Weekend a Sotto il Monte Giovanni XXIII

Angelo Roncalli rese famoso in tutto il mondo Sotto il Monte il 28 ottobre 1958 quando fu eletto Papa con il nome di Giovanni XXIII.

Sotto il Monte, casa natale di Papa Giovanni XXIII

La storia di questo rurale e povero paesino cambia il 25 novembre del 1881 quando nella frazione Brusicco, alle ore 10.15 nasce Angelo Giuseppe Roncalli, quartogenito di tredici figli. Angelo Roncalli, rese famoso in tutto il mondo Sotto il Monte, il 28 ottobre 1958 quando fu eletto Papa con il nome di Giovanni XXIII.
Il Papa buono - questo l’appellativo con il quale venne chiamato Giovanni XXIII-  non recise mai quel cordone ombelicale con il paese natio che lasciò in tenera età per andare nel 1892 nel seminario di Bergamo avvertendo una seria inclinazione alla vita ecclesiastica. Ordinato sacerdote nel 1904 dopo un breve ritorno a Sotto il Monte fu scelto quale segretario del Vescovo di Bergamo con il quale collaborò per una decina di anni prima di prodigarsi come cappellano militare per tre anni durante la grande guerra.

La vita di Angelo Roncalli suo malgrado –amava ripetere che lui voleva essere solo un prete di campagna- fu una vita piena di viaggi e politica ad iniziare nel 1925 con la nomina di Visitastore Apostolico in Bulgaria per poi proseguire come Delegato Apostolico in Turchia nel 1934 per poi passare alla Nunziatura di Parigi nel 1944. Fu infine nominato cardinale e venne trasferito alla sede patriarcale di Venezia dove continuò la sua opera instancabilmente. La sua inattesa elezione a  Papa come successore di Pio XII, era considerata da tutti come un Pontificato di transizione, dove l’anziano Roncalli pareva essere facilmente manovrabile ma così non fu e fin dall’inizio il suo stile fece emergere una personalità che si era formata attraverso diplomazie di tutto il mondo e diede subito una inconfondibile impronta agli anni del suo Pontificato che fu evidenziata da un inaspettato Concilio Vaticano che scosse i vecchi retaggi della chiesa.

Il vero ed unico Papa buono.

Stanza natale di Papa Giovanni XXIII, Sotto il Monte, Bergamo

Si deve a Papa Giovanni XXIII l’appello rivolto agli USA e all’URSS - che nel 1962 si trovarono sull’orlo di una guerra mondiale per via della crisi di Cuba-  che impedì una catastrofe che minacciava l’intera umanità. Come si deve a lui l’avvicinamento della gente ad un Papa che vedeva per la prima volta, davvero vicino a loro. E la gente pregò per la sua salute fino alla notizia della sua morte il 3 giugno del 1963. Era sparito il vero ed unico Papa buono.

I pellegrini rendono omaggio a Giovanni XXIII andando a visitare la sua casa natale che è anche un museo che ricorda la sua umile origine. E’ una cascina che si apre con un porticato a tre arcate e la facciata dipinta di rosa antico e una rustica scala di legno che conduce a delle semplice stanze. In una di queste, vide la luce il piccolo Angelo e si può vedere ancora il letto dei genitori, un cassettone scrivania e un quadro che raffigura la Vergine Maria. Nelle vicinanze della casa sorge il Seminario del Pontificio Istituto Missione Estere la cui prima pietra fu posta proprio da Angelo Roncalli il 18 marzo del 1963.

Aldo Galvagno

Articoli correlati

Santuario di Oropa, Biella
Oropa
ll Santuario di Oropa è il più importante Santuario mariano delle Alpi.
Loreto, Piazza della Basilica
Loreto
Weekend nel vero cuore mariano della cristianità
Chiesa di San Pio da Pietrelcina a San Giovanni Rotondo
San Giovanni Rotondo
A San Giovanni Rotondo Padre Pio volle creare un luogo per curare i tanti ammalati che non avevano mezzi per poterlo fare
Santuario della Beata Vergine di Castelmonte
Castelmonte
Foto di Roger Jolly
Sulla cima di Castelmonte sorge il Santuario della Beata Vergine
Scavi archeologici di Pompei
Pompei
Foto di samandel.com
Weekend alla scoperta della città patrimonio dell’Umanità UNESCO
Cascia
Cascia
Foto di Wikipedia
Cascia è un luogo di pellegrinaggio noto per Santa Rita, che ha fedeli sparsi in tutto il mondo

Cosa mangiare a Bergamo Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Costoletta alla miil..
Secondo tipico che è realizzato dalla costoletta che viene passata nell'uovo e poi nel pangrattato quindi fritta nel burro.
guarda
Gorgonzola
Formaggio fresco erborinato prodotto con latte di vacca la cui particolarità risiede nelle muffe che ne determinano il sapore che può essere dolce o piccante.
guarda
Risotto alla milanese
Classico primo della cucina milanese, il famoso risotto è preparato con l’aggiunta di midollo di bue e zafferano che lo differenziano da tutti gli altri.
guarda
Ossobuco alla milanese
Ossibuchi della zampa di vitello infarinati e passati in padella con olio e burro e poi cotti con salsa di pomodoro.
guarda
Cassoeula
È un piatto invernale tipico composto da uno stufato di verze e carni di maiale (salsiccia, puntine, piedini e cotica).
guarda
Pizzoccheri della Va..
I pizzoccheri alla Valtellinese sono il piatto simbolo della cucina tradizionale Valtellinese e sono realizzati con farina di grano saraceno.
guarda
Valigini
Fagottini di foglie di verza appena sbollettate con un ripieno di trito di pollo e patate e cotti su un fondo di olio, burro e cipolla con salsa di pomodoro.
guarda
Spongarda
Specialità cremasca variante del "pane dolce". Nell'impasto troviamo miele, nocciole, cedro candito, uva sultanina e spezie.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK