Weekend a Montecatini Terme

Situata in una posizione altamente strategica, la cittadina di Montecatini Terme è diventata un crocevia turistico.

Monecatini Terme - Montecatini Alto

Situata in una posizione altamente strategica, la cittadina di Montecatini Terme è diventata un crocevia turistico grazie alle numerosissime strutture ricettive presenti sul territorio. Montecatini è, tuttavia, una città densa di altalenanti contraddizioni: il turista che vi si avvicina deve esserne consapevole per riuscire a sfruttare al massimo le risorse del posto e gustarsi ciò che di splendido può ancora offrire.

Arrivare e alloggiare a Montecatini Terme
La città di Montecatini Terme, nonostante le sue dimensioni molto ristrette, è dotata di ben due stazioni ferroviarie: la prima, venendo da Firenze SMN, è quella di "Moncatini Terme-Monsummano", mentre l'altra, di più recente costruzione, è quella di "Montecatini Centro". In realtà le due strutture distano, l'una dall'altra, cinque minuti a piedi.
Nonostante sia ben collegata dai mezzi pubblici, vi suggeriamo comunque di arrivare in città con l'auto in quanto, purtroppo, le stazioni e le zone ad esse limitrofe, sono luoghi poco raccomandabili durante le ore notturne.
Per ciò che concerne l'albergo, invece, state bene attenti a controllare su Internet l'effettiva qualità della struttura presso la quale avete intenzione di alloggiare: dietro a molti hotel pluristellati di Montecatini Terme si celano, in realtà, edifici vecchi con servizi non all'altezza del costo.
Fatta salva questa raccomandazione, alloggiare in città sarà certamente più comodo di quanto possiate pensare: Montecatini, infatti, offre al turista numerosi parcheggi con controllo elettronico dei posti aggiornato in tempo reale e disposti presso le zone di maggiore interesse.

Montecatini è stata per anni la sede in assoluto più sfarzosa del panorama termale italiano.

Terme Tettuccio, Montecatini Terme

Quando visitare Montecatini Terme
Etimologicamente parlando, "Montecatini" significa "Monte Catino", ovvero una città disposta sul fondo di un catino, la cui forma viene definita dalle varie colline ad essa circostanti. A causa di questa sua posizione "avallata", Montecatini può essere terribilmente calda e umida in estate. La migliore stagione in assoluto per visitarla è la primavera.

PRIMO GIORNO
Per prendere confidenza, immergetevi nel centro città: da piazza del Popolo fate visita alla Chiesa, dall'aspetto imponente, ma moderno, per poi imboccare Viale Verdi, sede del comune e di numerosi bar prestigiosi (non sempre alla portata di tutti!). In fondo al viale, sulla sinistra, il Parco delle Terme. Completamente aperto al pubblico, offre una pineta tranquilla, specie durante le prime ore del mattino e alcuni percorsi salute. Adiacente ad esso, il Tettuccio.
Montecatini è stata per anni, la sede in assoluto più sfarzosa del panorama termale italiano. La città odierna, purtroppo, ha rinnegato molto di questa sua antica tradizione. Il Tettuccio è lo stabilimento termale più imponente della città: un delicato dedalo marmoreo in stile liberty, immerso in un parco gradevole e ben curato. Potete pagare solo l'ingresso e passeggiarvi al suo interno. Lasciate, invece, perdere i servizi termali: costosi e di non altissima qualità. Nel pomeriggio, invece, dedicatevi ad un percorso "a tema", gustandovi le più belle fontane della città: le migliori in assoluto sono la Fontana Guidotti, in Piazza del Popolo e il Duetto d'Acqua dell'artista Susumu Shingo, proprio di fronte al Tettuccio.

SECONDO GIORNO
Se siete particolarmente distanti, parcheggiate la vostra auto nel parcheggio di Viale Bustichini e scendete in Viale Diaz. Sulla vostra sinistra vi trovete di fronte alla Funicolare della città. Se siete giovani e siete in forma smagliante, percorrete Via Giosuè Borsi. E' una strada molto ripida, immersa nella natura, che collega Montecatini Terme da Montecatini Alto, il vero cuore storico della città. Sebbene al giorno d'oggi Montecatini Alto sia poco più di una borgata, in  passato era una delle città fortezza più austere della Toscana. In cima alla collina troverete ancora i ruderi delle roccaforti. Dopo averla visitata (state attenti, i bar e ristoranti del posto sono abbastanza cari!) ed esservi goduti un panorama mozzafiato, chiudete la giornata in modo romantico prendendo la funicolare al ritorno (se non lo avete già fatto). Si tratta di una delle funicolari più antiche di sempre (fine dell'800!), ancora perfettamente funzionante e ben tenuta.

Mary Cafissi

Articoli correlati

Grotta Giusti, Monsummano Terme
Monsummano Terme
Meta di salute, benessere e bellezza, Monsummano Terme riesce a coniugare le comodità della vita cittadina con splendore della campagna.
Lago Di Auronzo
Auronzo di Cadore
Relax assoluto ad Auronzo di Cadore tra campeggi, passeggiate e terme
Lazise, Veneto
Lazise
Foto di fotokunde
Cittadina piccola e tranquilla che ha fatto del benessere la sua vocazione.
Il parco di Salice Terme
Salice Terme
Foto di Rosario
Un angolo vacanziero inaspettato, un weekend all'insegna del benessere e del relax in mezzo al verde.
Terme di Pré Saint Didier
Pré-Saint-Didier
Un rilassante weekend di coccole.
Il mare di Montesilvano, Pescara
Montesilvano
Foto di Andrea
Weekend alle terme al Baden Baden Centro Benessere e Day Spa a Montesilvano

Cosa mangiare a Montecatini Terme Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Buccellato
Dolce nato sulla nobilitazione del pane. Esternamente mostra un colore marrone scuro e lucido. All'interno presenta una pasta dolce e morbida ricca di uva passa e anici. (Lucca)
guarda
Schiaccia alla pala
Grande schiacciata realizzata con la pasta del pane. Di colore giallo intenso e brunito, dopo la cottura viene cosparsa di sale e di olio extravergine di oliva. (Grosseto)
guarda
Cecina
Torta salata molto bassa, preparata con farina di ceci, acqua, sale e olio extravergine di oliva. Si cuoce in forno a legna, in teglia, e assume con la cottura un vivace colore dorato. (Pi..
guarda
Tortelli di patate
Grandi e di forma quadrata hanno un ripieno molto semplice e gustoso, composto da un impasto di patate lesse passate, parmigiano, noce moscata e sale. (Massa e Carrara)
guarda
Bistecca
Taglio alto di carne di vitellone o di scottona, comprensivo dell'osso, da cuocersi al sangue sulla brace o sulla griglia. (Firenze)
guarda
Cacciucco
Piatto a base di pesce, composto da diverse qualità di pesce “povero”, in salsa di pomodoro e poi adagiato su fette di pane abbrustolito e agliato poste sul fondo del piatto. (Livorno)
guarda
Ribollita
Piatto che deriva dalla tipica zuppa di pane raffermo e verdure della Toscana, specialmente cavolo nero e fagioli. (Arezzo)
guarda
Brigidini
Cialde color giallo-arancio molto friabili e abbastanza grandi. Composte da zucchero, farina, uova ed essenza liquida di anice (nelle ricette tradizionali si utilizzano i semi). (Pistoia)
guarda