Weekend a Poppi

Venite a visitare il meraviglioso Parco Zoo della Fauna Europea che si trova a Poppi e non perdete l’occasione di recarvi al meraviglioso Castello dei Conti Guidi

 Castello di Poppi

Chi ha modo di visitare il meraviglioso Parco Zoo della Fauna Europea che si trova a Poppi, uno dei pochi al mondo dove si può guardare negli occhi una lince, vedere il timidissimo tasso ed ammirare lupi e rapaci, non può perdere l’occasione di recarsi al Castello dei Conti Guidi. Qui leggenda narra che alla metà del XIII secolo,  Matelda, detta anche Telda, era una bellissima donna che fu costretta a sposarsi con l’erede dei Guidi, un uomo avanti con gli anni che Telda iniziò a tradire per saziare le sue inappagate voglie, con giovani robusti che rimediava, guardando dall’alto della torre ed invitandoli a salire da lei.

Soprattutto viandanti e menestrelli che non avrebbero destato sospetto laddove scomparsi, furono le sue vittime. Telda infatti, abusava di loro per soddisfarsi e poi, dopo una notte di passione trascorsa nella torre, non potendo correre il rischio di qualcuno che chiacchierasse circa l’accaduto, li invitava ad uscire attraverso un passaggio segreto con la scusa di non essere visti.   

In certe notti, il bellissimo fantasma di una donna si aggira tra i camminamenti del castello alla ricerca di giovani uomini

Castello di Poppi

In realtà il passaggio segreto null’altro era che un percorso pieno di trappole mortali che si aprivano al passaggio dei malcapitati che cadevano nel vuoto, morendo e sparendo nel contempo. Ma a lungo andare, le tante sparizioni non passarono inosservata ed il popolo di Poppi in un momento in cui il conte marito di Matelda era assente insieme alla sua guarnigione, assaltarono il castello e presero la perfida donna che rinchiusero dentro la torre senza ne acqua ne cibo.

Telda non uscì viva, morendo pochi giorni dopo ma da allora, quel luogo prese il nome di Torre del Diavolo. In certe notti, il bellissimo fantasma si aggira tra i camminamenti del castello alla ricerca di giovani uomini con i quali saziare ancora la sua passione.

Articoli correlati

Riccione
Riccione
Foto di Sarahhoa
Riccione la Perla verde dell'Adriatico, un paradiso per giovani e famiglie
Gatteo
Gatteo
Foto di Alex Tony
Gatteo, una weekend di divertimento ma anche di relax
Gropparello
Gropparello
Un tuffo nel passato al Castello di Gropparello
Alla scoperta dei vini, delle pentole e dell'automobile per un divertente weekend con i bambini a Rozzano
Pennabilli
Pennabilli
Terra d'amore, di poesia, di sapori e pensieri dimenticati
Chiesa Prepositurale dei SS. Pietro e Paolo di Lissone
Lissone
Foto di Francescogb
Lissone, come trascorrere un week end culturale con i bambini tra musei e workshop

Cosa visitare nei dintorni di Poppi Per chi ama viaggiare

Clicca qui per attivare la mappa

Cosa mangiare a Arezzo Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Tortelli di patate
Grandi e di forma quadrata hanno un ripieno molto semplice e gustoso, composto da un impasto di patate lesse passate, parmigiano, noce moscata e sale. (Massa e Carrara)
guarda
Panforte
Dolce realizzato con mandorle e un composto di miele e spezie. Lo stampo è rivestito di ostia e, una volta freddo, viene sommerso da una coltre di candido zucchero a velo. (Siena)
guarda
Cecina
Torta salata molto bassa, preparata con farina di ceci, acqua, sale e olio extravergine di oliva. Si cuoce in forno a legna, in teglia, e assume con la cottura un vivace colore dorato. (Pi..
guarda
Biscotti di Prato
Sono biscotti secchi alle mandorle, ottenuti tagliando a fette il filoncino di pasta ancora caldo.
guarda
Bistecca
Taglio alto di carne di vitellone o di scottona, comprensivo dell'osso, da cuocersi al sangue sulla brace o sulla griglia. (Firenze)
guarda
Schiaccia alla pala
Grande schiacciata realizzata con la pasta del pane. Di colore giallo intenso e brunito, dopo la cottura viene cosparsa di sale e di olio extravergine di oliva. (Grosseto)
guarda
Ribollita
Piatto che deriva dalla tipica zuppa di pane raffermo e verdure della Toscana, specialmente cavolo nero e fagioli. (Arezzo)
guarda
Brigidini
Cialde color giallo-arancio molto friabili e abbastanza grandi. Composte da zucchero, farina, uova ed essenza liquida di anice (nelle ricette tradizionali si utilizzano i semi). (Pistoia)
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK