Weekend a Comacchio

Una "piccola Venezia" che sa affascinare, incuriosire e rilassare

Comacchio

Comacchio è definita la “piccola Venezia” ed è una città lagunare formata da 13 isolette in grado di incantare gli occhi e il cuore, sia di chi ci vive che di chi la visita. Questa è decisamente una meta che si adatta particolarmente alle esigenze delle famiglie ma anche a gruppi di amici o più semplicemente a chi vuole prendersi qualche giorno di relax. Poco conosciuta, ma una perla davvero impagabile, Comacchio vanta un record,  quello di possedere il loggiato più lungo d’Italia, con i suoi 143 archi ed altrettante colonne in marmo

Fatto edificare nel lontano 1647 (poi ricostruito nel corso del tempo in seguito ad un terremoto) dal Cardinale  Stefano Donighi, collegava la Chiesa di San Carlo ed il santuario dedicato all’immagine di Santa Maria in Aula Regia.

In questo percorso ci si imbatte anche nella Manifattura dei Marinati, un’antica struttura rimessa a nuovo e attualmente in funzione in cui viene effettuata la preparazione delle tipiche anguille e acquadelle: una vera e propria fabbrica di lavorazione del pesce con una splendida “Sala dei Fuochi” in cui è possibile vedere ben 12 camini in cui vengono cucinate le anguille marinate delle Valli di Comacchio, un piatto tipico riconosciuto anche da un marchio importante come Slow Food.

Tornando alla piccola cittadina da poco meno di 23 mila anime e alla sua vocazione quasi esclusivamente marittima, una visita doverosa va fatta all’Antica Pescheria, un edificio del 1600 oggi adibito a mercato giornaliero dei prodotti pescati.  Sempre a proposito di pesca e di navi è possibile vedere, al Museo Civico della Nave Romana, un singolare reperto di origine augustea: una imbarcazione che alla sua epoca si è arenata a poca distanza dalla cittadina e lì è rimasta per secoli, fino ad essere recuperata, nel 1980 durante le opere di scavo di un canale a Valle Ponti, e oggi messa in mostra per i visitatori del museo.

Secondo quanto appurato da Alberto Angela, la nave oggi in esposizione non era un mercantile ma un mezzo utilizzato per rifornire i legionari. A bordo sono stati trovati alcuni reperti in cuoio tra cui una “sarcina” ossia una sacca utilizzata proprio dai legionari per contenere gli effetti personali, ma sempre sull’imbarcazione sono spuntati anche un gladio e un pugnale che fanno pensare alla presenza di un ufficiale romano, ma oltre a ciò è stato rinvenuto anche il sandalo femminile…Che ci fosse una donna a bordo? Gli studiosi sono ancora oggi al lavoro per trovare una spiegazione a questo rompicapo.

 

Comacchio è una terra di persone veraci, scorci mozzafiato e splendida cornice di un film con Sofia Loren

Comacchio
Foto di Luca Sartoni

Le luci che si spandono e rifrangono sugli specchi d’acqua trasformano Comacchio in un dipinto vivente. Si respira in questa piccola cittadina un’atmosfera d’altri tempi, specie al tramonto quando il cielo si colora di gradazioni indescrivibili e si moltiplicano rifrangendosi sulle placide acque dei canali.

A proposito di acque un fine settimana di relax o comunque in famiglia non può considerarsi concluso senza un’escursione in barca o in bicicletta per scoprire i segreti della valle, la sua storia, la quotidianità, ma anche un ambiente ricco di vita. A circondare Comacchio, infatti, c’è il Parco del Delta del Po, zona umida conosciuta e valorizzata in tutta Europa che accoglie una biodiversità incredibile, un paradiso per tantissime specie di uccelli e di vegetazione in grado di mozzare letteralmente il fiato. A bordo delle motonavi, o in sella alla propria bici, tappa fissa per godere a pieno questo territorio in cui ambiente e presenza dell’uomo convivono in perfetto equilibrio, sono proprio i canali che collegano le isolette l’una all’altra.

