Weekend ad Oropa

ll Santuario di Oropa è il più importante Santuario mariano delle Alpi.

Santuario di Oropa, Biella

ll Santuario di Oropa si colloca in uno scenario unico e incontaminato a 1200 m. di altezza, nelle vicinanze dal centro di Biella. La tradizione afferma che la sua origine risale al IV secolo ad opera di S. Eusebio ma documenti ritrovati asseriscono che la sua data è da attribuirsi al XIII secolo e che costituiva un punto di riferimento per i viaggiatori che si recavano verso la Valle d’Aosta. Diverse furono le trasformazioni subite dal Santuario fino a raggiungere quelle monumentali che si possono vedere adesso.

Cuore spirituale è la Basilica Antica, realizzata nel XVII secolo in seguito ad un voto fatto dalla città di Biella in occasione dell’epidemia di pesta del 1599.  La facciata da un’eleganza semplice è impreziosita dal portale che riporta in alto lo stemma sabaudo del duca Carlo Emanuele II. Sull'architrave del portale si trova scolpita l'iscrizione “O quam beatus, o Beata, quem viderint oculi tui”, che dai primi decenni del Seicento  è il saluto che il pellegrino, raggiunta la meta, riceve varcando la soglia della Basilica.
 

Oltre la maestosa scalinata che si apre a monte del Piazzale Sacro, si erge la Basilica Superiore.

Santuario di Oropa

Dove sorgeva l’antica chiesa di Santa Maria, è innalzato il Sacello Eusebiano, del IX secolo e nella calotta e nelle pareti interne, sono visibili affreschi risalenti al Trecento di un pittore ignoto chiamato Maestro di Oropa. All’interno del Sacello è conservata la statua della Madonna Nera, realizzata in legno nel XIII secolo caratterizzata dal manto blu, dai capelli colore oro e dal viso dipinto di nero. Secondo la tradizione la statua venne trasferita dalla Palestina nel IV secolo da Sant’Eusebio per salvarla dalla distruzione ariana e lo stesso Eusebio l’avrebbe celata tra le rocce dove adesso sorge la Cappella del Roc, risalente al XVIII secolo.

Oltre la maestosa scalinata che si apre a monte del Piazzale Sacro, si erge la Basilica Superiore dalle dimensioni colossali ma in piena armonia con le alte montagne che la cingono a contrasto. La sua costruzione si rese necessaria in considerazione dell’elevato numero di pellegrini che visitavano ogni anno il Santuario e la prima pietra fu posata solo verso la fine dell’Ottocento con lavori che si protrassero con estrema difficoltà. La monumentale cupola si eleva per oltre 80 metri dal pavimento e cinge l’imponente monumento consacrato nel 1960. Interessante anche visitare la collezione di presepi provenienti da ogni parte del mondo che si possono vedere nella cripta del suffragio.

Aldo Galvagno

Articoli correlati

Chiesa di San Pio da Pietrelcina a San Giovanni Rotondo
San Giovanni Rotondo
A San Giovanni Rotondo Padre Pio volle creare un luogo per curare i tanti ammalati che non avevano mezzi per poterlo fare
Sotto il Monte, casa natale di Papa Giovanni XXIII
Sotto il Monte Giovanni ..
Angelo Roncalli rese famoso in tutto il mondo Sotto il Monte il 28 ottobre 1958 quando fu eletto Papa con il nome di Giovanni XXIII.
Scavi archeologici di Pompei
Pompei
Foto di samandel.com
Weekend alla scoperta della città patrimonio dell’Umanità UNESCO
Loreto, Piazza della Basilica
Loreto
Weekend nel vero cuore mariano della cristianità
Santuario della Beata Vergine di Castelmonte
Castelmonte
Foto di Roger Jolly
Sulla cima di Castelmonte sorge il Santuario della Beata Vergine
Cascia
Cascia
Foto di Wikipedia
Cascia è un luogo di pellegrinaggio noto per Santa Rita, che ha fedeli sparsi in tutto il mondo

Cosa mangiare a Biella Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Nocciole di Alba
Nocciola IGP nocciolo coltivata in Piemonte la cui produzione è concentrata nelle province di Cuneo, Asti e Alessandria è particolarmente indicata per preparazioni dolciarie.
guarda
Fricandò
Noce di vitello speziata con i chiodi di garofano, salata e pepata a piacere e poi lasciata macerare in vino bianco e brodo.
guarda
Castelmagno
Formaggio a pasta semidura ed erborinata, è utilizzato nella gastronomia piemontese per la preparazione di diversi piatti, primi fra tutti gli gnocchi.
guarda
Tartufo bianco di Alba
Il Tartufo bianco di Alba è il tubero più prezioso in assoluto sia dal punto di vista gastronomico che da quello prettamente economico, dati gli elevatissimi costi che può raggiungere.
guarda
Brasato al Barolo
Il brasato al Barolo è un piatto della tradizione gastronomica Piemontese molto gustoso ma altrettanto laborioso nella preparazione.
guarda
Bagna cauda
La bagna cauda è una preparazione a base di aglio, olio ed acciughe dissalate, il tutto ridotto a salsa mediante una paziente cottura che si mangia intingendovi vari tipi di verdure di ..
guarda
Vermut
Il vermut o in francese, vermouth, è un vino liquoroso aromatizzato ideato nel 1786 a Torino e cnosciuto in tutto il mondo.
guarda
Balote di Seirass
Polpettine dolci fatte con il Seirass una ricotta stagionata saporita che viene conservata nel fieno che le dona un sapore del tutto particolare
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK