Weekend a Chiusi della Verna

Weekend al Santuario della Verna, luogo ricco di fascino che trae forza e bellezza dall’ambiente che lo circonda

Panorama La Verna
Foto di Marco Caruso

La notte in cui il Monte della Vernia parea ch’ardesse di fiamma isplendidissima, la quale risplendeva e illuminava tutti li monti e le valli d’intorno, come se fusse il sole sopra la terra.  

Si trova nel Casentino il Santuario della Verna. Aggrappato sulla roccia ed avvolto da una ricca foresta di abeti e faggi è un irrinunciabile meta di pellegrinaggi e di devoti a San Francesco che in questo luogo, nel 1224, ricevette le Stimmate.

Da quel momento in poi, la Verna è sempre stata vista come luogo di alta spiritualità anche grazie al contesto creato dai francescani che hanno saputo realizzare un santuario affascinante che trae forza e bellezza anche dall’ambiente circostante e dalla particolare forma del Sacro Sasso de La Verna, la montagna appenninica che somiglia ad una sorta di dente.

La Verna è custodita dai frati francescani che curano con amore un messaggio di bellezza e di pace.

La Verna

Storia narra che nel 1213 si incontrarono il Conte di Chiusi in Casentino e Francesco d’Assisi. Il nobile trovò conforto nelle parole del Santo e volle fargli una offerta che fosse in grado di realizzare il desiderio di Francesco alla ricerca della solitudine e di Dio.

Francesco accettò e andò alla Verna che trasformò in uno dei romitori nei quali ogni anno, trascorreva lunghi periodi di meditazione. Non sappiamo quante volte il Santo sia salito in cima al monte ma conosciamo cosa avvenne durante la Quaresima di S.Michele nel 1224 quando qui trascorse la sua ultima sosta. Francesco era ammalato e stanco e si stava approssimando nel viaggio che lo avrebbe condotto a Dio.

Nelle sue lunghe notti di preghiera in solitudine chiese al Signore di provare un po’ di quello che aveva vissuto Gesù durante la sua Passione. Fu esaudito e il suo corpo fu segnato delle stesse piaghe del Crocifisso, formando su mani e piedi le escrescenze a forma di chiodi. Francesco lasciò La Verna nel mese di settembre e per due anni nascose le Stimmate che aveva ricevute e delle quali solo pochi intimi ne vennero a conoscenza prima della sua morte.
La Verna è custodita dai frati francescani che curano con amore, le radici di questo storico evento che conserva in se, un messaggio di bellezza e di pace.

Aldo Galvagno

Articoli correlati

Basilica Monte Berico, Vicenza
Monte Berico
Foto di andrea.drago
Weekend al Santuario della Madonna di Monte Berico
Santuario Eremo di Greccio
Greccio
A 15 chilometri da Rieti si trova il Santuario Eremo di Greccio, uno dei quattro santuari voluti da San Francesco.
Abbazia di Casamari
Abbazia di Casamari
Situata nel territorio di Veroli a metà strada tra Frosinone e Sora, su di un collina rocciosa sorge l’Abbazia Circestense di Casamari.
Abbazia di Montecassino
Abbazia di Montecassino
L’Abbazia di Montecassino, attraverso l’instancabile lavoro dei suoi abati, fu per tutto il medioevo un centro culturale di estrema im..
Assisi, Umbria
Assisi
Assisi è il luogo simbolo di ogni pellegrinaggio.
Cascia
Cascia
Foto di Wikipedia
Cascia è un luogo di pellegrinaggio noto per Santa Rita, che ha fedeli sparsi in tutto il mondo

Cosa mangiare a Arezzo Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Biscotti di Prato
Sono biscotti secchi alle mandorle, ottenuti tagliando a fette il filoncino di pasta ancora caldo.
guarda
Ribollita
Piatto che deriva dalla tipica zuppa di pane raffermo e verdure della Toscana, specialmente cavolo nero e fagioli. (Arezzo)
guarda
Brigidini
Cialde color giallo-arancio molto friabili e abbastanza grandi. Composte da zucchero, farina, uova ed essenza liquida di anice (nelle ricette tradizionali si utilizzano i semi). (Pistoia)
guarda
Tortelli di patate
Grandi e di forma quadrata hanno un ripieno molto semplice e gustoso, composto da un impasto di patate lesse passate, parmigiano, noce moscata e sale. (Massa e Carrara)
guarda
Cacciucco
Piatto a base di pesce, composto da diverse qualità di pesce “povero”, in salsa di pomodoro e poi adagiato su fette di pane abbrustolito e agliato poste sul fondo del piatto. (Livorno)
guarda
Cecina
Torta salata molto bassa, preparata con farina di ceci, acqua, sale e olio extravergine di oliva. Si cuoce in forno a legna, in teglia, e assume con la cottura un vivace colore dorato. (Pi..
guarda
Schiaccia alla pala
Grande schiacciata realizzata con la pasta del pane. Di colore giallo intenso e brunito, dopo la cottura viene cosparsa di sale e di olio extravergine di oliva. (Grosseto)
guarda
Panforte
Dolce realizzato con mandorle e un composto di miele e spezie. Lo stampo è rivestito di ostia e, una volta freddo, viene sommerso da una coltre di candido zucchero a velo. (Siena)
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK