Spiaggia a Dicembre. Campomarino, Puglia

Weekend in Puglia

L’antropologo del Sud Ernesto De Martino, uno dei più importanti ricercatori italiani del folklore studiò il fenomeno del tarantismo spiegando che si trattava di un fenomeno isterico che colpisce una persona come se questa fosse stata pizzicata da una taranta, un animale specificato solo nella tradizione contadina che lo paragona ad un ragno. Ed è proprio nel Salento che lo studio di questo fenomeno fu analizzato e studiato anche da etnomusicologi ed antropologi che percorsero il territorio tra Copertino, Galatina e Nardò. La taranta è al giorno d’oggi un genere musicale rivalutato come genere popolare che, coinvolgendo gente di ogni età, si rifà alle antiche tradizioni contadine pugliesi di un tempo anche se rivisitate in chiave moderna.

Ma il folklore in Puglia si evidenzia in una miriade di sagre, feste, processioni ed eventi che caratterizzano ognuno a proprio modo, antichi riti ed arcaiche feste. La Fòcara a Novoli, la Settimana Santa a Taranto, la processione delle Fracchie a San Marco in Lamis e quella della Desolata a Canosa di Puglia, la processione del cavallo parato a Brindisi, la Festa del Soccorso a San Severo, il Carro Trionfale di Sant’Oronzo a Turi, la Scamiciata di Fasano, la Passione di Cristo a Lizzano e Ginosa sono alcune delle più famose che si aggiungono al celebre Carnevale di Putignano, uno dei più antichi d’Italia.

Non si vive di solo pane, ma anche di olio, pesce e pasta

Pane di Altamura, Forno di Santa Chiara

Nello sconfinato tavoliere delle Puglie, l’agricoltura viene valorizzata attraverso una produzione significativa di olio, verdure e cereali e questi sono ingredienti perfetti per la preparazione di piatti che si rifanno integralmente a questo territorio che gode anche del mare che  lo delimita sia dalla parte Adriatica che da quella Jonica.

Il famoso pane di Altamura preparato secondo tradizione con farina di semola dura e cotto nel forno a legna è uno dei tanti prodotti DOP che vedono luce in questa regione. La pasta fatta in casa come le orecchiette, gli strascenate, i troccoli, le pociacche, le chiancarelle sono tutti tipi di maccheroni che verranno poi conditi con ragù di carne o di pesce.

Deliziose le pucce e la celebre frisedda, una ciambella di farina integrale o bianca, caratterizzata dall’avere un buco molto stretto e che viene cotta al forno e poi tagliata in due per essere cotta di nuova e poi inzuppata nell’acqua fredda e condita con sale pepe olio pomodoro e cipolla.

Nota anche la casseruola di polipetti che si prepara sulla costa soprattutto a Taranto ma in tutti i paesi che si affacciano sul litorale ci si può saziare con ricci, cozze, datteri di mare, molluschi e freschissimo pesce che viene utilizzato da solo oppure per i condimenti per le paste asciutte.

La terra e le masserie

Masseria a Uggiano Montefusco, Puglia
Foto di Francesco

Testimoni inequivocabili di un tempo passato, sono  le masserie, antichi casali di campagna che erano case di proprietari terrieri. Solitamente all’interno di uno spazio cinto da alte mura di calcina, oltre alla casa padronale erano edificati altri ambienti che venivano utilizzati come magazzini e dimore per i contadini che lavoravano la terra alle dipendenze del padrone.

Rappresentavano oasi di vita in mezzo ad una campagna tanto dura quanto prosperosa, dove il lavoro quotidiano era l’unica ragione di vita. Con l’abbandono progressivo dell’agricoltura a favore di una emigrazione verso la città, il senso della masseria è venuto meno con il tempo fino a recuperare recentemente, con una filosofia tendente alla valorizzazione del territorio, sia il concetto di agricoltura che delle vecchie tradizioni.

Oggi nel territorio della Puglia moltissime masserie si sono tramutate in resort di lusso e bed&breakfast di ultima generazione dove, all’originale impianto architettonico sono stati fatti lavori di interior design che hanno saputo rendere confortevole (e spesso molto sofisticato) lo spazio interno senza provocare alcuna modifica esteriore. Ciò non esclude il fatto che l’atmosfera che si respira vivendo un soggiorno in una masseria non faccia galoppare la nostra fantasia facendogli percorrere immagini di contadine sedute a mondare le olive appena raccolte mentre schiere di ragazzini scalzi giocano strillando tutto intorno mentre aspettano l’arrivo del padre dopo un giorno di crudo lavoro nei campi.

