di claudius1954
E' possibile rivivere l'epoca dei signori durante un romantico week end in Valle d’Aosta.
Fortezza di Montecarlo
Montecarlo
Arroccata tra i dolci pendii delle colline toscane e baciata dal sole e dai profumi della terra sorge la piccola cittadina di Montecarlo.
Moncalieri
Moncalieri
Foto di Jakob Grunig
Un week end al castello di Moncalieri per emozioni d'altri tempi
i Giardini di Castel Trauttmansdorff a Merano
Merano
Foto di picale
Il sapore e la genuinità degli agriturismi e lo splendore dei Giardini di Castel Trauttmansdorff.

Cosa visitare nei dintorni di Grazzano Visconti Per chi ama viaggiare

Clicca qui per attivare la mappa

Cosa mangiare a Asti Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Piadina
Semplice impasto di farina, strutto e sale trasformato in un disco cotto su un piano di pietra e servito guarnito di prosciutto e squaquarone
guarda
Zuppa di anguille
Tipico piatto di Comacchio dove le anguille si preparano con cipolla, odori, pomodori, scorza di limone e aceto.
guarda
Squacquerone
E’ un formaggio fresco e cremoso di colore bianco caratteristico Romagnolo, oggi diffuso non solo in Emilia Romagna . Si usa metterlo sulle piadine.
guarda
Lasagne alla bolognese
Famoso in tutto il mondo. Preparato con sfoglia all’uovo rettangolari poste in una pirofila alternando strati di ragù, besciamella e Parmigiano Reggiano grattugiato e cotte al forno.
guarda
Anolini
Gli anolini parmensi sono un composto di mollica, parmigiano, uova e spezie. Generalmente si servono in brodo.
guarda
Zampone
Prodotto con un impasto di carni suine, avvolto dall'involucro formato dalla zampa di un maiale e dopo averlo lessato si gusta da solo o con lenticchie.
guarda
Tagliatelle al ragù
Si deve fare rosolare nel burro la carne di vitello tritata, prosciutto, carota, sedano, cipolla, pomodori e facendo cuocere il sugo che condirà le tagliatelle preparate in casa.
guarda
Tortellini in brodo
Piatto tipico emiliano e composti da sfoglia ripiena di carne, prosciutto, mortadella, uova, parmigiano e aromi e poi cotti nel brodo.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK