Weekend all'Isola di Salina

L'isola di Salina non si limita solo al mare, ma offre anche un interessante e meravigliosa Riserva Naturale fatta di sentieri affogati nel verde

Isola di Salina

Appartenente all’arcipelago delle Eolie in Sicila, è la seconda isola per estensione dopo Lipari. La morfologia dice che l’isola è composta da sei antichi vulcani e che l’isola era abitata sin dall’epoca del bronzo. Testimonianze archeologiche in tal senso si possono ritrovare nell’insediamento risalente al IV secolo a.C. mentre, attorno al VII secolo, Salina fu uno dei centri più popolati anche grazie all’estrazione del sale che in questo posto avveniva.

Ricca di acqua, presenta una vegetazione coltivata a uva con la quale si ricava una pregevole ‘Malvasia delle Lipari’, vino amabile e saporito che, insieme ai famosi capperi esportati in tutto il mondo, accompagna l’economia degli abitanti che sfruttano anche la stagione turistica. Parco Regionale istituito nel 1980 per la conservazione e la protezione dell’habitat naturalistico, Salina offre un mare immacolato che da oltre sette anni si fregia del prestigioso titolo di bandiera Blu; trofeo che lo sta guadagnando da oltre sette anni a testimonianza di quanto sia attenta la tutela del mare che presenta acque cristalline a disposizione di entusiasti bagnanti.

Ma Salina non si limita al mare, per quanto trattasi di una isola, ma offre anche un interessante Riserva Naturale che è quella che si chiama ‘le montagne delle felci e dei porri’ e che si inerpica lungo sentieri affogati nel verde di tante piante endemiche dalle quali, spesso, si squarcia un panorama che lascia senza fiato per la sua bellezza. 

Troverete interessante effettuare escursioni archeologiche e via mare alla scoperta dei maestosi costoni che precipitano a picco sull’acqua

Riserva Naturale Orientata “Le Montagne delle Felci e dei Porri”

Gli amanti del trekking potranno cimentarsi per raggiungere i quasi mille metri del monte Fossa delle Felci, che potranno percorrere scegliendo i sentieri per gli esperti o anche quelli per i novizi. Salina prepara ogni anni, attrattive culturali che sono dedicate ai numerosi turisti in visita. Dal preistorico villaggio di Portella si narra di una Salina viva fin dalla preistoria passando attraverso testimonianze delle civiltà greche e romane, potendo visitare necropoli e resti di una sontuosa villa patrizia.

L’isola offre anche percorsi museali che trattano etnoantropologia e archeologia. I turisti troveranno interessanti effettuare escursioni archeologiche a Portella, per conoscere l’età del Bronzo e anche a Barone per ammirare l’epoca romana ma certamente le più attraenti sono quelle effettuate via mare alla scoperta dei maestosi costoni che precipitano a picco sull’acqua e andare alla ricerca di placide calette dove fare un bagno riposante per una vacanza davvero indimenticabile.

Olga Lo Presti

Articoli correlati

Golfo di Follonica al tramonto
Follonica
Tra mare e ottimi vini
Santuario Santa Maria De Finibus Terrae Leuca
Santa Maria di Leuca
Weekend a Santa Maria di Leuca tra un tuffo nel blu e ottimo pesce
Sirolo, la spiaggia incontaminata
Sirolo
Foto di Fotoperhobby
Un weekend nel gioiello della Riviera del Conero
Particolare di Porto Cervo
Porto Cervo
Meta ambita da ogni persona, splende sia d’inverno che d’estate.
Numana
Numana
Foto di Federico
Fine settimana a Numana, tra panorami mozzafiato e spiagge incantevoli.
Mare di Senigallia al tramonto
Senigallia
Senigallia e la Rotonda sul mare

Cosa mangiare a Messina Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Caponata
Melanzane ed altre verdure cucinate in padella e ripassate con pinoli, sedano, cipolle, olive e capperi con l’aggiunta di una salsa agrodolce.
guarda
Pasta alla Norma
Gustosa ricetta per condire maccheroni con melanzane fritte, alloro e pomodoro su cui si grattugia pecorino stagionato.
guarda
Cassata alla Siciliana
La cassata siciliana è il must dei dolci siciliani conosciuto in tutto il mondo. Un vero tripudio per tutti i golosi.
guarda
Frutta candita
La storia narra che questo tipico dolce nasce nel convento della Martorana per sostituire i frutti colti dagli alberi con un impasto di farina di mandorle e zucchero .
guarda
Pasta con le sarde
Sarde, pasta e finocchietto. Primo da mangiare da marzo a settembre quando è possibile la pesca di questo pesce.
guarda
Granita e brioche
E’ la colazione tipica dei siciliani, specie nelle zone costiere in estate. Oltre alla frutta c'è la granita di pistacchio, di cacao, di caffè e di mandorla.
guarda
Cannolo Siciliano
I cannoli sono una delle specialità più conosciute della pasticceria dell’isola ed è preparato con una cialda di pasta precedentemente fritta e un ripieno a base di ricotta di pecora..
guarda
Arancini
Salame tritato e riso, il tutto ricoperto da impanatura per le arancine, da assaggiare in tutte le rosticcerie e nei mercati della Sicilia.
guarda