Weekend in Maremma

Un week end in Maremma è un viaggio tra mare e montagna, tra colori e sapori, tra storia e profumi.

La Maremma
Foto di Dimit®i

Terra di butteri: così è conosciuta la Maremma, quell’area che cinge il sud della Toscana con il nord del Lazio e che si affaccia sul Tirreno. Ma la Maremma è soprattutto uno stile di vita basato sul rispetto dell’ambiente e per il rispetto di tradizioni che si perdono nella notte dei tempi.
Un week end in Maremma è un viaggio tra mare e montagna, tra colori e sapori, tra storia e profumi ma è essenzialmente il vivere il cuore selvaggio di una terra dai grandi spazi dove il territorio rispetta l’essenza dell’uomo.

Vivere un fine settimana significa poter visitare il Parco Naturale Regionale della Maremma, una delle prime aree protette d’Italia e significa poter godere del lento trascorrere del tempo.

Qui tutto è possibile: dall’immersione alla vela, dal dolce far nulla alle Terme di Saturnia per ritemprarsi, alla visita delle aree protette senza scordarsi del sentiero della spiritualità  che è possibile percorrere nella comunità buddista sul Monte Labro oppure nel monastero di Siloe dove l’accoglienza di monaci benedettini costituisce la base di un incontro di elevato contenuto filosofico e religioso.

Una meta indubbiamente da non perdere è rappresentata da Talamone dove è possibile trovare delle calette che si affacciano sul mare.

Bagno delle Donne, Talamone
Foto di patata1017

Una meta indubbiamente da non perdere è rappresentata da Talamone dove è possibile trovare delle calette molto caratteristiche che si affacciano su un mare che a nord presenta un fondo roccioso adatto a fare dello snorkeling.

Trascorrere qualche ore mollemente adagiati sulla spiaggia sotto alla sua rocca è una cosa da fare semplicemente lasciando la propria automobile per percorrere la stradina che conduce allo storico lido ‘Bagno delle donne’. Qui la spiaggia sabbiosa è circondata da boschi di alti pini ed è impreziosita da un mare dalle acque cristalline dal colore blu intenso dove gli amanti del windsurf e della vela trovano il loro luogo ideale.

Per ristorarsi due i luoghi suggeriti. Il primo è il ristorante ‘Il vicoletto’ dove poter mangiare dei piatti preparati con freschissimo pesce proposto in tanti modi e dove il proprietario, pur di origini siciliane, ha assorbito tutto la maremmanità possibile.

Il secondo posto si trova al centro del borgo ed è una gelateria che si chiama ‘Il gelato che mancava’ dove tra stecchi, biscotti e tartufo da urlo, non si può proprio resistere di gustarsi un rinfrancante gelato dopo aver trascorso una giornata al mare oppure camminando per le viuzze della cittadina.

Aldo Galvagno

Articoli correlati

Capri e i suoi Faraglioni
Capri
Foto di CameliaTWU
L’emozione che ti assale quando arrivi a Capri è qualcosa di intenso.
Le spiegge di Lignano Sabbiadoro
Lignano Sabbiadoro
Foto di Mario
Meta turistica molto ambita per tutti coloro che vogliono trascorrere un bellissimo week end al mare in pieno relax ed anche all'insegna d..
Colli Euganei, Veneto
Abano Terme
A pochi chilometri da Padova, inserita nella splendida cornice dei dolci Colli Euganei, sorge Abano Terme.
Udine, Piazza San Giacomo
Udine
Foto di pagati
Week end enogastronomico ad Udine.
Teatro Antico, Taormina
Taormina
Taormina, la perla più preziosa della provincia messinese.
Castello Miramare, Trieste
Trieste
Foto di Miro on/off
Un week end low cost a Trieste tra musei nautici e non solo

Cosa mangiare a Firenze Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Cacciucco
Piatto a base di pesce, composto da diverse qualità di pesce “povero”, in salsa di pomodoro e poi adagiato su fette di pane abbrustolito e agliato poste sul fondo del piatto. (Livorno)
guarda
Tortelli di patate
Grandi e di forma quadrata hanno un ripieno molto semplice e gustoso, composto da un impasto di patate lesse passate, parmigiano, noce moscata e sale. (Massa e Carrara)
guarda
Ribollita
Piatto che deriva dalla tipica zuppa di pane raffermo e verdure della Toscana, specialmente cavolo nero e fagioli. (Arezzo)
guarda
Buccellato
Dolce nato sulla nobilitazione del pane. Esternamente mostra un colore marrone scuro e lucido. All'interno presenta una pasta dolce e morbida ricca di uva passa e anici. (Lucca)
guarda
Brigidini
Cialde color giallo-arancio molto friabili e abbastanza grandi. Composte da zucchero, farina, uova ed essenza liquida di anice (nelle ricette tradizionali si utilizzano i semi). (Pistoia)
guarda
Cecina
Torta salata molto bassa, preparata con farina di ceci, acqua, sale e olio extravergine di oliva. Si cuoce in forno a legna, in teglia, e assume con la cottura un vivace colore dorato. (Pi..
guarda
Bistecca
Taglio alto di carne di vitellone o di scottona, comprensivo dell'osso, da cuocersi al sangue sulla brace o sulla griglia. (Firenze)
guarda
Panforte
Dolce realizzato con mandorle e un composto di miele e spezie. Lo stampo è rivestito di ostia e, una volta freddo, viene sommerso da una coltre di candido zucchero a velo. (Siena)
guarda