Percorrendo i corsi d’acqua, di naviglio in naviglio, lo sguardo si posa sui “trepponti”, vero e proprio simbolo della città edificato nel 1638, una volta porta d’ingresso fortificata per quanti giungevano dall’Adriatico, oggi fa da crocevia di quattro canali che a loro volta si articolano in tante diramazioni avvolgendo la città.

Di certo la cosa che più colpisce di questa zona è la pace, la tranquillità, ma soprattutto la gentilezza degli abitanti del luogo, veraci e capaci di accogliere i visitatori a braccia aperte ed orgogliosi di raccontare la storia delle proprie radici, narrazioni ricche di particolari e suggestioni.

Sono posti talmente meravigliosi che il maestro Mario Soldati diresse proprio in queste zone il film “La donna del fiume” (1955), splendidamente interpretato da Sofia Loren.

Il film appena uscito ebbe un successo trionfale, tanto da essere annoverato tra i capolavori del cinema italiano per poi, col tempo e come spesso accade, essere dimenticato. Questa pellicola ha dato occasione proprio alla Loren di consacrarsi come star del cinema e farsi conoscere anche ad Hollywood.

Articoli correlati

Collodi, il paese di Pinocchio, immerso tra gli ulivi
Pescia
Foto di antieroe.g
Piccola, ma tutta da scoprire, Pescia può rivelarsi una meta ideale per chi vuole coniugare cultura e tradizione con un week end piacevol..
Villa Buona, un piccolo villaggio vicino a Pescaglia
Pescaglia
Cullata dalla brezza di tre splendide vallate, Pescaglia è un piccolo gioiello toscano abbracciato dalle ridenti campagne lucchesi e dall..
Chiesa di San Giusto, Procari
Porcari
Foto di Wikipedia
Cartolina tipica della campagna lucchese, Porcari può essere una splendida meta per chi sta cercando un week end rilassato in compagnia d..
Panorama diVilla Basilica
Villa Basilica
Foto di Wikipedia
Nel cuore della campagna lucchese, una cittadina dove la tradizione e il divertimento formano una magnifica osmosi.
Piazza Duomo Trento
Trento
Riscopri il fascino di Trento con tutta la famiglia
Carpi
Carpi
Carpi, una città dal cuore grande come la sua piazza

Cosa mangiare a Comacchio Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Zampone
Prodotto con un impasto di carni suine, avvolto dall'involucro formato dalla zampa di un maiale e dopo averlo lessato si gusta da solo o con lenticchie.
guarda
Zuppa di anguille
Tipico piatto di Comacchio dove le anguille si preparano con cipolla, odori, pomodori, scorza di limone e aceto.
guarda
Tagliatelle al ragù
Si deve fare rosolare nel burro la carne di vitello tritata, prosciutto, carota, sedano, cipolla, pomodori e facendo cuocere il sugo che condirà le tagliatelle preparate in casa.
guarda
Lasagne alla bolognese
Famoso in tutto il mondo. Preparato con sfoglia all’uovo rettangolari poste in una pirofila alternando strati di ragù, besciamella e Parmigiano Reggiano grattugiato e cotte al forno.
guarda
Squacquerone
E’ un formaggio fresco e cremoso di colore bianco caratteristico Romagnolo, oggi diffuso non solo in Emilia Romagna . Si usa metterlo sulle piadine.
guarda
Tortellini in brodo
Piatto tipico emiliano e composti da sfoglia ripiena di carne, prosciutto, mortadella, uova, parmigiano e aromi e poi cotti nel brodo.
guarda
Piadina
Semplice impasto di farina, strutto e sale trasformato in un disco cotto su un piano di pietra e servito guarnito di prosciutto e squaquarone
guarda
Anolini
Gli anolini parmensi sono un composto di mollica, parmigiano, uova e spezie. Generalmente si servono in brodo.
guarda