Weekend a Viareggio

Un weekend tra terra e mare, dal carnevale di Viareggio al ricchissimo passato di Lucca.

Carnevale in Viareggio

Viareggio è una cittadina che in passato faceva parte della Repubblica di Lucca, noi tutti la conosciamo sia per il mare che per il Carnevale che già nel 1873 era festeggiato coi  maestosi carri allegorici che sfilavano per la via centrale, la Passeggiata a Mare.

Viareggio sa stupire grazie al suo mix di architettura libery e decò, non ci dimentichiamo che è la città natale di tantissimi artisti, gli esempi di questi stili li avrete sotto gli occhi ad ogni passo, basta alzare lo sguardo.

Se ne volete un esempio camminando sulla passeggiata, fermatevi al Ristorante Margherita, la struttura è decisamente Liberty, le cupole delle due torrette sono ancora oggi decorate a mosaico colorato e le scritte di allora sono ancora ben visibili, all’interno della struttura oltre ad un ristorante troverete una libreria che vi accoglierà con le sue volte in un ambiente rilassante e piacevole.

Durante l’anno Viareggio è sede di tantissime manifestazioni, non solo inerenti al carnevale una su tutte è il Festival Gaber in memoria dell’omonimo artista istituito nel 2004.

Ci sono numerosissimi hotel sulla via principale in fronte al mare, non avete che l’imbarazzo della scelta, io vi consiglio di fermarvi all’hotel Bella Riviera,una struttura a gestione famigliare dove vi sentirete a casa.

La cucina del ristorante è ottima, i piatti preparati al momento e assaggerete l’ottimo olio toscano, un punto in più viene dal personale, gentile e affabile, il proprietario più anziano poi non mancherà di prendersi cura di voi senza lasciare niente al caso.

Se siete a Viareggio, non potete non andare a fare una gita a Lucca che si trova poco distante, vi piacerà moltissimo e scoprirete un mondo a parte immerso nel verde.

Una volta parcheggiata la macchina all’interno delle mura ancora perfettamente conservate potete intraprendere la visita di Lucca sia a piedi che affittando una bici in uno dei numerosi punti di affitto, Lucca è una cittadina davvero piacevole, per quanto le sue vie non siano troppo larghe non ci si sente mai troppo stretti.

La particolarità di Lucca sono appunto le mura, intatte e perfette, una bella passeggiata di più di 4 chilometri.

Le mura di Lucca

Lucca è una città con un passato ricchissimo di avvenimenti, abbiamo richiami classici e romanici, ci sono stati avvicendamenti che ne hanno popolato le vicissitudini per secoli.

La particolarità di Lucca sono appunto le mura, intatte e perfette, una bella passeggiata con un perimetro di 4220 metri circa, un viale alberato da percorrere in bici o a piedi da soli o in compagnia e ci farà vedere la città da tutte le sue angolazioni, sul percorso troviamo numerosi punti di ristoro e ampi spazi attrezzati per i pic nic.

Lucca ha moltissimo da visitare, non potete perdervi la Piazza dell’Anfiteatro che è nata sulle rovine dell’originario anfiteatro romano,  potete poi passare a Piazza San Martino dove troverete il Duomo di San Martino

Soffermatevi a guardare la Torre Guinigi in pietra e mattoni, è uno dei monumenti più famosi e tipici della città la sua caratteristica è che in cima sono stati piantati alcuni lecci oltretutto la vista è davvero fantastica!

Tra un viottolo e un monumento sono certa che vi verrà fame e io vi consiglio vivamente e con entusiasmo di recarvi alla Tana del Boia che si trova proprio in piazza San Michele.

Il locale è piccolino, ci sono solo 3 tavoli ricavati da vecchi banchi per il cucito, in compenso però durante la bella stagione è possibile gustare i panini seduti fuori, vi assicuro che vale veramente la pena,

Oltre ad un nutrito numero di birre e bevande artigianali potete scegliere tra diverse ricette di panini/focacce, vi consiglio vivamente di provare il panino Salsiccia e Camino con ricotta affumicata e salsiccia fresca, vi assicuro che dopo non potrete più farne a meno.

Un alternativa? Eccovela, mortadella d’oca e pecorino toscano, per chi non ama la carne poi si può sempre chiedere un panino con hamburger vegetariano, insomma ce n’è per tutti i gusti.

Menzione d’onore meritano i proprietari, simpatici ed alla mano, rendono la visita lucchese ancora più colorita.

Sara Manelli

Articoli correlati

Osteria Pazza Idea
Viareggio
Foto di TripAdvisor
Viareggio, una delle perle della Versilia, ancora più romantica e ricca di poesia d'autunno, quando le spiagge deserte sono battute dal v..
guarda
Bed and Breakfast Libano/
Viareggio
Recensione dei bed and breakfast di Viareggio più romantici e ricchi di fascino, ideali per una fuga d'amore del week end
guarda
Imperia – Il finire del giorno su San Maurizio
Imperia
Una città divisa in due che ci affascina e un ristorante tipico unico.
Vittorio Veneto Serravalle
Serravalle
Foto di Nardino
Per gli amanti dello shopping e degli ottimi vini Serravalle offre un ottimo weekend.
Tramonto ad Urbino
Urbino
Urbino, un incantato paesaggio rinascimentale, nel cuore delle colline marchigiane e patrimonio dell’Unesco.
Pesaro. Palazzo Ducale
Pesaro
Foto di S. Rossi
Pesaro, la città di Gioacchino Rossini. Un weekend tra mare ed opere d'arte vi sta aspettando.

Cosa mangiare a Viareggio Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Schiaccia alla pala
Grande schiacciata realizzata con la pasta del pane. Di colore giallo intenso e brunito, dopo la cottura viene cosparsa di sale e di olio extravergine di oliva. (Grosseto)
guarda
Buccellato
Dolce nato sulla nobilitazione del pane. Esternamente mostra un colore marrone scuro e lucido. All'interno presenta una pasta dolce e morbida ricca di uva passa e anici. (Lucca)
guarda
Panforte
Dolce realizzato con mandorle e un composto di miele e spezie. Lo stampo è rivestito di ostia e, una volta freddo, viene sommerso da una coltre di candido zucchero a velo. (Siena)
guarda
Bistecca
Taglio alto di carne di vitellone o di scottona, comprensivo dell'osso, da cuocersi al sangue sulla brace o sulla griglia. (Firenze)
guarda
Brigidini
Cialde color giallo-arancio molto friabili e abbastanza grandi. Composte da zucchero, farina, uova ed essenza liquida di anice (nelle ricette tradizionali si utilizzano i semi). (Pistoia)
guarda
Tortelli di patate
Grandi e di forma quadrata hanno un ripieno molto semplice e gustoso, composto da un impasto di patate lesse passate, parmigiano, noce moscata e sale. (Massa e Carrara)
guarda
Cecina
Torta salata molto bassa, preparata con farina di ceci, acqua, sale e olio extravergine di oliva. Si cuoce in forno a legna, in teglia, e assume con la cottura un vivace colore dorato. (Pi..
guarda
Cacciucco
Piatto a base di pesce, composto da diverse qualità di pesce “povero”, in salsa di pomodoro e poi adagiato su fette di pane abbrustolito e agliato poste sul fondo del piatto. (Livorno)
guarda