Weekend a Gropparello

Un tuffo nel passato al Castello di Gropparello

Gropparello

Un luogo particolarmente adatto alle famiglie per trascorrere insieme ai bimbi una giornata davvero fuori dal tempo.

Dall’intrattenimento per i più piccini alle rievocazioni storiche, dalla maestosità del Castello all’immensità del bosco e del prato dove fare un bel pic nic, le proposte di questo luogo sono tutte a tema medioevale.

E’ proprio nel bosco delle fiabe dove i bambini fanno esperienza diretta di questi luoghi incantati nel quale vivono personaggi delle favole come principesse, cavalieri, maghi ed orchi.

Recandosi al castello di Gropparello ci si trova davanti ad un piccolo ma significativo esempio di come il nostro patrimonio culturale e storico dovrebbe e potrebbe essere valorizzato. Nonostante la roccaforte non sia particolarmente arredata, almeno la parte visibile al pubblico, ha attorno a sé un’ambientazione coinvolgente, con guide in grado di relazionarsi perfettamente sia con i bambini che con gli adulti, raccontando le curiosità e i dettagli più interessanti dei luoghi che si visitano. Dopo una prima parte di giornata, trascorsa tra bosco e castello è possibile pranzare al sacco sul prato oppure, previa prenotazione al momento dell’ingresso avere un tavolo al costo di 1€, cosa consigliatissima specie nei week end di sole, quando l’affluenza in questo luogo è davvero massiccia ma mai fastidiosa.

Nella struttura è presente un solo bar quindi è necessario armarsi di pazienza e aspettar e il proprio turno ma anche in questo caso si parla di un piccolo neo rispetto alla bellezza dell’esperienza che viene offerta al pubblico. Il servizio, infatti è ottimo e la cordialità dello staff che accoglie, guida e supporta ogni esigenza degli ospiti, non viene mai meno.

Battaglie, favole ed avventure per una giornata dalle atmosfere magiche

Gropparello

Alla storia si abbina lo spettacolo: un cavaliere conduce in un’avventura, che dura circa un’ora, i bambini per sconfiggere streghe ed orchi che abitano il bosco delle fiabe: si tratta di un’atmosfera magica che lascia ampio spazio alla fantasia ed accende l’entusiasmo di tutti i più piccoli, chiamati in prima persona a rivestire il ruolo di eroi. Armati di tutto punto, con mantelline, foderi e spade, i bambini partono alla carica seguendo la narrazione, curata in tutti i dettagli, del cavaliere Guglielmo che nell’arco della storia si imbatte in personaggi divertenti e mai scontati, come la strega, il druido, la fata ed il boscaiolo. Il tutto si conclude con un’epica battaglia per sconfiggere il malvagio orco che infesta la zona. Sorpresa, stupore meraviglia e divertimento sono le parole chiave della splendida giornata che si può trascorrere in questo luogo immerso nella natura.

Specie nei periodi primaverili ed estivi, è possibile far partecipare i più piccini anche ai laboratori ad ambientazione medievale che vengono allestiti per intrattenere i più piccoli dopo i pasti.

Al parco delle fiabe di Gropparello è possibile trascorrere mezza giornata e sfruttare il resto del tempo per visitare i castelli che si ergono nelle vicinanze oppure decidere per il “pacchetto completo” partecipando a tutte le attrazioni previste nell’area fino al tardo pomeriggio. Come già accennato questa location è particolarmente adatto alle famiglie che qui possono trascorrere una giornata tranquilla e coinvolgente, all’insegna della fantasia e del relax, con la certezza di offrire ai bimbi uno spettacolo e un divertimento che ricorderanno a lungo.

Ad ogni castello il suo spettro
Sono tante le leggende sui fantasmi che di tanto in tanto si manifestano all'interno delle mura dei castelli. Quella che riguarda il fantasma di Rossania Fulgosio nel Castello di Gropparello è una delle più celebri. Altre storie di spettri vedono come protagonisti lo spettro di Branca Doria nella Chiesa di San Matteo a Genova, il fantasma di Caterina nel Castello Sforza di Imola, il fantasma del cavaliere e del suo cavallo nel Castello di Moncalieri, il fantasma di Azzurrina nel Castello di Montebello a Torriana, i fantasmi di Soleste e Moroello nel Castello di Bardi, il fantasma di Matelda nel Castello di Poppi, il fantasma di Lucida Mansi nell'Orto Botanico di Lucca, lo spettro di una donna nel Castello di Villar Focchiardo, gli spettri di Federico Barbarossa e Obizzo Malaspina nel Castello di Oramala a Val di Nizza, il fantasma del Castello di Fosdinovo a Sarzana, il fantasma di Avalda nel Castello di Monselice, lo spettro della Regina Elena degli Angeli nel Castello di Lagopesole ad Avigliano, il fantasma di Antonio d'Arco nel Castello di Arco e lo spettro di Gioacchino Murat nel Castello Aragonese a Pizzo Calabro.

Articoli correlati

Alla scoperta dei vini, delle pentole e dell'automobile per un divertente weekend con i bambini a Rozzano
Chiesa Prepositurale dei SS. Pietro e Paolo di Lissone
Lissone
Foto di Francescogb
Lissone, come trascorrere un week end culturale con i bambini tra musei e workshop
Gatteo
Gatteo
Foto di Alex Tony
Gatteo, una weekend di divertimento ma anche di relax
Riccione
Riccione
Foto di Sarahhoa
Riccione la Perla verde dell'Adriatico, un paradiso per giovani e famiglie
Il Parco acquatico Bolleblu di Borghetto
Parco Acquatico Bolleblu
Foto di youtube
Il weekend in un parco acquatico è sempre vincente ed ilParco acquatico Bolleblu di Borghetto Borbera vi offre la possibilità di trasco..
Parco Giardino Sigurtà
Parco giardino Sigurtà
Foto di drs1ump
Scopri l'incantevole parco in un week end di puro relax a pochi passi da Verona

Cosa visitare nei dintorni di Gropparello Per chi ama viaggiare

Clicca qui per attivare la mappa

Cosa mangiare a Gropparello Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Zuppa di anguille
Tipico piatto di Comacchio dove le anguille si preparano con cipolla, odori, pomodori, scorza di limone e aceto.
guarda
Lasagne alla bolognese
Famoso in tutto il mondo. Preparato con sfoglia all’uovo rettangolari poste in una pirofila alternando strati di ragù, besciamella e Parmigiano Reggiano grattugiato e cotte al forno.
guarda
Zampone
Prodotto con un impasto di carni suine, avvolto dall'involucro formato dalla zampa di un maiale e dopo averlo lessato si gusta da solo o con lenticchie.
guarda
Piadina
Semplice impasto di farina, strutto e sale trasformato in un disco cotto su un piano di pietra e servito guarnito di prosciutto e squaquarone
guarda
Tortellini in brodo
Piatto tipico emiliano e composti da sfoglia ripiena di carne, prosciutto, mortadella, uova, parmigiano e aromi e poi cotti nel brodo.
guarda
Tagliatelle al ragù
Si deve fare rosolare nel burro la carne di vitello tritata, prosciutto, carota, sedano, cipolla, pomodori e facendo cuocere il sugo che condirà le tagliatelle preparate in casa.
guarda
Prosciutto
Insaccato prodotto dalla coscia del maiale che viene conciata e stagionata in appositi depositi. Il più famoso per la sua dolcezza è quello di Parma.
guarda
Squacquerone
E’ un formaggio fresco e cremoso di colore bianco caratteristico Romagnolo, oggi diffuso non solo in Emilia Romagna . Si usa metterlo sulle piadine.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK