Weekend a Castelli Romani

Ai Castelli Romani per trascorrere la famosa gita fuori porta.

Nemi vista dal lago
Foto di Daniele Man

‘S’annamo a divertì, Nannì Nannì’ quanti non conoscono questa celebre canzone della tradizione romana?
I romani, e non solo ai tempi di Meo Patacca, sceglievano i vicini Castelli Romani per trascorrere la famosa gita fuori porta per passare delle ore in allegria, festeggiando la buona tavola ed il buon vino.
Tradizione che, vi assicuriamo, perdura anche ai giorni d’oggi. La zona così denominata include una serie di piccoli paesi in gran parte aggrappati su dolci colline che vengono dominate dai nuclei rappresentanti il cuore pulsante di ogni paese e la campagna circostanza è coltivata soprattutto con filari di viti dalle quali si ricava un ottimo vino. Frascati, Nemi, Albano, Ariccia, Genzano sono solo alcuni di questi paesi dove è facile passare una giornata spensierata, assaporando genuini piatti della tradizione che saranno accompagnati dal famoso Frascati DOC.
Ariccia è  una meta che vi consigliamo.

Facilmente raggiungibile da Roma percorrendo la strada statale Appia, è caratterizzata dall’entrata che avviene oltrepassando un famoso ed alto cavalcavia che viene denominato ‘ponte dell’Ariccia’. Appena lo si sorpassa si entra nel piccolo centro e proprio sulla sua sinistra si apre il Palazzo Chigi, realizzato nel Cinquecento e risistemato circa un secolo più tardi dalla mano del Bernini. Il palazzo –ora di proprietà del Comune- è stato reso famoso per essere stata la location di alcune scene del film ‘il gattopardo’ (il salone dove si svolge il ballo) e non è possibile non notarlo immediatamente data la sua imponenza. Ma se ci rechiamo ad Ariccia oltre che per ammirare palazzi storici e monumenti, lo facciamo quasi esclusivamente per conoscere le sue famose ‘fraschette’ che sono locande dove, bevendo del buon vino alla spina, si usa fare ‘merenda’.

Se volete andare in una fraschetta davvero speciale ce ne sono davvero tante!

Tuscania

La merenda è solitamente rappresentata da piatti di porchetta  allo spiedo (qui molto popolare perché tradizione ricciarola quella della preparazione del maiale in porchetta) oppure da  piccanti coppiette che sono uno storico prodotto laziale che anticamente erano diffuse come rapido pasto dei lavoratori e come pasto da taverna. Sono fatte con striscette di carne essiccate (bovino, suino oppure equino) e fortemente speziate che erano usate dagli osti per far aumentare la sete agli avventori che, in questo modo, erano obbligati al consumo delle ‘fojette’, ossia caraffe di vino da mezzo litro. Se volete andare in una fraschetta davvero speciale ce ne sono davvero tante!

Ma molte sono estremamente dedicate ai turisti vuoto a perdere e quindi non è detto che siano originali) vi suggeriamo di fermare la vostra auto al primo parcheggio che trovate oltrepassato il ponte e superare Palazzo Chigi e l’antistante piazza per poi imboccare la prima stradina sulla destra che si trova in leggera discesa e a metà della stessa imboccare la piccola traversa di Via Azia dove, al civico 11 si trova ‘Finalmente ‘na fraschetta’. In questa locanda, oltre a buon vino e ad una sana merenda troverete la simpatia del proprietario che spesso imbraccia una chitarra ed intona stornelli più o meno noti, coinvolgendo i suoi clienti in una dimensione dove l’allegria e la spontaneità di un tempo, emerge in tutta la sua potenza.

Se il nostro week end avviene durante la primavera, non possiamo non pensare di raggiungere Nemi, un piccolo centro dei Castelli Romani che si affaccia direttamente sull’omonimo lago di origine vulcanica. Qui, i profumi sono caratterizzati dall’odore di fragole e fragoline di bosco che sono una specialità locale e che si possono mangiare sia con panna che condite con il limone. Qui, la cucina della tradizione è rappresentata dalla carne che viene servita soprattutto alla griglia che ha il pregio di evidenziare un tripudio di sapori che conservano i profumi della brace.
Si può approfittare di qualche piccolo albergo per trascorrere una notte ammirando le luci sul lago che accompagnano un cielo stellato che emerge prepotente dai boschi circostanti.

Aldo Galvagno

Articoli correlati

Teatro Maschere
Ostia
La tradizione vuole che sia stata fondata da Anco Marzio (il quarto re di Roma) nella seconda metà del VII secolo a.C.
Un panorama di Tarquinia
Tarquinia
Foto di davide rossi
Le necropoli di Cerveteri e di Tarquinia a rappresentano il fulcro del nostro fine settimana
Duomo di San Lorenzo - Viterbo
Viterbo
Pierpaolo Pasolini definì la Tuscia viterbese, il paesaggio più bello del mondo.
Il parco di Salice Terme
Salice Terme
Foto di Rosario
Un angolo vacanziero inaspettato, un weekend all'insegna del benessere e del relax in mezzo al verde.
Piazza dei Signori - Padova
Padova
La città del Santo, Padova può essere stimolante se la si gira diventando per un attimo suoi cittadini.
Carpi
Carpi
Carpi, una città dal cuore grande come la sua piazza

Cosa mangiare a Castelli Romani Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Abbacchio alla scott..
Piatto della tradizione romana è fatto al forno con le patate. E' un agnellino da latte e può essere cucinato alla cacciatora con aglio, rosmarino, acciuga, peperoncino e vino bianco.
guarda
Porchetta di Ariccia
La porchetta viene cotta alla brace dopo che sia stata aromatizzata con sale, pepe e tantissime erbe. Dopo una lunga cottura viene servita fredda.
guarda
Bignè fritti di San..
Queste paste sono i classici bignè che anziché essere cotti al forno vengono fritti in abbondante olio, riempiti di deliziosa crema pasticcera e imbiancati con zucchero a velo.
guarda
Pizza di Civitavecchia
Tipico dolce dell’Alto Lazio, si prepara tutto l’anno anche se durante il periodo Pasquale è tradizione mangiarlo. Ingredienti: farina, ricotta, zucchero, pasta di pane, burro e uova.
guarda
Coda alla vaccinara
Piatto popolano che si prepara con la coda di vaccina che viene cotta in un sugo di pomodoro, carota, cipolla, sedano, pinoli, uva sultanina e con una spolverata di cacao amaro.
guarda
Minestra di Broccoli..
Primo piatto di una povera (a quei tempi) cucina che si compone con broccolo romanesco a pezzi e arzilla, ossia il pesce razza. Un sapore d’altri tempi.
guarda
Carciofi alla Giudia
Piatto della tradizione giudaica, realizzati con i carciofi romaneschi che dopo essere stati puliti delle foglie esterne, vengono cotti immersi a testa in giù nell’olio extravergine.
guarda
Saltimbocca alla rom..
Fettine di vitello sopra le quali va posizionata una fetta di prosciutto e una foglia di salvia, poi arrotolate e sigillate con un stuzzicadenti. Cotte con burro e irrorate di vino bianco.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK