Weekend a San Felice Circeo

Weekend nell'incantevole promontorio del Circeo, un piccolo ed isolato massiccio montuoso che sovrasta il Mar Tirreno

Circeo e San Felice all'alba
Foto di N i c o l a

 ... Ecco, ed all'isola Eèa giungemmo, ove Circe abitava, Circe dai riccioli belli, la diva possente canora, ch'era sorella d'Eèta, signore di mente feroce.’ (Odissea, Canto X).

E’ incantevole il Promontorio del Circeo, un piccolo ed isolato massiccio montuoso che sovrasta il Mar Tirreno e che con quello di Gaeta, l’isola di Ischia e l’arcipelago di Ponza racchiude le acque del golfo di Gaeta. Tradizione vuole che Ulisse sarebbe entrato nella Cala dei Pescatori, e li rimase vittima della magia della Maga Circe il cui profilo sarebbe ancor oggi visibile nella sagoma della montagna detta anche Monte Circello. La cima si può raggiungere con una ascensione di media difficoltà e dalla quale si può ammirare la pianura pontina che, prima della bonifica, era zona insalubre e paludosa.

Alle pendici  del Monte è possibile vedere ancor oggi i resti di Circei (mura megalitiche e acropoli) nonché numerose grotte di cui la più celebre è la Grotta Guattari dove un paleontologo rinvenne uno dei primi resti fossili dell’Uomo di Neanderthal.

Godetevi una romantica passeggiata serale sulle incantevoli spiagge

Colori di mare da terracina al circeo

Sul lato chiamato Quarto Temperato sorge la medioevale San Felice Circeo che ha radici romane come si evince dalla pianta della cittadina che si sviluppa in cardi e decumani. Pittoreschi sono i vicoli che danno su caratteristiche piazzette o scorci panoramici di rara bellezza nel passeggiare all’interno di S.Felice, cattura l’attenzione il belvedere ‘Vigna la Corte’, uno dei più affascinanti di tutto il territorio.

Alle spalle della principale piazza Vittorio Veneto sorge il palazzo baronale, che per ben quattrocento anni è stato dimora dei Caetani  e sulla  piazza Lanzuisi, si affaccia la Torre dei Templari che ospita ormai da tempo la Mostra permanente dell’Homo Sapiens.

La Cona è il cuore moderno di San Felice, dove è possibile trovare la maggior parte dei negozi in tutta la lunghezza di Viale Tittoni. Circondata da zone residenziali tranquille, e da villini privati,  offre ai visitatori del Circeo una vasta gamma di negozi, dove è piacevole passeggiare dopo una giornata di mare.

Aldo Galvagno

Articoli correlati

Trevi
Trevi
Foto di kebnekaise
Weekend romantico nel delizioso borgo umbro arroccato su di un colle ricco di ulivi
Portofino
Portofino
I found my love in Portofino perchè nei sogni credo ancor
Narni Umbria
Narni
Un week end a Narni significa vivere una parentesi decisamente romantica
Vulcano
Isola di Vulcano
L’isola più prossima alla Sicilia è la selvaggia Vulcano che trae il suo nome dal dio romano e che al suo interno ospita ben quattro v..
Tempio di Ercole (Sicilia)
Agrigento
Agrigento è nota soprattutto per la sua splendida Valle dei Templi, grandiosa testimonianza dell’antica Magna Grecia
Porto Ercole
Porto Ercole
Un romantico week end lo possiamo trascorrere in piena maremma, nello splendido Porto Ercole sull’Argentario.
Paesaggio toscano
Sansepolcro
A Sansepolcro esiste una magia che rende unico un week end romantico per due
Castello di San Giorgio, Mantova
Mantova
Foto di Davide Oliva
Dedica del tempo a te e alla tua amata in un week end romantico a Mantova

Cosa mangiare a Latina Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Coda alla vaccinara
Piatto popolano che si prepara con la coda di vaccina che viene cotta in un sugo di pomodoro, carota, cipolla, sedano, pinoli, uva sultanina e con una spolverata di cacao amaro.
guarda
Saltimbocca alla rom..
Fettine di vitello sopra le quali va posizionata una fetta di prosciutto e una foglia di salvia, poi arrotolate e sigillate con un stuzzicadenti. Cotte con burro e irrorate di vino bianco.
guarda
Porchetta di Ariccia
La porchetta viene cotta alla brace dopo che sia stata aromatizzata con sale, pepe e tantissime erbe. Dopo una lunga cottura viene servita fredda.
guarda
Bignè fritti di San..
Queste paste sono i classici bignè che anziché essere cotti al forno vengono fritti in abbondante olio, riempiti di deliziosa crema pasticcera e imbiancati con zucchero a velo.
guarda
Bucatini all’Amatr..
Nata ad Amatrice era un piatto povero preparato dai pastori che utilizzavano solo quello che avevano: la pasta, il guanciale, il pecorino, il pepe nero, lo strutto e qualche pomodoro maturo.
guarda
Abbacchio alla scott..
Piatto della tradizione romana è fatto al forno con le patate. E' un agnellino da latte e può essere cucinato alla cacciatora con aglio, rosmarino, acciuga, peperoncino e vino bianco.
guarda
Gnocchi alla romana
Si preparano con il semolino anziché con le patate e vengono cotti nel latte dopo averli spolverati con formaggio e tuorli d’uovo prima di essere gratinati al forno con burro e parmigiano
guarda
Minestra di Broccoli..
Primo piatto di una povera (a quei tempi) cucina che si compone con broccolo romanesco a pezzi e arzilla, ossia il pesce razza. Un sapore d’altri tempi.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK