Weekend a Greccio

A 15 chilometri da Rieti si trova il Santuario Eremo di Greccio, uno dei quattro santuari voluti da San Francesco.

Santuario Eremo di Greccio

A 15 chilometri da Rieti si trova il Santuario Eremo di Greccio, uno dei quattro santuari voluti da San Francesco, insieme a quello di Fonte Colombo, al Santuario della Foresta ed al Convento di Poggio Bustone.

Il Santuario di Greccio si trova incastonato nella roccia a 665 metri di altitudine, nelle vicinanze del borgo medioevale di Greccio. La sua origine si perde nella leggenda che vuole che San Francesco lo volle costruire proprio in quel punto dopo aver fatto lanciare da un bambino un tizzone ardente che cadde proprio in quel punto dove il santo poi edificò l’eremo. Il luogo era di proprietà di Velita, un feudatario che possedeva quelle terre e che nel 1223 chiese a Francesco di riproporre una rievocazione della nascita di Gesù con personaggi viventi.

Sempre la leggenda narra che il bambinello, unico personaggio non vivente di quella prima rappresentazione, prese vita per poi tornare inanimato.

Greccio è conosciuto in tutto il mondo per aver ospitato il primo presepio voluto da San Francesco.

Il presio di San Francesco a Greccio

Da allora, il Santuario di Greccio è il luogo dove si sia realizzato il primo presepe al mondo. Il posto, circondato da boschi di querce ed elci, è molto suggestivo ed invita a passeggiare sui sentieri che conducono fino alla cime del Monte Lacerone dove San Francesco si ritirava un meditazione dentro ad una capanna. Il questo luogo venne costruita una cappella commemorativa dedicata al santo e chiamata ‘la Cappelletta’.

Merita una visita anche l’antico borgo che conserva parte della pavimentazione di un castello dell’anno mille e tre delle sei originarie torri, di cui la maggiore venne trasformata in torre campanaria nel XVII secolo al cui fianco sorge la chiesa di San Michele Arcangelo. Altra chiesa che merita di essere conosciuta è quella di S.Maria del Giglio del XV secolo che conserva un affresco dei primi del quattrocento che rappresenta la Vergine con Bambino e Angeli.

Greccio è conosciuto in tutto il mondo per aver ospitato il primo presepio voluto da San Francesco ed è gemellata con Betlemme.

Aldo Galvagno

Eremi e monasteri nei luoghi più impervi d'Italia
Il Santuario Eremo di Greccio è uno dei luoghi di culto inseriti in scenari naturali davvero suggestivi. Gli altri santuari, eremi e monasteri in Italia che impressionano particolarmetne per la loro collocazione impervia sono: la Chiesa di San Pietro a Porto Venere, il Monastero di Sabiona a Chiusa, il Santuario di San Romedio a Coredo, l'eremo di San Colombano a Trambileno, l'Eremo di Bismantova a Castelnovo ne' Monti, l'Eremo di San Bartolomeo in Legio a Roccamorice, l'Eremo di Calomini a Fabbriche di Vergemoli nella provincia di Lucca, la Sacra di San Michele a Sant'Ambrogio di Torino, l'Eremo di Santa Caterina del Sasso a Leggiuno sul Lago Maggiore e il Santuario Madonna della Corona a Caprino Veronese.

Articoli correlati

Basilica Monte Berico, Vicenza
Monte Berico
Foto di andrea.drago
Weekend al Santuario della Madonna di Monte Berico
Abbazia di Casamari
Abbazia di Casamari
Situata nel territorio di Veroli a metà strada tra Frosinone e Sora, su di un collina rocciosa sorge l’Abbazia Circestense di Casamari.
Panorama La Verna
Chiusi della Verna
Foto di Marco Caruso
Weekend al Santuario della Verna, luogo ricco di fascino che trae forza e bellezza dall’ambiente che lo circonda
Abbazia di Montecassino
Abbazia di Montecassino
L’Abbazia di Montecassino, attraverso l’instancabile lavoro dei suoi abati, fu per tutto il medioevo un centro culturale di estrema im..
Assisi, Umbria
Assisi
Assisi è il luogo simbolo di ogni pellegrinaggio.
Cascia
Cascia
Foto di Wikipedia
Cascia è un luogo di pellegrinaggio noto per Santa Rita, che ha fedeli sparsi in tutto il mondo

Cosa mangiare a Rieti Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Carciofi alla Giudia
Piatto della tradizione giudaica, realizzati con i carciofi romaneschi che dopo essere stati puliti delle foglie esterne, vengono cotti immersi a testa in giù nell’olio extravergine.
guarda
Bucatini all’Amatr..
Nata ad Amatrice era un piatto povero preparato dai pastori che utilizzavano solo quello che avevano: la pasta, il guanciale, il pecorino, il pepe nero, lo strutto e qualche pomodoro maturo.
guarda
Bignè fritti di San..
Queste paste sono i classici bignè che anziché essere cotti al forno vengono fritti in abbondante olio, riempiti di deliziosa crema pasticcera e imbiancati con zucchero a velo.
guarda
Saltimbocca alla rom..
Fettine di vitello sopra le quali va posizionata una fetta di prosciutto e una foglia di salvia, poi arrotolate e sigillate con un stuzzicadenti. Cotte con burro e irrorate di vino bianco.
guarda
Porchetta di Ariccia
La porchetta viene cotta alla brace dopo che sia stata aromatizzata con sale, pepe e tantissime erbe. Dopo una lunga cottura viene servita fredda.
guarda
Minestra di Broccoli..
Primo piatto di una povera (a quei tempi) cucina che si compone con broccolo romanesco a pezzi e arzilla, ossia il pesce razza. Un sapore d’altri tempi.
guarda
Abbacchio alla scott..
Piatto della tradizione romana è fatto al forno con le patate. E' un agnellino da latte e può essere cucinato alla cacciatora con aglio, rosmarino, acciuga, peperoncino e vino bianco.
guarda
Pizza di Civitavecchia
Tipico dolce dell’Alto Lazio, si prepara tutto l’anno anche se durante il periodo Pasquale è tradizione mangiarlo. Ingredienti: farina, ricotta, zucchero, pasta di pane, burro e uova.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK