Weekend ad Ivrea

Ivrea non è solo una cittadina davvero bella da visitare, ma nei tre giorni di durata del carnevale lungo le sue vie piene di vita potrete godere della sfilata alla di carri, gruppi folcloristici e tantissime bande musicali

Lago San Michele, Ivrea

Lo Storico Carnevale di Ivrea è un avvenimento che fa parte della tradizione della città di Ivrea dal 1808 e nasce da antiche feste rionali. La particolarità dello Storico Carnevale di Ivrea è che resta l’unica manifestazione carnevalesca che ha mantenuto una liason con il periodo medievale, quello infatti era un ambito storico dove ogni occasione era buona per festeggiare!

Se decidete di dedicare un weekend al fantastico Carnevale Storico di Ivrea godrete di tutto il cerimoniale folkloristico pieno zeppo di evocazioni storiche, tutti i partecipanti poi indosseranno un berretto rosso e la Battaglia delle Arance vi lascerà a bocca aperta. Storicamente il Carnevale di Ivrea risale al Sedicesimo secolo e la festa era gestita dai vari rioni della città che erano uno contro l’altro, ancora oggi possiamo ammirare richiami di quel tempo, come la sfilata degli Abbà, e il rogo degli Scarli.

L’ultima coppia di sposi del rione durante la giornata del lunedì di Carnevale dissoda il terreno dove verrà conficcato lo scarlo e il martedì sera durante la cerimonia conclusiva che darà poi il via alla Quaresima, gli Abbà seguiti dal corteo appiccano il fuoco facendo un grande falò. Questa tradizione ha a che fare con gli antichi rituali che richiamano la fertilità. Ivrea non è solo una cittadina davvero bella da visitare, ma nei tre giorni di durata del carnevale lungo le sue vie piene di vita potrete godere della sfilata alla di carri, gruppi folcloristici e tantissime bande musicali che vengono invitate anche da altre regioni.

Il Carnevale Storico di Ivrea è ogni anno diverso ed è un insieme di modernità e tradizione che stupisce ogni volta che lo vedrete, il carro storico e la battaglia delle arance però saranno sempre li ad attendervi per ammaliarvi e stupirvi.

Ivrea e il suo carnevale emozioneranno i vostri occhi, il vostro cuore e il vostro palato

Carnevale Ivrea

Il momento clou della sfilata è sicuramente quello del passaggio della Mugnaia che rappresenta l’eroina della festa, essa è rappresentata da una sposa che indossa un lungo vestito bianco ornato da una fascia di seta verde e da una coccarda rossa che riporta i simboli del carnevale. Le spalle sono scaldate dalla mantella di ermellino ed ovviamente porta il berretto rosso però a forma di calza, sul carro ovviamente vedrete damigelle, paggi ed attendenti che lanciano insieme a lei caramelle e rametti di mimosa.

La battaglia delle arance è un po’ meno rilassante ma sicuramente molto suggestiva ed anche un po’ rischiosa, si svolge nelle piazze di Ivrea e i carri che passano subito dietro al corteo si sfidano con le squadre a terra. I carri sono bardati da cavalli e sopra di essi gli aranceri ben bardati coi loro costumi e le loro maschere di protezione lanciano potentemente i frutti verso le squadre di terra, la cosa divertente e che crea stupore èc che le squadre sui carri sono una decina mentre a terra le squadre sono formate invece da centinaia di persone.

Durante il Carnevale di Ivrea il vostro stomaco verrà soddisfatto dai tanti stand e banchetti che vendono ogni sorta di leccornia, ma se avete voglia di sedervi ad un tavolo e gustare qualcosa di buono per riprendervi dalle vostre fatiche turistiche ecco allora che potete recarvi al Boccon Divino. In questo ristorante  che accetta prenotazioni anche dopo mezzanotte gusterete un ottimo menu gran tartare accompagnato da ottimi vini, cosi come  maltagliati ai fiori di zucca o i raviolini del plin. Al Boccon Divino si è indecisi se mangiare carne o pesce perché è tutto talmente buono che vi verrà voglia di provare tutto dall’antipasto al dolce. Ivrea e il suo carnevale emozioneranno i vostri occhi, il vostro cuore e il vostro stomaco!

Sara Manelli 

Articoli correlati

Se non siete stai mai ad Asti il momento giusto per vederla “vestita” del suo abito migliore è sicuramente per il suo favoloso palio
Mondovì fa parte delle “sette sorelle” ovvero le sette città più importanti della provincia di Cuneo e si fece conoscere soprattutt..
Duomo di Sant'Evasio
Casale Monferrato
Casale Monferrato un paese tra colline dolci come i suoi Krumiri, ricca di splendidi edifici neoclassici
Duomo di Cremona
Cremona
Fine settimana nella meravigliosa Cremona, la "città delle tre T".
Piazza Armerina
Piazza Armerina
Piazza Armerina: un piccolo gioiello dell’Unesco nel centro della Sicilia.
Trulli di Alberobello
Alberobello
Foto di Marcok
Un tuffo nella storia, passeggiando tra caratteristici ed originali edifici: i trulli

Cosa mangiare a Torino Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Grissini
I grissini sono i celeberrimi filoncini di pasta di pane croccanti e allungati di origine torinese.
guarda
Tartufo bianco di Alba
Il Tartufo bianco di Alba è il tubero più prezioso in assoluto sia dal punto di vista gastronomico che da quello prettamente economico, dati gli elevatissimi costi che può raggiungere.
guarda
Vermut
Il vermut o in francese, vermouth, è un vino liquoroso aromatizzato ideato nel 1786 a Torino e cnosciuto in tutto il mondo.
guarda
Nocciole di Alba
Nocciola IGP nocciolo coltivata in Piemonte la cui produzione è concentrata nelle province di Cuneo, Asti e Alessandria è particolarmente indicata per preparazioni dolciarie.
guarda
Bagna cauda
La bagna cauda è una preparazione a base di aglio, olio ed acciughe dissalate, il tutto ridotto a salsa mediante una paziente cottura che si mangia intingendovi vari tipi di verdure di ..
guarda
Brasato al Barolo
Il brasato al Barolo è un piatto della tradizione gastronomica Piemontese molto gustoso ma altrettanto laborioso nella preparazione.
guarda
Fricandò
Noce di vitello speziata con i chiodi di garofano, salata e pepata a piacere e poi lasciata macerare in vino bianco e brodo.
guarda
Castelmagno
Formaggio a pasta semidura ed erborinata, è utilizzato nella gastronomia piemontese per la preparazione di diversi piatti, primi fra tutti gli gnocchi.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK