Dormire a Gaeta spendendo poco

Per vivere in modo informale la propria vacanza a Gaeta una sistemazione economica è decisamente la scelta migliore

Il Quartuccio

Splendida località adagiata sul mare a cavallo tra Napoli e Roma, Gaeta si riempie di turisti soprattutto d’estate, essendo tra le località balneari più prestigiose presenti nel Lazio. Per questa ragione, in molti preferiscono soggiornare in un delizioso Bed & Breakfast oppure affittare un appartamento: in questo modo si troveranno il vantaggio di un notevole risparmio economico rispetto ad un albergo e, soprattutto, il vivere in modo informale la propria vacanza.

Il proprietario del B&B oppure dell’appartamento affittato, oltre a suggerirvi i posti dove andare potrà anche narrarvi che le origini di questa cittadina, sono così antiche da perdersi nel buio di un remoto passato che conduce all’epoca della cacciata dei Pelasgi da parte dei Sabini  che li costrinsero ad emigrare fino al litorale laziale tra Fondi e Terracina per fondare Amicle (l’odierna Sperlonga) e che già c’erano tracce che portavano a Gaeta che doveva già esistere mille anni prima dell’era volgare. E’ nota la leggenda che vede Ulisse transitare proprio qui già dodici secoli avanti Cristo, come si evince dalla storia della maga Circe. Le storie fantasiose e no, si intrecciano come quella di Diodoro Siciliano che riporta la notizia che a dare il nome Gaeta  furono gli Argonauti, mentre Silio Italico afferma che fu il popolo dei Lestrigoti a battezzare la cittadina. Su tutte le ipotesi tracciate, però, la più credibile è quella di Strabone secondo il quale furono i greci che, rifugiandosi in questo naturale porto per proteggersi in caso di tempeste, lo avrebbero soprannominato Kaietas che, in greco antico, significa ‘curvatura’, appropriata data la configurazione della sua costa poi trasformatosi in Gaeta.

E' possibile mangiare con pochi euro anche a Gaeta se si decide di assaporare lo Street Food

'Mare fritto...isole comprese’

E' possibile mangiare con pochi euro anche a Gaeta se si decide di assaporare lo Street Food. Vi diciamo dove trovare una favolosa frittura mista di pesce: da 'Mare fritto...isole comprese' che si trova in piazza del Pesce. Se invece volete degustare una saporita tiella di polpo, dovete recarvi a via Bausan dalla 'Pizzeria del Porto'.

Articoli correlati

La Bouganville
Gaeta
Recensione dei bed and breakfast di Gaeta più romantici e ricchi di fascino, ideali per una fuga d'amore del week end.
guarda
Trasparenze DiVino
Gaeta
Per trascorrere una serata indimenticabile a Gaeta ecco un piccolo elenco dei suoi ristoranti più romantici
guarda
Gaeta
Gaeta
Gaeta è bella da levare il fiato da qualunque parte la si guardi: la maestosità dei suoi castelli e la spiaggia di sabbia bianca e fine ..
guarda
Ad Ischia Bed&Breakfast o un appartamento in affitto economico rappresentano una più che valida soluzione per tutti coloro che desiderano..
Bergamo SottoSopra
Bergamo
Soggiornare a Bergamo sistemandosi all’interno di un moderno ed economico B&B che sia in centro, è la soluzione più idonea per poterl..
Bed and breakfast Panorama
Alghero
Risparmiare ad Alghero sui costi del soggiorno è possibile se ci si rivolge all’offerta delle camere in affitto o di un economico Bed&..

Cosa visitare nei dintorni di Gaeta Per chi ama viaggiare

Clicca qui per attivare la mappa

Cosa mangiare a Latina Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Coda alla vaccinara
Piatto popolano che si prepara con la coda di vaccina che viene cotta in un sugo di pomodoro, carota, cipolla, sedano, pinoli, uva sultanina e con una spolverata di cacao amaro.
guarda
Saltimbocca alla rom..
Fettine di vitello sopra le quali va posizionata una fetta di prosciutto e una foglia di salvia, poi arrotolate e sigillate con un stuzzicadenti. Cotte con burro e irrorate di vino bianco.
guarda
Abbacchio alla scott..
Piatto della tradizione romana è fatto al forno con le patate. E' un agnellino da latte e può essere cucinato alla cacciatora con aglio, rosmarino, acciuga, peperoncino e vino bianco.
guarda
Bignè fritti di San..
Queste paste sono i classici bignè che anziché essere cotti al forno vengono fritti in abbondante olio, riempiti di deliziosa crema pasticcera e imbiancati con zucchero a velo.
guarda
Bucatini all’Amatr..
Nata ad Amatrice era un piatto povero preparato dai pastori che utilizzavano solo quello che avevano: la pasta, il guanciale, il pecorino, il pepe nero, lo strutto e qualche pomodoro maturo.
guarda
Porchetta di Ariccia
La porchetta viene cotta alla brace dopo che sia stata aromatizzata con sale, pepe e tantissime erbe. Dopo una lunga cottura viene servita fredda.
guarda
Gnocchi alla romana
Si preparano con il semolino anziché con le patate e vengono cotti nel latte dopo averli spolverati con formaggio e tuorli d’uovo prima di essere gratinati al forno con burro e parmigiano
guarda
Minestra di Broccoli..
Primo piatto di una povera (a quei tempi) cucina che si compone con broccolo romanesco a pezzi e arzilla, ossia il pesce razza. Un sapore d’altri tempi.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK