Weekend al Giardino Alpino di Pietra Corva

Se siete amanti delle passeggiate nel verde e vi piace scoprire sempre qualcosa di nuovo del mondo vegetale il Giardino Alpino di Pietra Corva è sicuramente la meta giusta per voi

Giardino Botanico Alpino di Pietra Corva
Foto di tripadvisor

Se siete amanti delle passeggiate nel verde e vi piace scoprire sempre qualcosa di nuovo del mondo vegetale il Giardino Alpino di Pietra Corva in Provincia di Pavia è sicuramente la meta giusta per voi. Questo splendido giardino si trova a 950 metri di altitudine nel comune di Romagnese fu aperto nel 1967 e nasce dall’idea del Dottor Ridella, un veterinario naturalista esperto di botanica, di adattare e conservare le piante d’alta quota che scopriva durante i suoi viaggi. Il Dottor Ridella amava avventurarsi non solo su Alpi ed Appennini ma anche su Pirenei, Carpazi, Caucaso Himalaya e Ande,  dalle sue escursioni traeva ispirazione ed insegnamenti da riportare al Giardino Alpino di Pietra Corva per renderlo una grande raccolta di piante anche rare.

Ridella fu così entusiasta del suo progetto che riuscì a coinvolgere un gruppo di amici che lo aiutarono a rendere la struttura del giardino potenziata. Una volta arrivati al giardino e lasciata la macchina nella piccola radura in fondo alla strata entrerete in un altro mondo che si estende per 30000 metri quadrati di parco,  all’interno del quale troverete anche una foresteria, un centro visita che potrà illustrarvi i diversi aspetti del territorio che state visitando e che si completa grazie ai pannelli  didattici esposti lungo i sentieri interni. Il Giardino  Alpino di Pietra Corva ospita anche cervi, daini e mufloni e potete far loro visita presso i loro recinti.

Il Giardino Alpino di Pietra Corva è un posto fantastico anche e soprattutto per i bimbi, al suo interno infatti vengono svolte numerose attività didattico-educative

Giardino Alpino di Pietra Corva

Camminando all’interno del parco scoprirete che ospita circa 1200 specie che sono state suddivise in diversi settori a seconda della provenienza geografica, delle caratteristiche ecologiche e ambientali del tipo di collezione di cui fanno parte. L’ambiente è davvero piacevole, sono stati riprodotti anche gli stagni alpini per dare modo alle specie che trovano qua il loro habitat di svilupparsi e crescere, potete anche decidere di intraprendere uno dei due sentieri che vi porteranno nella faggeta spontanea o all’interno del bosco misto, io vi consiglio una bella passeggiata tra gli alberi, è rigenerante!

Potete anche decidere di prenotare una visita guidata, gratuita, in modo da godere appieno di tutte le curiosità e degli insegnamenti che questo parco ha da offrire grazie ad una guida qualificata. Il Giardino Alpino di Pietra Corva è un posto fantastico anche e soprattutto per i bimbi, al suo interno infatti vengono svolte attività didattico – educative proprio dedicate ai più piccoli perché possano avvicinarsi divertendosi al mondo meraviglioso che popola il giardino. La cosa bella di questo parco è che al di là ai sentieri dedicati, alle piante col cartellino ed ai quadri esplicativi, la natura è lasciata libera di crescere senza limiti, ed ecco allora che durante una delle vostre soste troverete vicino alla panchina che vi ospita i ciclamini nati spontaneamente. Vi consiglio vivamente questo parco, immergersi nella natura è sempre piacevole e qua potrete scoprire tantissime varietà di piante da ogni parte del mondo che altrimenti vi sarebbero sconosciute.

                                                                                                                                                                            Sara Manelli

Articoli correlati

Limone Piemonte
Limone Piemonte
Limone Piemonte è una meta turistica importante per chi ama fare escursioni, passeggiate nella natura e praticare sport invernali
Campigna
Campigna
Benvenuti in un piccolo pezzo di paradiso, benvenuti in Campigna
Santa Sofia
Santa Sofia
Foto di drs1ump
Santa Sofia, una piccola cittadina dalle grandi meraviglie
Bagno di Romagna
Bagno di Romagna
Foto di Luigi Rosa
A Bagno di Romagna alla scoperta della natura attraverso i ritmi lenti della tradizione
Pennabilli
Pennabilli
Terra d'amore, di poesia, di sapori e pensieri dimenticati
Falcade
Falcade
Falcade, caratteristico paese di montagna, cullato dolcemente dalla valle del Buois, circondato da importanti ed incontaminate vette dolom..

Cosa mangiare a Pavia Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Spongarda
Specialità cremasca variante del "pane dolce". Nell'impasto troviamo miele, nocciole, cedro candito, uva sultanina e spezie.
guarda
Valigini
Fagottini di foglie di verza appena sbollettate con un ripieno di trito di pollo e patate e cotti su un fondo di olio, burro e cipolla con salsa di pomodoro.
guarda
Risotto alla milanese
Classico primo della cucina milanese, il famoso risotto è preparato con l’aggiunta di midollo di bue e zafferano che lo differenziano da tutti gli altri.
guarda
Ossobuco alla milanese
Ossibuchi della zampa di vitello infarinati e passati in padella con olio e burro e poi cotti con salsa di pomodoro.
guarda
Gorgonzola
Formaggio fresco erborinato prodotto con latte di vacca la cui particolarità risiede nelle muffe che ne determinano il sapore che può essere dolce o piccante.
guarda
Polenta taragna
Polenta fatta con farina di grano saraceno e di farina di mais che una volta cotta va aggiunto burro e formaggio.
guarda
Pizzoccheri della Va..
I pizzoccheri alla Valtellinese sono il piatto simbolo della cucina tradizionale Valtellinese e sono realizzati con farina di grano saraceno.
guarda
Cassoeula
È un piatto invernale tipico composto da uno stufato di verze e carni di maiale (salsiccia, puntine, piedini e cotica).
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK