Weekend ad Anagni

Un weekend nella splendida e medievale città di Anagni che fù per lungo tempo la residenza e sede papale

Anagni

La cittadina di Anagni si trova in provincia di Frosinone e tutti la conoscono come la Città dei Papi perché ha dato i natali a quattro di essi, ( Innocenzo III, Alessandro IV, Gregorio IX e Bonifacio VIII), non paga di questa caratteristica è anche la città che ha ospitato per lungo tempo la residenza e sede papale. Il nome stesso di Anagni è legato alla storia di papa Bonifacio VIII, chi di voi ricorda l’episodio chiamato “schiaffo di Anagni”?

Anagni si trova su una collina e una leggenda vuole che faccia parte delle città saturnie, ovvero le cinque città della zona ciociara che sono state fondate dal Dio Saturno ( niente di meno) insieme ad Alatri, Arpino, Atina e Ferentino. Il centro della cittadina di Anagni è decisamente medievale,  composto da edifici elegantissimi ma anche austeri, chiese di stampo romanico e campanili, logge e piazze dall’architettura elegantemente sobria.

Sebbene non si a chiuso al traffico il centro  di Anagni si gira a piedi perciò munitevi di scarpe comode e di tanta voglia di scoprire, solo così scorgerete i migliori scorci e tutto ciò che di bello ha da offrire grazie alla sua storia che si respira nell’aria passo passo. Se volete deliziarvi con una visita non potete perdervi sicuramente il Palazzo di Bonifacio VIII, ora palazzo civico, la casa di Barnekov e molte delle chiese, una su tutte la Cattedrale che vi lascerà a bocca aperta grazie agli affreschi che conserva nella sua cripta.

Palazzo Bonifacio VIII è così chiamato poiché una leggenda vuole che qui il pontefice venne pubblicamente umiliato da Sciarra Colonna durante l’incontro tra il papa e Guglielmo di Nogaret , ecco il famoso “Schiaffo di Anagni”, chi di voi pensava  ad una scazzottata comunque cade in fallo perché si parla più facilmente di uno schiaffo morale!

L’episodio dello “schiaffo di Anagni” si può ripercorrere nella sala dove avvenne grazie agli antichissimi affreschi ancora perfettamente conservati. Casa Barnekov, o Casa Gigli,   prende il suo nome dal pittore svedese Albert Barnekov che la fece ristrutturare dopo averla acquistata, la storia di ci rivela che in questa stupenda dimora soggiornò anche Dante Alighieri.

L’antica Cattredrale di Anagni è davvero splendida e la sua famosa Cripta vi toglierà il fiato

Cattedrale di Santa Maria

L’antica Cattredrale di Anagni è davvero splendida e merita sicuramente il vostro tempo per una visita, la sua famosa Cripta  vi toglierà il fiato! I numerosissimi affreschi qui conservati sono unici nel loro genere e sono dedicati interamente alla creazione dei quattro elementi dell’universo e dell’uomo, la cosa che vi salterà sicuramente all’occhio è che i colori degli affreschi ( anche grazie ad un intenso lavoro di restauro, sono molto vivi e raccontano anche la storia dei miracoli che sono attribuiti al patrono della città di Anagni, San Magno.

Anche i resti del Santo Patrono sono conservati nella Cripta della cattedrale anagnina. Per effettuare la vostra visita all’interno della Cripta non dovete far altro che recarvi al museo della Cattedrale  e una volta terminato il percorso che comprende, tra le altre cose, anche la visita alla biblioteca, alle sagrestie e all’area del tesoro che conserva  le reliquie di San Thomas Becket, potrete accedere all’area sotterranea del Duomo.

Se siete appassionati di storia Medievale sicuramente non vorrete perdere il Teatro Medievale di Anagni, una rappresentazione storico-teatrale che si svolge nelle piazza più suggestive della cittadina. Ovviamente non può mancare la rievocazione del famoso e chiacchierato “schiaffo di Anagni”, ma insieme ad essa potrete immergervi in una atmosfera unica che vi riporterà agli sfarzi del  passato.

Una volta nutrita la vostra mente curiosa, il vostro stomaco reclamerà attenzioni quindi potrete  recarvi  senza indugio alcuno al Frantoio del Vicolo Di Vino un pittoresco ristorante che vi accoglierà per farvi gustare leccornie tipiche del posto. Lasciatevi tentare dagli abbondanti e golosi antipasti e se siete amanti della pasta non potete perdervi la cacio e pepe, ne rimarrete estasiati!

                                                                                                              Sara Manelli

Articoli correlati

Alassio è sicuramente una di quelle cittadine Liguri che fa sempre piacere visitare per la sua aria un po’ chic grazie ai bei palazzi i..
Chiesa di Pienza Italy
Pienza
Week end alla scoperta di Pienza, il piccolo borgo rinascimentale considerato da Papa Pio II la città ideale.
Faenza
Faenza
Sei buoni motivi per trascorrere un piacevole weekend a Faenza
Orvieto è una città umbra in provincia di Terni ed è un capolavoro arroccato sulla collina con un incantevole Duomo in stile gotico
Birori
Birori
Binori, un piccolo paesino Sardo, dove trascorrere un weekend in assoluta tranquillità in mezzo alla natura
Fiorenzuola d'Arda offre innumerevoli spunti per una splendida gita alla scoperta di scorci paesaggistici di rara bellezza

Cosa mangiare a Frosinone Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Spaghetti alla carbo..
Piatto tanto semplice quanto saporito a base di guanciale a cubetti fritto in olio, con spaghetti al dente nei quali si metterà rosso d’uovo mischiato con pecorino grattugiato e pepe
guarda
Abbacchio alla scott..
Piatto della tradizione romana è fatto al forno con le patate. E' un agnellino da latte e può essere cucinato alla cacciatora con aglio, rosmarino, acciuga, peperoncino e vino bianco.
guarda
Carciofi alla Giudia
Piatto della tradizione giudaica, realizzati con i carciofi romaneschi che dopo essere stati puliti delle foglie esterne, vengono cotti immersi a testa in giù nell’olio extravergine.
guarda
Porchetta di Ariccia
La porchetta viene cotta alla brace dopo che sia stata aromatizzata con sale, pepe e tantissime erbe. Dopo una lunga cottura viene servita fredda.
guarda
Bignè fritti di San..
Queste paste sono i classici bignè che anziché essere cotti al forno vengono fritti in abbondante olio, riempiti di deliziosa crema pasticcera e imbiancati con zucchero a velo.
guarda
Gnocchi alla romana
Si preparano con il semolino anziché con le patate e vengono cotti nel latte dopo averli spolverati con formaggio e tuorli d’uovo prima di essere gratinati al forno con burro e parmigiano
guarda
Saltimbocca alla rom..
Fettine di vitello sopra le quali va posizionata una fetta di prosciutto e una foglia di salvia, poi arrotolate e sigillate con un stuzzicadenti. Cotte con burro e irrorate di vino bianco.
guarda
Pizza di Civitavecchia
Tipico dolce dell’Alto Lazio, si prepara tutto l’anno anche se durante il periodo Pasquale è tradizione mangiarlo. Ingredienti: farina, ricotta, zucchero, pasta di pane, burro e uova.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK