Weekend alle Grotte di Frasassi

Weekend alla scoperta delle famose grotte in provincia di Ancona

Grotte di Frasassi

Di natura carsica ed inserite nelle vicinanza di Genga, le grotte di Frasassi sono state aperte al pubblico solo nel 1974 dopo che la loro esplorazione, iniziata nel 1948, è stata completata. Si deve al gruppo speleologico di Ancona la scoperta dell’ingresso della Grotta del Fiume e da quel momento in poi, anche grazie ad altri gruppi, si proseguirono le scoperte che culminarono in una successione di itinerari che si districavano all’interno di un incredibile complesso di grotte e formazioni sotterranee.

La teoria di grotte inizia sin dall’attuale ingresso che è l’Abisso Ancona con un estensione di 180 metri per 120 e da un’altezza di circa 200. I visitatori possono oggi scegliere se effettuare un tranquillo percorso turistico accessibile a tutti (importante è scarpe comode e una felpa) della durata di circa un’ora e un quarto, oppure se optare per la speleo avventura all’interno della quale scegliere tra due soluzioni (percorso azzurro di circa due ore o percorso rosso, più impegnativo, di circa tre ore).

La visita turistica inizia dall’Abisso Ancona, una cavità tra le più grandi in Europa e nel mondo nel cui fondo si può vedere un ammasso di blocchi risultato dei movimenti distruttivi e dei crolli che si sono manifestati nel corso di millenni. Sulla destra del fondo si nota ‘l’angolo del paradiso’ mentre sulla parete sinistra in alto si decifra una formazione conosciuta come ‘fetta di pancetta’.

Un'emozionante avventura per il vostro weekend

Grotte di Frasassi

Continuando il percorso si trova in basso a destra un laghetto cristallizzato ad opera del carbonato di calcio e sopra a questa cristallizzazione è presente una stalagmite di oltre due metri che gli speleologi l’hanno battezzata come ‘il diavolo con la candela’. Colpisce l’attenzione la colata di calcite allo stato puro di grandi dimensioni che è conosciuta come ‘Niagara’. Proseguendo nella sala Abisso Ancona si nota un abbassamento della volta che conduce ad una seconda sala che è la ‘sala dei duecento’  al cui centro si trova un imponente gruppo di millenarie stalagmiti chiamate ‘ i giganti’ che, dopo la loro valutazione, sono stati considerati i più importanti della grotta. La Sala dei Duecento è così chiamata per la sua estensione che è appunto di circa 200 metri. Si entra trovando bizzarre concrezioni di color rossastro di cui, una di queste, si è formata su di una roccia caduta dalla volta e formata da tante stalagmiti somiglianti a guglie formando così ‘la colonna’. Superato l’obelisco si può vedere un pozzo che conduce alla ‘sala Barbara’.

Oltrepassata la sala dei 200 si giunge al Grand Canyon, così definito perché si devono attraversare dei crepacci in fondo ai quali si trovano cavità allagate. Dopo aver ammirato un gruppo di stalatiti che sembrano della canne di organo, si accede alla sala dell’Orsa che presenta imponenti pozzi da dove risalivano le acque solfuree e successivamente la sala Infinito.

Gli amanti della speleologia possono cimentarsi nel percorso azzurro, che non presenta particolari difficoltà e che rappresenta un primo necessario passo da compiere per entrare in questo affascinante mondo della speleologia. Il percorso è caratterizzato da brevi arrampicate, cunicoli, strettoie e scivoli. Il fuori percorso inizia dalla sala Infinito attraverso la strettoia della ‘cannella’ per giungere alle ‘quattro sorelle’ una lunga galleria che conduce alla ‘sala finlandia’ e prosegue per la ‘sala del bivacco’  ella ‘sala Gentile da Fabriano’ e alle ‘pelli di leopardo’ dove terminerà l’esperienza.

Il percorso rosso presenta delle difficoltà più evidenti rispetto all’azzurro ed è quindi consigliabile a tutti coloro che abbiano già fatto delle esperienze. Anche questo inizia dalla ‘sala infinito’ e poi, sarà necessario affrontare una voragine di 30 metri ‘pozzo Falconara’ dopo essere stati messi in sicurezza ed arrivando ai ‘cunicoli bassi’ che vanno affrontati strisciando a carponi  per poi arrampicarsi per 10 metri su di una scivolosa condotta chiamata ‘salita delle spaccata’. Dopo aver percorso alcune sale, troveremo le ‘catacombe’ che rappresenteranno la fine del percorso.

Articoli correlati

Panorama nella nebbia, Chiusdino
Chiusdino
Tra colline, montagne e valli, in un territorio disegnato da corsi d'acqua, si trova il caratteristico Chiusdino.
Palazzina di caccia di Stupinigi
Stupinigi
Un tuffo nel passato a Stupinigi
Villa Hanbury
Ventimiglia
Villa Hanbury e i suoi splendidi giardini si trovano in Liguria sul promontorio della Mortola non distante da Ventimiglia e dal confine Fr..
Veduta panoramica di Caprarola
Caprarola
Foto di Jordi
Weekend fuori porta a Caprarola, uno dei Borghi più belli d'Italia
Riserva Naturale Statale della Gola del Furlo Marche
Gola del Furlo
Weekend fuori porta in un un autentico paradiso dove le acque del fiume Candigliano si insinuano fra imponenti pareti rocciose.
Il parco di Salice Terme
Salice Terme
Foto di Rosario
Un angolo vacanziero inaspettato, un weekend all'insegna del benessere e del relax in mezzo al verde.

Cosa mangiare a Ancona Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Beccute
Tipiche pagnottine di pane dolce a base di farina e decorate con pinoli ed uva sultanina.
guarda
Stoccafisso in potac..
Stoccafisso preparato con una sorta di brasatura cottura della vivanda in un intingolo a base di vino, olio, aglio, odori e pomodoro.
guarda
Rana pescatrice e po..
La rana pescatrice o coda di rospo ha un aspetto poco attraente ma le sue carni sono saporite e magre.
guarda
Olive ascolane
Tradizionale piatto marchigiano fatto da olive ripiene di tre tipi di carne differenti unite a Parmigiano Reggiano verdure e aromi e successivamente fritte nell’olio.
guarda
Vincisgrassi
Variante regionale delle lasagne al forno condite con ragù e besciamella dove sono presenti anche rigaglie di pollo,midollo e cervella bovine.
guarda
Brodetto di pesce
Tipica zuppa di pesce che annovera almeno nove/dieci specie che vengono cotte in brodo di pesce e aromi.
guarda
Casciotta di Urbino
Formaggio prodotto con latte di pecora intero, al quale si unisce latte vaccino le cui forme sono salate a secco oppure con un metodo che alterna immersione in salamoia e salatura.
guarda
Tartufo di Acqualagna
Prezioso per profumare uova al burro, tagliatelle, risotti e insalate. Richiede vini preferibilmente aromatici.
guarda