Una sfida rimasta nei secoli

Castel del Monte, Puglia

Luigi XII di Francia e Ferdinando II di Aragona con il Trattato di Granada si divisero il Regno di Napoli nel 1500 ma subito nacquero i primi disaccordi tra le forze occupanti su come interpretare il trattato a proposito della terra di mezza. Fu così che due anni dopo si aprirono le ostilità tra i due eserciti e quello spagnolo, in inferiorità numerica, chiese l’aiuto degli italiani che si distinsero in alcune battaglie.

Durante la prima fase del conflitto i francesi occuparono molta parte del territorio spagnolo che si ridusse a poche roccaforti in Calabria e in Puglia dove, a Barletta, stabilirono il loro quartier generale. Durante una scaramuccia avvenuta a Canosa di Puglia, le truppe spagnole fecero prigionieri molti francesi. Il 15 gennaio del 1503 i prigionieri furono invitati ad un banchetto come ospiti del governatore spagnolo in una cantina locale dove, un nobile francese tacciò il valore degli italiani accusandoli di vigliaccheria. Un comandante spagnolo difese gli italiani dicendo che potevano competere per valore ai francesi e per redimere la disputa fu organizzato un duello che avrebbe avuto 13 cavalieri per parte che si sarebbero scontrati nella piana tra Andria e Corato, nel territorio di Trani. Il duello fu organizzato fin nei minimi dettagli in modo da fugare qualsiasi dubbio circa il valore dei cavalieri. Ettore Fieramosca, che si era già distinto in diverse battaglie, fu scelto come capitano degli italiani mentre Guy La Motte lo fu per i francesi. Dopo aver giurato di vincere o morire, avvenne la disfida di Barletta che vide la vittoria degli italiani che salvò l’onore dei cavalieri e rese celebre la piana dove oggi è ancora visibile un epitaffio che celebra lo scontro d’armi.

Articoli correlati


B&B Villa Silmona
Villa Silmona
Se avete in programma una visita nel Salento non potete astenervi dal soggiornare nel bell’agriturismo Villa Silmona ad Aradeo, dove vi ..
 Masseria La Rascina
Ostuni
Vivere in pieno centro ad Ostuni a contatto con la realtà dei salentini è possibile qualora si scelga di prenotare un'economico B&B dove..
Palazzo De Mori
Otranto
Per immergersi dentro una particolare atmosfera che appartiene al passato, risulta ideale riservare un economico Bed & Breakfast nel cuore..
Scegiete i Bed & Breakfast econonomici che si trovano nel centro città e che agevolano le visite a piedi della parte più interessante di..
Non fatevi sfuggire la possibilità di prenotare una stanza presso un moderno ed economico B&B dell’affascinante centro storico, la pitt..
B&B Santa Croce
Lecce
Per sfruttare al meglio la verace realtà di Lecce, scegliete di prenotare un B&B o una stanza economicada uno dei tanti affittacamere pre..
Le Dimore Centro B&B
Gallipoli
Oltre all’evidente risparmio, scegliere una sistemazione economica a Gallipoli offre la particolarità di vivere a contatto con dei sale..
Antica Masseria Jorche
Taranto
Recensione delle migliori cantine di Taranto dove poter degustare i vini prodotti e conoscerne la storia
D'araprì
Foggia
Foto di D'araprì
Recensione delle migliori cantine di Foggia dove poter degustare i vini prodotti e conoscerne la storia
Cantele
Lecce
Foto di Cantele
Recensione delle migliori cantine di Lecce dove poter degustare i vini prodotti e conoscerne la storia

Cosa mangiare in Per chi è alla ricerca di nuovi sapori

Schiuma di mare
Semplice antipasto composto da alici piccole e tenere, sono da gustare crude, con un po’ di limone.
guarda
Orecchiette con cime..
Tipica pasta preparata con semola di grano duro e poi cotta in acqua bollente insieme alle cime di rapa e mantecata con soffritto a base di acciughe sott’olio.
guarda
Cartellate
Strisce di pasta sfoglia, fritte e ricoperte di miele, zucchero e cannella: una vera golosità.
guarda
Casseruola di polipe..
Trattasi di un ragù a base di olio, cipolla, vino bianco, salsa, prezzemolo e pepe.
guarda
Scapece
Antico piatto di tradizione marinara a base di pupiddi, piccolissimi pesciolini marinati in aceto, mollica di pane e zafferano.
guarda
Puccia
Vero e proprio panino fatto al forno a legna, ma più saporito e morbido, arricchito da molte olive nere all’interno.
guarda
Frisedda
Ciambella di farina bianca o integrale, cotta al forno e poi tagliata in due e di nuovo cotta nel forno, quindi inzuppata nell'acqua e condita con sale, olio, pepe, pomodoro e cipolla.
guarda
Ricci di Savelletri
Ricci di mare da mangiare crudi con succo di limone oppure con pasta saltata aglio olio e peperoncino.
guarda

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK