Weekend a Bronte

La città di Bronte è immersa nel verde, quasi sospesa nella vegetazione, così da regalare un effetto scenografico davvero fantastico

Bronte

Il paese di Bronte si trova in provincia di Catania e si trova sulle pendici occidentali dell’Etna, viene compreso sia dal Parco dell’Etna sia dal Parco dei Nebrodi. La bella stagione a Bronte inizia già a maggio e si estende per molti mesi fino a settembre inoltrato, non sarò difficile trovare un paio di giorni per visitare questo piccolo centro ricco di storia.

La storia di Bronte comincia col medioevo, a quel tempo infatti sul territorio odierno si potevano trovare 24 piccoli paesi che facevano capo al monastero di Maniace, fu l’imperatore Carlo V d’Asburgo che volle la città di Bronte nel 1520. Questa città ha visto passare tra le sue vie Napoleone e il suo nemico il Comandante Nelson quando fu insignito da Re Ferdinando I del titolo di Duca di Bronte.

La città di Bronte è immersa nel verde sembra quasi sospesa nella vegetazione così da regalare un effetto scenografico davvero fantastico. Da visitare assolutamente è il Castello Nelson che rappresenta il monumento più importante, la sua costruzione è di origine molto più antica della venuta di Nelson in Sicilia, risale infatti alla Regina Margherita di Navarra nel XII Secolo.

La Regina Margherita di Navarra vi soggiornò negli ultimi anni della sua vita e l’arricchì grazie alle sue ingenti finanze, una leggenda narra che l’affresco Mariano della chiesa del Castello Nelson sia stato realizzato direttamente da San Luca. Ad oggi i magazzini e le stanze interne del Castello sono abitazioni e locali adibiti a museo visitabili, qua ammirerete molti dei cimeli appartenenti al famoso ammiraglio e potrete passeggiare nel parco intorno all’edificio.

Il poeta scozzese William Sharp fu anche lui abitante del castello e la sua tomba è visitabile nel cimitero adiacente, la riconoscerete grazie alla croce in pietra lavica, totalmente nera. La via principale della cittadina di Bronte è Corso Umberto , passeggiando noterete le basole squadrate i pietra lavica che lastricano la via, prendetevi del tempo per ammirare il centro cittadino, è davvero molto tipico, fino ad arrivare a Piazza Spedalieri, la piazza più importante di Bronte.

Qui troverete il Real Collegio Capizzi il centro scolastico culturale voluto dal Sacerdote Eustachio Capizzi nel XVIII secolo per combattere l’analfabetismo della popolazione, è una struttura monumentale e merita sicuramente una fotografia.

Bronte è una delizia per gli occhi e il palato con il suo rinnomato pistacchio che è anche chiamato l’Oro Verde

Pistacchio di Bronte

Le chiese di Bronte sono tantissime, dovete vedere la chiesa di Santa Maria, annessa al Castello, quella di San Silvestro in Piazza Spedalieri e la chiesa del Sacro Cuore.

Bronte è una cittadina favolosa da visitare, ma non si può andare a Bronte e non gustarne i suoi pistacchi e provvedere a portarne un po’ con noi a casa per non dimenticarne l’aroma speciale che entra a far parte di tantissimi piatti della gastronomia locale.

Il Pistacchio di Bronte è anche chiamato l’Oro Verde e viene prodotto solo qua con oltre trentamila ettari di coltura dedicata solo a lui. Se volete assaggiare qualcosa di davvero favoloso andate all’Angolo dei Sapori, qua potrete fare una scorpacciata di tutti i prodotti dalle crema ai pesti , dalle torte ai panettoni e qualunque altra leccornia la vostra parte golosa vi suggerisca tutto a base di Pistacchio di Bronte.

Ovviamente qua potrete farvi incartare tutto e riempire la vostra travel bag di leccornie che possano alleviare la malinconia da rientro.

Sara Manelli

Articoli correlati

Bagheria
Bagheria
Bagheria, un piccolo pittoresco centro abitato in provincia di Palermo, detto anche "la città delle Ville"
Castiglione del Lago
Castiglione del Lago
Una Gita sul lago Trasimeno a Castiglione del Lago, per respirare un'aria speciale, gioiosa e piena di serenità
Castello di Belgioioso
Belgioioso
Un'indimenticabile weekend a Belgioioso per vedere il suo castello delle meraviglie
Meldola
Meldola
Foto di Agu V.
A metà strada tra gli Appennini e la costa c’è Meldola luogo strategico in epoca romana
Argenta
Argenta
Terra, acqua e tradizioni: Argenta offre una splendida occasione per vivere a contatto con la natura
Castel San Pietro Terme
Castel San Pietro Terme
Castel San Pietro Terme è la città del buon vivere

Cosa mangiare a catania Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Panelle
Le panelle sono uno dei cibi cult dello street food a Palermo. Fritte in mezzo al pane per saziare l’appetito.
guarda
Arancini
Salame tritato e riso, il tutto ricoperto da impanatura per le arancine, da assaggiare in tutte le rosticcerie e nei mercati della Sicilia.
guarda
Pasta con le sarde
Sarde, pasta e finocchietto. Primo da mangiare da marzo a settembre quando è possibile la pesca di questo pesce.
guarda
Caponata
Melanzane ed altre verdure cucinate in padella e ripassate con pinoli, sedano, cipolle, olive e capperi con l’aggiunta di una salsa agrodolce.
guarda
Pasta alla Norma
Gustosa ricetta per condire maccheroni con melanzane fritte, alloro e pomodoro su cui si grattugia pecorino stagionato.
guarda
Frutta candita
La storia narra che questo tipico dolce nasce nel convento della Martorana per sostituire i frutti colti dagli alberi con un impasto di farina di mandorle e zucchero .
guarda
Cassata alla Siciliana
La cassata siciliana è il must dei dolci siciliani conosciuto in tutto il mondo. Un vero tripudio per tutti i golosi.
guarda
Cannolo Siciliano
I cannoli sono una delle specialità più conosciute della pasticceria dell’isola ed è preparato con una cialda di pasta precedentemente fritta e un ripieno a base di ricotta di pecora..
guarda