Weekend alle Grotte di Onferno

Weekend all’interno della Riserva Naturale Orientata di Onferno nell’entroterra Riminese

Grotte di Onferno

Inserite all’interno della Riserva Naturale Orientata di Onferno nell’entroterra Riminese, si trovano le Grotte di Onferno di natura gessosa selenitica che rappresentano un carsico complesso di notevole valore. La loro scoperta risale agli inizi del Novecento quando un speleologo ha esplorato compiutamente il sito che si chiama Onferno, nome che dal 1810 ha preso il posto dell’antico ‘Infernum’, già conosciuto in passato e che è sede di un complesso di antri che si sviluppano per circa 850 metri nelle viscere della Val Conca. La loro visita inizia con la discesa all’interno del bosco di un sentiero che discende per circa cento metri di dislivello e alla fine del quale si incontra l’accesso al canyon sotterraneo dove incomincia la visita ai vari ambienti.

Si percorre, insieme alla guida, il canale principale scavato dall’acqua nel corso dei millenni dai quali emergono cristalli di gesso, soffitti lisci e cesellati dall’antico passaggio del torrente, concrezioni calcaree e strettoie che danno accesso a diverse sale che, grazie a più ingressi, risultano ben arieggiate e ventilate.

Quella più spettacolare è la Sala Quarina, o dei Mammelloni dove grandi protuberanze gessose sporgono dal soffitto risultando tra le più grandi finora mai scoperte in Europa.

Weekend ad Onferno non significa solo visita alle grotte, ma anche escursioni in natura ed altre iniziative

Riserva naturale orientata di Onferno

Le Grotte dell’Onferno, sono dominate dalla presenza di oltre seimila pipistrelli di ben sei specie differenti, che qui  hanno trovato un perfetto habitat per eleggere il loro domicilio e che popolano tutti gli ambienti delle grotte.

Le Grotte - probabilmente note anche ad Alighieri che si dice abbia da queste preso spunto per il suo Inferno della Divina Commedia- sono facilmente visitabili anche da bambini. Per tutti si suggeriscono scarpe da trekking (il percorso è scivoloso) e un golfino (anche in agosto è comunque freddino) mentre l’organizzazione mette a disposizione per tutti, un caschetto con relativa luce.

Nessun problema per quanto riguarda la colonia di pipistrelli che durante l’orario di visita resta a dormire appesa alle pareti ma laddove fosse svegliata ed iniziasse a volare, non aggredirebbe nessun visitatore.

Aldo Galvagno

Articoli correlati

Grotte di Su Mannau
Grotta di su Mannau
Foto di caprowsky
La grotta di Su Mannau e’ un complesso carsico assai esteso che si sviluppa nel Calcari cambriani del Fluminese.
Grotte di Bossea
Grotte di Bossea
Weekend in una tra le più ricche ed importanti grotte d'Italia per via della grande varietà di concrezioni e la vastità di ambienti ric..
Grotta della Zinzulusa, Salento
Grotta Zinzulusa
Weekend in uno dei maggiori fenomeni carsici di tutto il Salento
Grotte di Nettuno, Sardegna
Grotte di Nettuno
A pochi chilometri da Alghero si trovano le bellissime Grotte di Nettuno, una delle più grandi attrazioni turistiche della Sardegna
Castellana Grotte
Grotte di Castellana
Foto di Giovy
Le Grotte di Castellana sono una teoria di grotte carsiche di notevolissimo interesse turistico tra le più spettacolari in Italia.
Grotte di Pertosa-Auletta
Grotte di Pertosa Auletta
E’ stato il continuo prodigarsi della natura per oltre 35 milioni di anni quello che ha creato una magica esperienza alla portata di t..

Cosa mangiare a Rimini Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Zuppa di anguille
Tipico piatto di Comacchio dove le anguille si preparano con cipolla, odori, pomodori, scorza di limone e aceto.
guarda
Tagliatelle al ragù
Si deve fare rosolare nel burro la carne di vitello tritata, prosciutto, carota, sedano, cipolla, pomodori e facendo cuocere il sugo che condirà le tagliatelle preparate in casa.
guarda
Lasagne alla bolognese
Famoso in tutto il mondo. Preparato con sfoglia all’uovo rettangolari poste in una pirofila alternando strati di ragù, besciamella e Parmigiano Reggiano grattugiato e cotte al forno.
guarda
Anolini
Gli anolini parmensi sono un composto di mollica, parmigiano, uova e spezie. Generalmente si servono in brodo.
guarda
Tortellini in brodo
Piatto tipico emiliano e composti da sfoglia ripiena di carne, prosciutto, mortadella, uova, parmigiano e aromi e poi cotti nel brodo.
guarda
Prosciutto
Insaccato prodotto dalla coscia del maiale che viene conciata e stagionata in appositi depositi. Il più famoso per la sua dolcezza è quello di Parma.
guarda
Zampone
Prodotto con un impasto di carni suine, avvolto dall'involucro formato dalla zampa di un maiale e dopo averlo lessato si gusta da solo o con lenticchie.
guarda
Squacquerone
E’ un formaggio fresco e cremoso di colore bianco caratteristico Romagnolo, oggi diffuso non solo in Emilia Romagna . Si usa metterlo sulle piadine.
guarda