Weekend alle Grotte di Castellana

Le Grotte di Castellana sono una teoria di grotte carsiche di notevolissimo interesse turistico tra le più spettacolari in Italia.

Castellana Grotte
Foto di Giovy

Le Grotte di Castellana sono una teoria di grotte carsiche di notevolissimo interesse turistico tra le più spettacolari in Italia che si sviluppano per circa 3300 metri ed arrivano ad una profondità di oltre centoventi metri.  Il complesso sorge a pochi chilometri da Alberobello, Cisternino e Polignano e si sono formate sull’altopiano di natura calcarea nel Cretaceo superiore circa cento milioni di anni fa.

La visita alle grotte avviene in compagnia di una guida specializzata e può essere scelta tra un itinerario parziale ed uno completo. Aperte tutto l’anno, le grotte stupiscono i visitatori per la bellezza delle scenografie che si susseguono l’una all’altra con cavità, fossili, stalattiti, stalagmiti e caverne spettacolari.

L’itinerario completo prende avvio dalla Grave, ossia la prima e più vasta caverna e unico ambiente che collega le grotte con l’esterno, con 100 metri di lunghezza, 50 di larghezza ed alta 60 che è caratterizzata per la presenza di numerose stalagmiti tra i cui si distingue un poderoso gruppo battezzato ‘i ciclopi’.

Il percorso si snoda attraverso corridoi ed ambienti di varia forma e dimensione dove stalattiti, cortine, colonne, cristalli, stalagmiti riempiono la vista dello spettatore.

Grotte di castellana, stalattiti e stalagmiti
Foto di vvigilante

Il percorso si snoda attraverso corridoi ed ambienti di varia forma e dimensione dove stalattiti, cortine, colonne, cristalli, stalagmiti riempiono la vista dello spettatore che ne conoscerà i nomi –tutti ovviamente di fantasia- che sono stati attribuiti ai vari ambienti dai primi esploratori. Quindi si conoscerà la Lupa romana, svariati Monumenti, la Civetta, la Madonnina, il Serpente, l’Altare, il Precipizio, il Corridoio del deserto, la Colonna rovesciata, il Corridoio Rosso, la Cupola fino ad arrivare alla più bella caverna di tutte le grotte, ossia la Grotta Bianca, così nominata per la ricchezza del suo alabastro che la riempie in mille forme.

La visita parziale alle Grotte parte dalla Grave, la prima e più ampia caverna per poi proseguire attraverso camminamenti dal fascino senza tempo. Formazioni carsiche dalle più bizzarre forme danno vita a veri e propri miti:  Lupa romana,  Cammello, la Calza, la Civetta, dove si trovano colonne che hanno preso vita nei millenni, attraverso la congiunzione di stalattiti e stalagmiti formando così  canyon che si sfiorano a 70 metri  di altezza di pareti che raccontano gli strati delle ere geologiche.

Imperdibile una escursione alla vicina Alberobello per conoscere i trulli, famosi in tutto il mondo per la loro caratteristica forma a cono.

Aldo Galvagno

Articoli correlati

Grotte di Pertosa-Auletta
Grotte di Pertosa Auletta
E’ stato il continuo prodigarsi della natura per oltre 35 milioni di anni quello che ha creato una magica esperienza alla portata di t..
Grotta della Zinzulusa, Salento
Grotta Zinzulusa
Weekend in uno dei maggiori fenomeni carsici di tutto il Salento
Sala della Cascata, Grotte di Stiffe
Grotte di Stiffe
Nel cuore dell'Abruzzo, si trova il complesso di grotte carsiche che sono state battezzate Grotte di Stiffe.
Grotte di Su Mannau
Grotta di su Mannau
Foto di caprowsky
La grotta di Su Mannau e’ un complesso carsico assai esteso che si sviluppa nel Calcari cambriani del Fluminese.
Grotte di Pastena
Grotte di Pastena
Foto di dress1960
Un incredibile weekend tra paesaggi sotterranei pittoreschi all'interno della catena dei Monti Ausoni
Grotte di Onferno
Grotte di Onferno
Weekend all’interno della Riserva Naturale Orientata di Onferno nell’entroterra Riminese

Cosa mangiare a Bari Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Scapece
Antico piatto di tradizione marinara a base di pupiddi, piccolissimi pesciolini marinati in aceto, mollica di pane e zafferano.
guarda
Cozze tarantine
Allevate nel mar Piccolo di Taranto non molto grandi ma "piene". Deliziose se gustate "raganate", lessate, pepate, nella zuppa, con gli spaghetti o con il riso.
guarda
Pane di Altamura
Preparato con impiego di semole rimacinate di varietà di grano duro coltivato nei territori dei comuni della Murgia, è un pane casareccio DOP cotto esclusivamente nei forni a legna.
guarda
Frisedda
Ciambella di farina bianca o integrale, cotta al forno e poi tagliata in due e di nuovo cotta nel forno, quindi inzuppata nell'acqua e condita con sale, olio, pepe, pomodoro e cipolla.
guarda
Ricci di Savelletri
Ricci di mare da mangiare crudi con succo di limone oppure con pasta saltata aglio olio e peperoncino.
guarda
Puccia
Vero e proprio panino fatto al forno a legna, ma più saporito e morbido, arricchito da molte olive nere all’interno.
guarda
Casseruola di polipe..
Trattasi di un ragù a base di olio, cipolla, vino bianco, salsa, prezzemolo e pepe.
guarda
Schiuma di mare
Semplice antipasto composto da alici piccole e tenere, sono da gustare crude, con un po’ di limone.
guarda