Dormire a Viterbo spendendo poco

Un soggiorno in un Bed & Breakfast economico ed ubicato al centro di Viterbo sarà la base per tutte le vostre visite alla città

B&B dei Papi Residenza d’epoca

La città dei Papi, merita ben più di un fine settimana per essere ammirata in modo completo. Adagiata nella parte meridionale del Lazio, Viterbo ha antichissime origini di epoca neolitica e successivamente etrusca che divenne  la Castrum Herculis romana. Fu nel medioevo però che la castrum assunse dei contorni importanti che lasciarono evidenti tracce in quello che è ancor oggi, il quartiere San Pellegrino dove è possibile vedere integro, il tessuto urbano di quel tempo.

Girare per la città delle cento fontane è meglio poterlo fare passeggiando senza fretta tra piazze, slarghi, viuzze dove l’uso della vettura è disagevole e non permetterebbe di apprezzare tutte le bellezze che la città offre ai visitatori. La soluzione ideale è quindi quella di prenotare un soggiorno in un Bed & Breakfast ubicato al centro che possa ritenersi la base per tutte le visite alla città che si decide di fare, seguendo un determinato programma oppure decidendo giorno per giorno cosa vedere. Il proprietario del B&B potrà raccontarvi la storia di Santa Rosa, la patrona della città conosciuta in tutto il mondo e del celebre trasporto della ‘macchina’ che agli inizi di ogni settembre, attraversa il centro storico in omaggio e venerazione della santa di Viterbo.

Oltre ad Ejelo-La Bottega di Gojo che propone un eccezionale panino imbottito con la susianella, altri alimentari e drogherie propongono varie specialità

Ejelo-La Bottega di Gojo

La casareccia alimentazione che è possibile trovare a Viterbo, mortifica (e non poco) il concetto di Street Food inteso come nuova tendenza. Oltre ad Ejelo-La Bottega di Gojo in via Annio che propone un eccezionale panino imbottito con la susianella, altri alimentari e drogherie continuano la preparazione dei classici panini con insaccati e formaggi di qualsiasi tipo. Il tutto con piena soddisfazione da parte di affamati turisti in gita che assaporano salsicce, insaccati, prosciutti, caci e pecorini che farciscono rosette e ciriole.

Articoli correlati

Duomo di San Lorenzo - Viterbo
Viterbo
Pierpaolo Pasolini definì la Tuscia viterbese, il paesaggio più bello del mondo.
guarda
Viterbo è una location perfetta per vivere una serata romantica soprattutto se si decide di passeggiare per il medioevale borgo del San P..
guarda
Axia B&B
Viterbo
Foto di Axia B&B
Recensione dei bed and breakfast di Viterbo più romantici e ricchi di fascino, ideali per una fuga d'amore del week end
guarda
Preferire un soggiorno in un centralissimo ed economico Bed & Breakfast di Siracusa consente sentirsi un vero ‘siracusano’
Casa Matilde B&B
Reggio Emilia
Per godere in modo esaustivo dell’offerta che Reggio Emilia dedica a tutti i visitatori, l’ideale è alloggiare in una sistemazione ec..
 Masseria La Rascina
Ostuni
Vivere in pieno centro ad Ostuni a contatto con la realtà dei salentini è possibile qualora si scelga di prenotare un'economico B&B dove..

Cosa mangiare a Viterbo Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Spaghetti alla carbo..
Piatto tanto semplice quanto saporito a base di guanciale a cubetti fritto in olio, con spaghetti al dente nei quali si metterà rosso d’uovo mischiato con pecorino grattugiato e pepe
guarda
Pizza di Civitavecchia
Tipico dolce dell’Alto Lazio, si prepara tutto l’anno anche se durante il periodo Pasquale è tradizione mangiarlo. Ingredienti: farina, ricotta, zucchero, pasta di pane, burro e uova.
guarda
Porchetta di Ariccia
La porchetta viene cotta alla brace dopo che sia stata aromatizzata con sale, pepe e tantissime erbe. Dopo una lunga cottura viene servita fredda.
guarda
Minestra di Broccoli..
Primo piatto di una povera (a quei tempi) cucina che si compone con broccolo romanesco a pezzi e arzilla, ossia il pesce razza. Un sapore d’altri tempi.
guarda
Bucatini all’Amatr..
Nata ad Amatrice era un piatto povero preparato dai pastori che utilizzavano solo quello che avevano: la pasta, il guanciale, il pecorino, il pepe nero, lo strutto e qualche pomodoro maturo.
guarda
Abbacchio alla scott..
Piatto della tradizione romana è fatto al forno con le patate. E' un agnellino da latte e può essere cucinato alla cacciatora con aglio, rosmarino, acciuga, peperoncino e vino bianco.
guarda
Saltimbocca alla rom..
Fettine di vitello sopra le quali va posizionata una fetta di prosciutto e una foglia di salvia, poi arrotolate e sigillate con un stuzzicadenti. Cotte con burro e irrorate di vino bianco.
guarda
Bignè fritti di San..
Queste paste sono i classici bignè che anziché essere cotti al forno vengono fritti in abbondante olio, riempiti di deliziosa crema pasticcera e imbiancati con zucchero a velo.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK