Weekend alle Grotte di Bossea

Weekend in una tra le più ricche ed importanti grotte d'Italia per via della grande varietà di concrezioni e la vastità di ambienti ricchi di acque e laghetti sotterranei

Grotte di Bossea

E’ nel Piemontese territorio di Frabosa Soprana che si trova un grande sistema carsico che si è originato all’interno dello spartiacque Maudagna-Corsaglia, ad 836 metri di altezza e che ha dato modo di creare la Grotta di Bossea, una tra le più ricche ed importanti per via della grande varietà di concrezioni e la vastità di ambienti ricchi di acque e laghetti sotterranei che originano aspetti suggestivi.  

Infatti, gli effetti scenografici che sono possibili ammirare in questa grotta, sono notevoli e implicano le imponenti dimensioni, le vertiginose altezze delle pareti a strapiombo, i soffitti intagliati a spigolo vivo, i dirupi e gli anfratti ed i macigni precipitati dall’alto della volta.  All’aspetto predominante di questa ambientazione va aggiunto un ricco concrezionamento di origine calcarea che ha formato con il passare dei millenni, colate imponenti, significative colonne, enormi stalagmiti e stalattiti, panneggi di grande rilievo.

La grotta, la cui prima esplorazione risale al 1850, è stata attrezzata ed illuminata per consentire le visite turistiche su di un percorso di oltre due chilometri e con un dislivello di duecento metri nel quale si avrà modo di osservare il torrente  sotterraneo che forma cascatelle, laghetti, rapide o semplicemente scorre placido tra sponde rocciose e pittoresche dove si aprono concrezione e copiose percolazioni che creano giochi d’acqua attraverso rivoli, spruzzi, fontanelle.

Gli effetti scenografici che si possono ammirare in questa grotta sono davvero notevoli

Grotte di Bossea
Foto di Pietro Izzo

Nel grande  Salone del Tempio, è esposto uno scheletro completo di un ursus speleo che visse nelle grotte del cuneese fino a 15.000 anni fa e che ora riceve i visitatori. Sin dalle prime esplorazione la grotta ha presentato accumuli ossei di questo plantigrado vissuto nell’Era Quaternaria e qui presente tra gli 80mila e i 12mila anni fa quando gli orsi spelei ci trascorrevano il letargo invernale. 

La visita ha una durata di circa 100 minuti e si snoda all’interno del percorso storico recentemente implementato da nuovi itinerari per una lunghezza di circa 3 chilometri ed un dislivello di oltre centodieci metri duranti i quali si tratteranno argomenti relativi alla genesi del sistema carsico e della sua architettura, del popolamento biologico all’interno della grotta, dei resti dell’Ursus Spelaeus e dei primati di Bossea.

All’interno della grotta è sito un laboratorio carsologico del dipartimento del Politecnico di Torino che insieme ad altre collaborazioni studia le circolazioni idriche nelle rocce carbonati e l’organizzazione e l’evoluzione degli acquiferi carsici.

Aldo Galvagno

Articoli correlati

Grotte di Onferno
Grotte di Onferno
Weekend all’interno della Riserva Naturale Orientata di Onferno nell’entroterra Riminese
Grotte di Nettuno, Sardegna
Grotte di Nettuno
A pochi chilometri da Alghero si trovano le bellissime Grotte di Nettuno, una delle più grandi attrazioni turistiche della Sardegna
Grotte di Su Mannau
Grotta di su Mannau
Foto di caprowsky
La grotta di Su Mannau e’ un complesso carsico assai esteso che si sviluppa nel Calcari cambriani del Fluminese.
Grotta della Zinzulusa, Salento
Grotta Zinzulusa
Weekend in uno dei maggiori fenomeni carsici di tutto il Salento
Castellana Grotte
Grotte di Castellana
Foto di Giovy
Le Grotte di Castellana sono una teoria di grotte carsiche di notevolissimo interesse turistico tra le più spettacolari in Italia.
Grotte di Pertosa-Auletta
Grotte di Pertosa Auletta
E’ stato il continuo prodigarsi della natura per oltre 35 milioni di anni quello che ha creato una magica esperienza alla portata di t..

Cosa mangiare a Cuneo Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Brasato al Barolo
Il brasato al Barolo è un piatto della tradizione gastronomica Piemontese molto gustoso ma altrettanto laborioso nella preparazione.
guarda
Castelmagno
Formaggio a pasta semidura ed erborinata, è utilizzato nella gastronomia piemontese per la preparazione di diversi piatti, primi fra tutti gli gnocchi.
guarda
Balote di Seirass
Polpettine dolci fatte con il Seirass una ricotta stagionata saporita che viene conservata nel fieno che le dona un sapore del tutto particolare
guarda
Barolo
Vino rosso granato con riflessi aranciati intenso e persistente con un patrimonio olfattivo eccezionalmente complesso. Uno dei più famosi vini italiani.
guarda
Fricandò
Noce di vitello speziata con i chiodi di garofano, salata e pepata a piacere e poi lasciata macerare in vino bianco e brodo.
guarda
Grissini
I grissini sono i celeberrimi filoncini di pasta di pane croccanti e allungati di origine torinese.
guarda
Bagna cauda
La bagna cauda è una preparazione a base di aglio, olio ed acciughe dissalate, il tutto ridotto a salsa mediante una paziente cottura che si mangia intingendovi vari tipi di verdure di ..
guarda
Nocciole di Alba
Nocciola IGP nocciolo coltivata in Piemonte la cui produzione è concentrata nelle province di Cuneo, Asti e Alessandria è particolarmente indicata per preparazioni dolciarie.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK