Weekend a Narni

Un week end a Narni significa vivere una parentesi decisamente romantica

Narni Umbria

Un week end a Narni significa vivere una parentesi decisamente romantica. Non  tanto per le antiche origini di questa cittadina umbra che risalgono al 300 a.C. quando i romani si insediarono per costruire la via Flamina, ma quanto per l’architettura medioevale viva e suggestiva. Dalla Rocca Albornoz edificata nelll XVI secolo al suo centro storico, dov’è possibile ammirare Porta delle Arvolte tutto parla di storia. Proseguendo per via Roma giungerete a Piazza Garibaldi dove campeggia una fontana ricostruita dopo il saccheggio del 1527 che presenta un bacino a mattoni ed una vasca in bronzo del Trecento.

Passeggiare lungo tutta via XX Settembre vi farà arrivare a Porta Romana dove potrete riprendere il cammino verso il centro per attraversare l’arco del Duomo di San Giovenale, patrono di Narni. Per vivere in pieno questa emozione medioevale, sarebbe interessante andare a vedere la Corsa all’anello che si corre in maggio. In quei giorni dedicati al Patrono, Narni vive il folklore attraverso rievocazioni storiche e ad un avvincente competizione equestre. Per tutti coloro che andranno in altri periodi, per vivere il Medioevo è sufficiente visitare la città: Palazzo dei Priori del Trecento, Palazzo del Podestà del XIII secolo, la Chiesa di San Domenico, la Chiesa di Sant’Agostino, il Museo di Palazzo Eroli e lo storico Ponte di Augusto, arco superstite del manufatto di epoca romana del I secolo a.C.

Narni, come tutti i paesini dell’Umbria è un luogo ideale per assaporare la tipica cucina regionale

Brustengolo

Narni, come tutti i paesini dell’Umbria, non è solo un luogo romantico, ma è anche una meta ideale per assaporare la tipica cucina regionale. E se si è buongustai, cosa conviene mangiare? I primi piatti solitamente esaltano una cucina che prevede funghi, asparigi e tartufi, ossia quei prodotti del territorio a seconda della stagione. Indimenticabile le pappardelle fatte a mano o gli gnocchi di patate che possono essere conditi con sugo a base di lepre o cinghiale oppure anatra.

Tuttavia suggeriamo di ordinare ‘la bandiera’ che è una particolare peperonata tradizionale Umbra (zucchine, patate, peperoni tagliati a listarelle e fatti stufare in padella con olio pomodoro e cipolla) semplice ma gustosa. Oppure ‘la brosega’, altro piatto semplice (pomodori saltati in padella con soffritto di cipolla dove all’ultimo si uniscono uova da strapazzare).

Per i golosi invece il ‘brustengolo’ è quello che fa per loro: è un dolce povero fatto con farina di mais, pinoli, noci, nocciole e fettine di mele e cotto al forno.

Aldo Galvagno

Articoli correlati

Vulcano
Isola di Vulcano
L’isola più prossima alla Sicilia è la selvaggia Vulcano che trae il suo nome dal dio romano e che al suo interno ospita ben quattro v..
Tempio di Ercole (Sicilia)
Agrigento
Agrigento è nota soprattutto per la sua splendida Valle dei Templi, grandiosa testimonianza dell’antica Magna Grecia
Portofino
Portofino
I found my love in Portofino perchè nei sogni credo ancor
Trevi
Trevi
Foto di kebnekaise
Weekend romantico nel delizioso borgo umbro arroccato su di un colle ricco di ulivi
Circeo e San Felice all'alba
San Felice Circeo
Foto di N i c o l a
Weekend nell'incantevole promontorio del Circeo, un piccolo ed isolato massiccio montuoso che sovrasta il Mar Tirreno
Porto Ercole
Porto Ercole
Un romantico week end lo possiamo trascorrere in piena maremma, nello splendido Porto Ercole sull’Argentario.
Paesaggio toscano
Sansepolcro
A Sansepolcro esiste una magia che rende unico un week end romantico per due
Castello di San Giorgio, Mantova
Mantova
Foto di Davide Oliva
Dedica del tempo a te e alla tua amata in un week end romantico a Mantova

Cosa mangiare a Terni Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Salsicce di cinghial..
Tipico prodotto norcino dove l’impasto è a base di maiale con l’aggiunta di una buona parte di macinato di cinghiale selvatico.
guarda
Ciaramicola
Dolce di pasta a forma ciambella rotonda a base di farina, zucchero, latte al quale si aggiunge alchermes.
guarda
Prosciutto di Norcia
Tipico della tradizione norcina questo prosciutto, ricavato dalla coscia posteriore del maiale, è caratterizzato dal suo sapore particolarmente sapido.
guarda
Parmigiana di gobbi
Cardo lessato e fritto con farina e uova sbattute e poi a striscioline, disposto a strati in una teglia con besciamella e sugo di pomodoro e cotto al forno.
guarda
Strangozzi al tartufo
Simili alle tagliatelle ma prive di uova e più spesse ma anche più corte vengono impreziosite con scaglie di tartufo nero di Norcia oppure con lo scorzone estivo.
guarda
Cojoni di mulo
Insaccato dalla tipica forma a sacchetta che caratterizza la norcineria proveniente appunto da Norcia.
guarda
Galantina
Gallina disossata ed eviscerata, la cui pelle viene riempita con macinato di pollo e manzo, uova lessate, pepe, formaggio, noce moscata e pistacchi sgusciati e poi cotto in brodo.
guarda
Lenticchie di Castel..
Consumate in umido con pomodoro, sono coltivate nella zona di Castelluccio e si caratterizzano per la loro piccola dimensione.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK