Weekend ad Agrigento

Agrigento è nota soprattutto per la sua splendida Valle dei Templi, grandiosa testimonianza dell’antica Magna Grecia

Tempio di Ercole (Sicilia)

Agrigento è nota soprattutto per la sua splendida Valle dei Templi, grandiosa testimonianza dell’antica Magna Grecia ma il centro storico della città vanta numerose altre bellezze e testimonianze artistiche, fra chiese, architetture religiose e musei.

Una visita della città può iniziare dall’Abbazia di Santo Spirito del 1260 dove esiste uno dei chiostri meglio mantenuti della storia siciliana; la Chiesa di San Lorenzo a stampo rinascimentale-barocco e agli Ipogei che sono acquedotti sotterranei del V secolo a.C. ancor oggi ben conservati; la Cattedrale normanna con il campanile mai terminato. Tutte attrazioni queste che non possono precludere una necessaria visita del Quartiere Ellenistico Romano di Agrigento dove ammirare i resti di patrizie ville con mosaici perfettamente conservati sito nell’area di S.Nicola. Questo rione è stato scavato verso gli anni ’50 e ha recuperato il riassetto urbano dell’antica Akragas del III secolo a.C. fino al V secolo d.C. in una superficie di circa 10mila metri quadrati dove sono state riconosciute botteghe, taverne, acquedotti e una ventina di abitazione di cui alcune in stile ellenico ed altre in stile pompeiano. Notevoli la Casa del Maestro Astrattista, quella del Peristilio, quella del Mosaico e quella della Svastiche.

Impossibile nel week end da piene atmosfere, perdersi una escursione nella famosa Valle dei Templi, esempio notevolissimo della Magna Grecia in Sicilia e inserita dall’UNESCO nella lista del Patrimonio dell’Umanità. E’ questo, il parco archeologico più esteso nel mondo: 1300 ettari che raccolgono dieci templi dorici, tre santuari e le necropoli di Montelusa, Mosè, Pezzino, oltre ad una romana e tomba di Terone, una Paleocristiana e Acrosoli.

Il Tempio della Concordia è l’esempio della magnificenza e della ricchezza della civiltà Greca

Tempio della Concordia al chiaror di luna

Anche qui presenti Ipogei e opere idrauliche come il giardino della Kolymbetra, oltre all’Agorà inferiore e quella superiore, un Olympeion e una sala del consiglio (Bouleuterion).

Il Tempio della Concordia che occupa oltre 800 metri quadrati è l’esempio della magnificenza e della ricchezza della civiltà Greca. Avendo un ottimo stato di conservazione il Tempio offre l’emozione di un viaggio all’indietro nel tempo permettendo di vivere particolare sensazioni.

Sul punto più elevato della collina della Valle, si trova il Tempio di Giunone che nel tempo è stato più volte restaurato. Ma tutti i Templi della Valle meritano una visita approfondita prima di rientrare in città e ripercorrere i sentieri che hanno visto il cammino di Luigi Pirandello, che qui ha avuto i suoi natali. La sua casa sorge in una contrada di campagna chiamata ‘Caos’ a pochi chilometri dalla città immersa tra ulivi a strapiombo sul mare. Era una casa settecentesca che i Pirandello abitarono nel 1867 e  dove nacque il grande scrittore. Attualmente è monumento nazionale e qui è conservata l’urna di Pirandello, fotografie, recensioni delle prime edizioni delle sue opere, quadri, locandine teatrali.

Aldo Galvagno

Articoli correlati

I migliori ristoranti romantici di Agrigento perfetti per una cena in compagnia della persona amata
guarda
Recensione dei bed and breakfast di Agrigento più romantici e ricchi di fascino, ideali per una fuga d'amore del week end.
guarda
Vulcano
Isola di Vulcano
L’isola più prossima alla Sicilia è la selvaggia Vulcano che trae il suo nome dal dio romano e che al suo interno ospita ben quattro v..
Narni Umbria
Narni
Un week end a Narni significa vivere una parentesi decisamente romantica
Porto Ercole
Porto Ercole
Un romantico week end lo possiamo trascorrere in piena maremma, nello splendido Porto Ercole sull’Argentario.
Portofino
Portofino
I found my love in Portofino perchè nei sogni credo ancor
Paesaggio toscano
Sansepolcro
A Sansepolcro esiste una magia che rende unico un week end romantico per due
Trevi
Trevi
Foto di kebnekaise
Weekend romantico nel delizioso borgo umbro arroccato su di un colle ricco di ulivi

Cosa mangiare a Agrigento Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Panelle
Le panelle sono uno dei cibi cult dello street food a Palermo. Fritte in mezzo al pane per saziare l’appetito.
guarda
Caponata
Melanzane ed altre verdure cucinate in padella e ripassate con pinoli, sedano, cipolle, olive e capperi con l’aggiunta di una salsa agrodolce.
guarda
Sarde a beccafico
Sarde arrotolate intorno ad un composto di pane grattuggiato, uva sultanina, zucchero, sale, pepe ed olio d'oliva, poi cotte al forno.
guarda
Pasta con le sarde
Sarde, pasta e finocchietto. Primo da mangiare da marzo a settembre quando è possibile la pesca di questo pesce.
guarda
Granita e brioche
E’ la colazione tipica dei siciliani, specie nelle zone costiere in estate. Oltre alla frutta c'è la granita di pistacchio, di cacao, di caffè e di mandorla.
guarda
Frutta candita
La storia narra che questo tipico dolce nasce nel convento della Martorana per sostituire i frutti colti dagli alberi con un impasto di farina di mandorle e zucchero .
guarda
Arancini
Salame tritato e riso, il tutto ricoperto da impanatura per le arancine, da assaggiare in tutte le rosticcerie e nei mercati della Sicilia.
guarda
Cannolo Siciliano
I cannoli sono una delle specialità più conosciute della pasticceria dell’isola ed è preparato con una cialda di pasta precedentemente fritta e un ripieno a base di ricotta di pecora..
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK